VELLUTATA DI CAROTE

VELLUTATA DI CAROTE – Ricetta di Piero Benigni – Le vellutate sono apprezzate sempre, ma con l’arrivo dell’autunno e per tutto l’inverno raccolgono il massimo del gradimento. Quella di carota che vi presento è buona, delicata e particolarmente sana e leggera: la panna viene infatti considerata solo come aggiunta facoltativa e può tranquillamente essere omessa. Si prepara facilmente in circa 40′ e con spesa minima.

Vellutata di carote
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per 2 persone

  • 400 gcarote (peso da mondate e sbucciate)
  • 1patata (piccola, circa 120 g)
  • 1cipolla (piccola, circa 150 g)
  • 500 mlbrodo vegetale
  • q.b.erba cipollina (o prezzemolo)
  • q.b.paprika (dolce o piccante, se si vuole)

Per la vellutata di carote vi serviranno

  • Fornello
  • Casseruola
  • Tagliere
  • Coltello
  • Cucchiaio di legno
  • Bilancia
RICETTA DI PIERO BENIGNI

Il piatto è molto semplice e alla portata di tutti, con risultato garantito. La patata, presente in piccola quantità, serve a dare corpo e a legare i sapori senza coprire quello delicatissimo delle carote. Per prima cosa tritate la cipolletta e mettetela nella casseruola a soffriggere dolcemente per circa 15′. Sorvegliatela e rimestatela spesso, stando attenti che non si bruci. Al posto della cipolla potete anche usare 2 scalogni.

Nel frattempo mondate le carote e la patatina: lavatele, sbucciatele e tagliatele a pezzetti Preparate anche circa 500 ml di brodo vegetale, anche con granulare o un po’ meno di un dado. Quando la cipolla sarà ben trasparente e morbida, aggiungete il trito di carote e patata. Bagnate col brodo vegetale fino a coprire a filo ma non mettetene di più, perché quello che resta vi servirà alla fine se fosse necessario diluire un po’ la crema ottenuta.

Mettete il coperchio e fate cuocere dolcemente fino a che patata e carota non si faranno infilare bene dalla forchetta: ci vorranno 20-25′. A questo punto frullate col pimer per ottenere una crema omogenea e della finezza che preferite. Mettete a punto di sale e la vellutata è pronta. Potete aggiungere qualche aroma, che ci sta molto bene. Quelli più adatti al sapore della carota sono a vostra scelta lo zenzero in polvere o pochissima cannella, oppure ancora un po’ di paprica, dolce o piccante a vostro piacimento. Io prediligo quest’ultima, piccante.

Valutate se la consistenza del piatto vi piace, altrimenti tenete un po’ sul fuoco per farlo addensare oppure aggiungete qualche cucchiaio di brodo per diluirlo. Servite con un trito molto fine di erba cipollina e/o prezzemolo. Ci stanno molto bene anche un po’ di pepe e dei dadini di pane fritto. La vellutata è buona calda, tiepida e a temperatura ambiente. D’estate anche fredda.

A molti piace aggiungere della panna fresca liquida prima di servirla, ma non è indispensabile perché la mia ricetta vi assicura un piatto buono, leggero e delicatissimo anche senza. Se comunque volete aggiungerla, usate quella fresca liquida. Per due persone, 30 g sono più che sufficienti e consiglio di versarla solo prima di servire la vellutata. Ottimo anche un cucchiaio di yogurt bianco per ogni scodella.

Se la ricetta ti piace, clicca QUI e se non c’è già metti il tuo MI PIACE sulla homepage
di Facebook: per me è molto importante e tu riceverai le nuove ricette. Grazie!
  1. Vellutata di carote

    La cipolla rosolata a dovere

  2. Vellutata di carote

    Aggiunta di carote e patata

  3. Quando carote e patata sono tenere, si frulla col pimer

Questo piatto si può conservare 2 o 3 giorni in frigorifero dopo averlo messo in un recipiente ben chiuso. Si può anche congelare e dura 2 o 3 mesi nel freezer.
5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.