Crea sito

Ricetta lievito madre Ricetta Fatta in casa Tutorial con i consigli giusti

Ricetta lievito madre Ricetta Fatta in casa un Tutorial con i consigli giusti ed avere una pasta madre attiva e sempre pronta per dolci e salati.
Fare in casa la pasta madre è semplice, bisogna rispettare delle semplici regole che ci faranno ottenere un lievito molto naturale e fatto da noi. Usare il lievito madre nelle ricette dolci e salate è semplice, la regola fondamentale è quella di rinfrescarlo bene, 2 volte al giorno almeno 2 giorni prima di utilizzarlo, in questo modo saremo sicuri che otterremo dei lievitati perfetti gonfi e soffici.
Il lievito o pasta madre è semplicemente ottenuto dal moltiplicarsi di batteri naturali capaci di far fermentare e lievitare gli impasti. Per realizzare un ottimo lievito basterà avere in casa della farina 0 e un cucchiaino di miele oppure della polpa di frutta che saranno in grado di fermentare e quindi di moltiplicare di volume. Tanto sara’ rinfrescato il lievito e meglio sara’ attivo e quindi utile per far lievitare i nostri dolci o salati.

Una volta realizzato potrete fare tutte le ricette con lievito madre che desiderate eccone alcune: Cornetti con lievito madre qui la ricetta , Pizza Bonci con lievito madre croccante e alta , Krapfen con lievito madre QUI la Ricetta ripiena e soffice.

ricetta lievito madre ricetta lievito madre
  • CucinaItaliana

Ingredienti per la Pasta madre

  • 100 gFarina 0
  • 100 mlAcqua
  • 1 cucchiainoMiele di acacia

Come fare in Casa la Ricetta del Lievito madre

  1. Per fare in casa il lievito madre ho utilizzato il miele di acacia che ha un sapore abbastanza neutro ed un colore chiaro e quindi non andrà a sentirsi troppo negli impasti.

    Per questa ricetta abbiamo bisogno di un barattolo ermetico sterilizzato poiché il lievito deve sviluppare solo con batteri buoni e non con altri tipi di batteri.

    In alternativa al miele possiamo utilizzare un cucchiaino di polpa di mela.

  2. ORE 20:00

    Impastare tutti gli ingredienti in una ciotolina, poi mettere l’impasto sulla spianatoia e dargli una ripassata con le mani facendo attenzione ad ottenere una palla bella soda. Ponete l’impasto in un barattolo di vetro sterilizzato ed ermetico oppure in una ciotola di vetro trasparente coperta da pellicola. Io ho avvolto il barattolo in due coperte di lana cercando di creare una temperatura ideale di circa 25°/26°. Mettete il barattolo da parte in dispensa magari.

  3. DUE GIORNI DOPO ORE 20:00

    L’impasto e’ esploso nel vasetto di vetro, se non vi lievita dopo due giorni non scoraggiatevi lasciatelo li’ senza aprirlo per un’altro giorno, magari ha bisogno di più tempo. Comunque se non e’ lievitato proprio cosi’ non buttatelo, il lievito madre ha bisogno di tempo e pazienza.

  4. PRIMO RINFRESCO

    Adesso iniziano i rinfreschi e qui bisogna tenere duro.

    Il concetto del rinfresco e’ quello di prendere l’impasto, pesarlo e aggiungere la stessa quantità di farina e mezza quantità d’acqua (es.300g d’impasto,300g di farina,150g di acqua)

    Pesate 200g  d’impasto aggiungete 200g di farina e 100g di acqua minerale circa, impastate bene il tutto tanto da ottenere una palla soda, incidetela in superficie e mettetela in una ciotola di vetro coperta da pellicola.Io ho avvolto la ciotola in due coperte di lana e l’ho lasciata lievitare fino al mattino dopo anche se e’ lievitato troppo.

  5. SECONDO RINFRESCO ore 9:00 del giorno dopo

    Prendere l’impasto, pesarlo, dovrebbe essere circa 500g ,altrimenti se e’ troppo toglietene un po’ ed unite 500g di farina e 200ml di acqua minerale, formate una palla soda lavorandola anche sulla spianatoia e noterete già che l’impasto sta’ cambiando, si formeranno delle piccole bollicine all’interno elemento che ci farà capire che stiamo facendo bene.Rimettere a lievitare praticando un taglietto in superficie.A questo punto ,per renderlo più forte e profumato ho deciso di rinfrescarlo più spesso facendo dei turni più brevi di rinfresco, anche perché cosi’ facendo sono riuscita ad ottenere un lievito madre buono e pronto per l’utilizzo dopo solo 10 giorni.

