Arrosto di tacchinella tricolore, secondo piatto delle feste

Arrosto di tacchinella tricolore, secondo piatto delle feste. Anche l’occhio vuole la sua parte! E questo arrosto tricolore di tacchinella accontenta occhio e palato! Un arrosto sontuoso, perfetto per un pranzo importante (indicatissimo per le  feste natalizie), ma anche per il classico pranzo della domenica. Mi diverte prepararlo, sovrapponendo, a strati, frittatina e spinaci, legarlo ben stretto con spago da cucina e cuocerlo prima sul gas e poi al forno! E…..nel servirlo in tavola…..un applauso e tanti complimenti …….

Leggi anche:

Vitello arrosto e funghi trifolati

Arrosto di vitello al melograno

 

Arrosto di tacchinella tricolore - Così cucino io
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    1 ora
  • Cottura:
    2 ore
  • Porzioni:
    10-12 porzioni
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • 1 kg petto di tacchinella (appiattito “a fetta”)
  • 3-4 uova
  • 300 g spinaci lessati
  • q.b. sale
  • 1 pizzico pepe
  • 1 spicchio aglio
  • q.b. olio extravergine di oliva
  • 1 bicchiere vino bianco secco
  • 2 foglie salvia
  • 1 rametto rosmarino
  • 1 foglia alloro

Preparazione

  1. Sbattere leggermente le uova, condirle con sale e pepe e preparare una frittatina sottilissima, cuocendola da ambo i lati in una padella abbastanza grande con un cucchiaio d’olio extravergine di oliva. Mettere da parte la frittata e farla raffreddare.

    Strizzare molto bene gli spinaci e passarli in padella con olio, aglio, sale e pepe. Farli raffreddare e tagliuzzarli finemente.

    Stendere la fetta di tacchinella su un piano, spolverarla con sale e pepe appoggiavi la frittatina e sopra di essa gli spinaci distribuendoli in uno strato regolare.

    Arrotolare la carne, chiudendo bene gli angoli e legarla con spago da cucina formando un rotolo ben stretto.

    Scaldare uno spicchio di aglio in olio extravergine di oliva, appoggiarvi il rotolo di tacchinella e farlo rosolare su tutti i lati.
    Condire con sale, pepe e erbe aromatiche, bagnare con il vino bianco, farlo evaporare, mettere il coperchio a metà casseruola e far cuocere per circa mezz’ora rigirandolo spesso finchè prende un colore dorato.

    Passare la casseruola in forno per circa un’ora e mezza, continuando a girare il rotolo di tanto in tanto, irrorandolo con il fondo di cottura e aggiungendo, se necessario, poca acqua calda.

    A fine cottura, far intiepidire l’arrosto, affettarlo, filtrare il fondo di cottura, versarlo sulle fette di carne e servire….

    Purè di patate o funghi trifolati? A voi la scelta…..

Un consiglio

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook  COSI’ CUCINO IO

 
Precedente Fuselli di pollo alla clementina Successivo Acquapazza di merluzzo, gamberi e calamari

Lascia un commento