Crea sito

Cacciatello (San Marino)

La Repubblica di San Marino così come la Città (stato) del Vaticano sono due particolarità dell’Italia, ovvero sono due Stati all’interno di uno Stato. In entrambi si parla italiano, in entrambi si usava la Lira italiana (e ora l’Euro) in entrambi si mangia italiano.

Se accedere alla Città del Vaticano è piuttosto complicato, così non è per San Marino a cui, sebbene non faccia parte né dell’Unione europea e né dell’Area Schengen, è consentito l’ingresso tramite la sola carta d’identità in corso di validità e valida per l’espatrio a tutti i cittadini italiani, e più in generale a tutti quelli appartenenti ad un altro Stato dell’Area Schengen.

La cucina sammarinese è assimilabile a qualla romagnola, emiliana e marchigiana, ma ha alcune specilità nate proprio in seno alla più antica repubblica al mondo (fondata il 3 settembre 301, ma riconosciuta nel 1291), tra queste soprattutto dei dolci, come: la Torta Titano e Tre Monti, le cui ricette sono “segrete” (le ho cercate ovunque!!), così come quella del cacciatello, dolce antico a base di latte, zucchero e uova. che veniva cotto nel camino, sostenuto dagli alari, coperto da un largo coperchio. Le braci, non troppo vivaci per mantenere una cottura lenta, lenta, venivano posizionate sotto, fra gli alari e sopra il coperchio e venivano sempre monitorate per mantenere una temperatura giusta e costante e che non facesse mai giungere a bollore. 

Con fatica…Ecco la ricetta tradizionale che viene tramandata di madre in figlia da centinaia di anni…. e reperita grazie al blog di nonnanerina.

  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora 30 Minuti
  • Porzioni6 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 150 gfarina
  • 5uova
  • 1tuorlo
  • 500 mllatte
  • 180 gzucchero
  • q.b.cannella in stecca
  • q.b.scorza di limone
  • 6chiodi di garofano

Per il sacchettino degli aromi:

  • 1 garza
  • filo di cotone

Preparazione

  1. Preparare una sfoglia sottile con solo farina e acqua: mettere sul tagliere la farina a fontana e integrare l’acqua a poco a poco, mescolare e impastare, formare una palla e tirare una sfoglia col mattarello.

    Prendere questa sfoglia sottile e rivestire la tortiera ricoprendo anche i bordi e cercando di evitare la formazione di pieghe.

    In un garza preprarare gli aromi: unire la scorza del limone, solo la parte gialla, la cannella e i chiodi di garofano, legare con filo di cotone formando un sacchettino.

    In una ciotola mischiare le uova (e il tuorlo) con lo zucchero e aggiungere, poco alla volta il latte. Mescolare bene. Versare in un pentolino attraverso un colino, aggiungere il sacchettino con gli aromi e porre a bagnomaria su fuoco mescolando finché inizierà ad addensarsi evitando però di raggiungere la bollitura.

    Quando la crema si sarà addensata, toglierla dal fuoco, togliere il sacchettino degli aromi e versare la crema nella tortiera rivestita di sfoglia.

    Infornare in forno già caldo a 150° circa per 1 ora e 20/30 minuti.

    Servire caldo o freddo, tagliare a pezzi o come preferisci.

I vini di San Marino sono tra i migliori e i più rinomati d’Italia e sono il Sangiovese, l’Albana, il Moscato e il Biancale.

Link affiliato #adv

Guida completa al piccolo stato.

Arte, storia e tradizioni della Repubblica di San Marino, 11,40 €

/ 5
Grazie per aver votato!
Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato da viaggiandomangiando

Classe 1980, ligure, ha pubblicato tre romanzi e altrettante raccolte di poesia, diplomata al Centro Sperimentabile di Cinematografia in sceneggiatura e produzione fiction televisiva, si occupa dell'organizzazione degli eventi artistico/culturali dell'associazione di cui è presidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.