  6. TERZO RINFRESCO ore 20:00

    Prendere 500g d’impasto, 500g di farina e 200g di acqua , formare una palla soda ,praticare dei tagli in superficie e rimettere a lievitare.

  7. QUARTO RINFRESCO 0re 2:00 del mattino

    Prendere 500g d’impasto,500g di farina e 200g di acqua , formare una palla soda ,praticare dei tagli in superficie e rimettere a lievitare.

  8. ricetta lievito madre ricetta lievito madre ricetta lievito madre

    QUINTO RINFRESCO ore 11:00 del mattino

    500g d’impasto,500g di farina e 200g di acqua minerale,formare una palla soda ,praticare dei tagli in superficie e rimettere a lievitare.

    Rinfrescare in questo modo per una settimana 10 giorni circa ed otterrete un lievito buono, profumato e forte, dopodiche’ potrete utilizzarlo per i vostri impasti.Quando ve ne accorgerete?Se il lievito dopo 6 ore circa e’ lievitato allora significa che e’ pronto all’utilizzo.

  9. COME CONSERVARE il Lievito Naturale : questo lievito si conserva in frigo e va rinfrescato 1 volta ogni 2 giorni ma se si deve utilizzare almeno 2 volte al giorno 2 giorni prima di utilizzarlo.

    Si puo’ anche congelare e scongelare 2 giorni prima dell’ utilizzo e poi rinfrescarlo sempre 2 volte al giorno.

Come conservare il Lievito Madre

Il Lievito madre si conserva in frigo a lungo ma bisogna fare i rinfreschi ogni 2 giorni per mantenerlo attivo e sempre pronto per la realizzazione di ricette.

La pasta madre si puo’ anche congelare e tenere oltre 1 anno e basterà scongelarla un paio di giorni prima per poi rinfrescarla due volte al giorno per risvegliarla e poi panificare o realizzare ricette dolci.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

9 Risposte a “Ricetta lievito madre Ricetta Fatta in casa Tutorial con i consigli giusti”

  1. Ciao,
    bella ricetta, molto chiara, grazie.
    Una sola domanda: dopo il quinto rinfresco scrivi “rinfrescare in questo modo per una settimana-10 giorni”. Vuol dire che bisogna rinfrescare due volte al giorno (una alla mattina e una alla sera) oppure dopo il quinto si può fare una volta al giorno?

    1. Allora Davide dipende da te,se vuoi un lievito forte lo devi rinfrescare almeno due volte al giorno per una settimana circa,cosi’ potrai utilizzarlo subito!Dopo che il tuo lievito e’ pronto,e te ne accorgi dal fatto che lievitera’ in 6/8 ore cioe’ minimo raddoppiera’ il suo volume puoi tranquillamente conservarlo in frigo anche 10 giorni,ricordandoti di rinfrescarlo la sera prima di utilizzarlo!

  2. Grazie per questo tuo chiarissimo post, credo che da domani comincerò anch’io a fare il lievito madre a casa: spero che assomigli al tuo, anche perché vorrei provare la tua ricetta dei bomboloni che oggi ho letto. Brava!

  3. Ciao,
    grazie degli ottimi consigli e complimenti davvero!! Sono sicuro che alla fine ce la faro’. Ricordo che mia nonna conservava sempre la pasta madre in cucina. Oggi mi sarebbe molto utile.
    Ti pongo alcune domande per me importanti. Ai primi tentativi di attivazione coprivo il barattolo di vetro con una pellicola trasparente bucherellandola,con lo stecchino ma immancabilmente dopo un po’ vi entravano i moscerini. Devo evitare di bucherellarla? Oppure posso usare in sostituzione un panno di cotone?. Qual’è esattamente il modo migliore di coprire e proteggere la pasta madre? Va bene anche la farina tipo 0 non biologica per i rinfreschi? Per compensazione è bene continuare ad aggiungere ad ogni rinfresco un cucchiaino di miele per 300 grammi di prodotto totale?

  4. Grazie, mi sembra tutto chiarissimo. Solo una cosa: una volta ottenuto il lievito madre, non lo uso tutto, giusto? Uso quel che mi serve (rinfrescato) e poi il resto lo lascio in frigo, fino al prossimo uso. Ma così facendo, per quanto tempo resiste senza andare a male?

    1. Annamaria lo devi comunque rinfrescare una volta la settimana, in questo modo sara’ sempre perfetto, poi lo tieni in frigo! Il lievito madre e’ come una creatura che va’ nutrita periodicamente altrimenti muore. Quando dovrai poi utilizzarlo,per renderlo attivo dovrai rinfrescarlo ogni 24 ore per tre-quattro giorni tenendolo fuori dal frigo, cosi’ sara’ abbastanza forte da far lievitare gli impasti! Se hai altro non esitare a chiedere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.