Crea sito

Gnocchi senza patate alla sorrentina

DSCI1183

Gnocchi alla sorrentina senza patate

Vi presento la ricetta degli gnocchi della mia nonna, che ora non c’è più, rigorosamente senza patate! A lei dedico questa ricetta, cui noi in famiglia siamo molto affezionati. Si tratta di gnocchi buonissimi, preparati semplicemente con acqua e farina. Ricordo che li preparava sempre per noi nipoti quando venivamo invitati la domenica a pranzo: infatti, tradizionalmente, gli gnocchi dalle nostre parti si preparano per il pranzo domenicale, mentre in altre zone d’Italia, si preparano solitamente il giovedì.

Sono gli gnocchi più buoni che abbia mai mangiato, vi posso garantire che la loro resa in cottura è superiore a quelli con le patate. Vi consiglio davvero di preparare questi gnocchi che risultano essere meno farinosi e pastosi rispetto a quelli realizzati con le patate. Sono davvero eccezionali e la morte loro è “alla sorrentina”, anche se potrete condirli in altro modo… In questa ricetta vi propongo i classici gnocchi alla sorrentina, conditi, cioè, con un buon ragù e tanta, ma tanta mozzarella filante, da gratinare in forno.

Vediamo come si fanno!

Ingredienti per 6 persone

  • 1 lt d’acqua
  • 1 kg di farina 00 (o semola rimacinata, o metà e metà)

Procedimento

Mettete in una pentola capiente 1 lt di acqua, appena bolle, spegnete la fiamma, e versatevi 1 kg di farina (io faccio metà farina 00 e metà farina di semola rimacinata), girate energicamente con un cucchiaio di legno per amalgamare il tutto.

Poi trasferite il composto su una spianatoia su cui avrete messo un pugno di farina, fate raffreddare un po’ ed impastate a mano a mano fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo. Fate riposare per mezzora coperto da un canovaccio o da una ciotola a campana per evitare che si secchi in superficie e procedete a formare gli gnocchi.

Con un tagliapasta, tagliate dal panetto principale vari pezzi, che arrotolerete con i palmi delle mano sulla spianatoia, formando dei rotolini dal diametro di un dito mignolo e tagliateli a tocchetti dalla lunghezza di circa 2 cm. Passare gli gnocchetti sui rebbi di una forchetta o sull’apposito attrezzo, il tarocco, per farli rigati in superficie.

DSCN2388

Mano mano che fate gli gnocchi metteteli su un vassoio ben infarinato di semola. Quando avete finito, dare una spolverata di semola sopra gli gnocchi, copriteli con uno canovaccio e fateli riposare a temperatura ambiente per qualche ora.

DSCI2257

Gli gnocchi si possono anche tranquillamente congelare.

Si sistemano su un vassoio, poi dopo una notte in freezer, si mettono gli gnocchi ormai surgelati nei sacchetti per congelare: in questo modo, occuperanno meno spazio nel vostro congelatore. Per quanto riguarda la cottura degli gnocchi congelati, non occorre scongelarli: si buttano in acqua salata bollente ancora surgelati, al limite ci vorrà un minuto di cottura in più.

DSCI2777

  gnocchi pronti per essere cotti

Prima di cuocere gli gnocchi, metterli in uno scolapasta e scuotetelo per eliminare la farina in eccesso. Per quanto riguarda la cottura, portate ad ebollizione l’acqua in una capace pentola, salatela, versateci un cucchiaio di olio extra vergine d’oliva (serve per evitare che si attacchino tra di loro) e tuffateci gli gnocchi. Saranno pronti quando saranno saliti in un superficie, a galla. Mescolate gli gnocchi con un mestolo, man mano che saliranno a galla tutti. Ci vorranno circa 4-5 minuti, consiglio di assaggiarli in ogni caso per saggiarne la cottura.

DSCI2781

 

Scolate gli gnocchi e conditeli a vostro piacimento. La tradizione campana li vuole con il condimento alla sorrentina, fatti poi gratinare un po’ nel forno! Condite, quindi, gli gnocchi scolati in una zuppiera con il ragù e spolverizzate con abbondante parmigiano grattugiato. In una pirofila da forno mettete uno strato di gnocchi conditi, mozzarella (o fior di latte o provola) a cubetti, date una spolverata di parmigiano, coprite con un altro strato di gnocchi,  terminate con altra mozzarella e altra spolverata di parmigiano grattugiato. Ponete gli gnocchi a gratinare in forno a 200° per circa 10 minuti, in funzione grill.

IMAG0826_1La versione classica è costituita dagli gnocchi alla sorrentina serviti nei tegamini di terracotta. Non saprei dire cosa c’è di più buono di questo primo piatto! 🙂

IMAG0829_1Gni gnocchi gratinati nei tegamini di coccio sono degni delle migliori e rustiche trattorie.

L’utilizzo di una mozzarella di buona qualità (anche di bufala), renderà gli gnocchi alla sorrentina un primo piatto favoloso! Per quanto riguarda l’utilizzo della mozzarella di bufala, è preferibile utilizzare della mozzarella fatta sgocciolare 1-2 giorni in frigorifero, meglio ancora se si tratta della mozzarella surgelata e fatta scongelare. In questo modo non perderà troppo latte in cottura.

IMAG0831Se vi è piaciuto questo articolo, vi invito a cliccare “Mi piace” sulla mia pagina fb https://www.facebook.com/pages/Dolcesalatoconlucia/441574555973258  per non perdevi tutte le novità!

Pubblicato da dolcesalatoconlucia

Ciao a tutti, ho 30 anni, vivo e lavoro in prov. di Napoli e ho una grandissima passione per la cucina. Il mio interesse è rivolto parimenti al dolce quanto al salato. Spero di poter dare un forte contributo e aiutarvi nelle vostre creazioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.