Crea sito

SGOMBRO AL CARTOCCIO

SGOMBRO AL CARTOCCIO – Ricetta di Piero Benigni – È un piatto semplice ed estremamente economico, che va tenuto in considerazione perché è molto salutare come tutto il pesce azzurro. L’alto contenuto di acidi grassi polinsaturi, in particolare dell’Omega3, ne impongono il periodico consumo.
Lo cucineremo al cartoccio, sicuramente il sistema migliore per avere il pesce morbido e non stopposo, quale facilmente diventa se cotto a fuoco vivo. Useremo la griglia, ma in fondo alla ricetta vi diremo anche come farlo in forno.
Ingredienti e foto lo mostrano per 2 persone, con un pesce di 7-800 g circa.

Sgombro al cartoccio
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo2 Ore
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaGriglia
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1sgombro (700-800 g)
  • 1limone
  • 1 ramettorosmarino
  • 1 ciuffoprezzemolo
  • 1 spicchioaglio
  • q.b.vino bianco secco
  • q.b.olio di oliva

Per lo sgombro al cartoccio vi serviranno

  • Fornello
  • Griglia
  • Alluminio
  • Contenitore
  • Coperchio

SGOMBRO AL CARTOCCIO
Ricetta di Piero Benigni

Il segreto per avere lo sgombro tenero e delicato, vincendo la sua naturale tendenza ad essere stopposo da cotto, è quello di marinarlo per un paio di ore con una semplice miscela di olio, limone e vino bianco. Preparatela quindi in una coppetta mettendo il succo di un limone, un cucchiaio di vino bianco secco e un pizzico di sale. Girate per far sciogliere, poi aggiungete uno spicchio d’aglio tritato finemente, 2 cucchiai di olio di oliva e, se volete, un pizzico di pepe. Sbattete bene per emulsionare.

Prendete lo sgombro e prolungate verso la coda il taglio che è stato fatto per eviscerarlo, poi infilate nell’addome un rametto di rosmarino, un ciuffetto di prezzemolo e due o tre fettine di limone. Con un cucchiaio versate nell’apertura la metà circa della marinata e piazzate il pesce in un contenitore dove stia col taglio sopra, senza far uscire il liquido. Bagnate con la marinata anche la parte esterna del pesce. Dovrà stare così per un paio d’ore durante le quali, se necessario, recupererete ogni tanto la marinata dal recipiente e con un cucchiaio la rimetterete nel taglio dell’addome e sulla parte esterna del pesce.

Finita la marinatura, bagnate di nuovo il pesce con la marinata, tagliate la coda e avvolgetelo in un foglio di alluminio abbastanza lungo da contenerlo comodamente. Fate che la giunzione dei lembi sia sopra il taglio, poi mettete il cartoccio su una griglia che lo contenga bene, già molto calda, e iniziate la cottura. Per far arrivare il calore anche sopra, mettete un coperchio sopra il cartoccio.

La durata della cottura dipende dal peso del pesce, e sarà in genere di 15-20′ per parte, trascorsi i quali potrete aprire con cura il cartoccio e dare un’occhiata: gli occhi dovranno essere diventati due palline bianche e la pelle si dovrà presentare staccata dal corpo. Fate un taglietto e guardate se le carni sono ben cotte anche nell’interno, altrimenti proseguite rimettendo il cartoccio sopra il pesce, senza ovviamente stare ad avvolgerlo, e di nuovo il coperchio sopra.

Alla fine togliete dal fuoco, eliminate il foglio di alluminio e mondate il pesce dividendolo prima per metà partendo dal taglio che già c’è, poi eliminando le lische e la testa. Condite con limone e olio di oliva buono e gustatevi questa meraviglia del mare!

NOTA

Potete cuocere il pesce anche in forno, adagiato su una pirofila, alla temperatura di 200° in modalità statica, calore sopra e sotto e posizionato a metà in altezza. Il tempo totale richiesto è alquanto più lungo e dipende da vari fattori: il forno, la pirofila e il peso del pesce. Dopo circa 30 minuti controllate il punto di cottura e regolatevi. Girate anche il cartoccio per cuocere bene l’altra parte.
  1. Sgombro al cartoccio

    Sopra: lo sgombro in marinatura

  2. Sopra: lo sgombro nel cartoccio a inizio cottura

  3. Sopra: per far arrivare il calore in modo più uniforme si mette sopra un normale coperchio

  4. Sgombro al cartoccio

    Sopra: il pesce a fine cottura

  5. Sgombro al cartoccio

    Sopra: lo sgombro pulito, pronto a essere servito nei piatti

Lo sgombro al cartoccio dura 2 giorni in frigorifero tenuto iure proto con pellicola alimentare. Non consiglio di congelarlo.

LINK UTILI PER LO SGOMBRO AL CARTOCCIO

IL LINK DI QUESTA RICETTA

SGOMBRO AL CARTOCCIO

LINK DI RICETTE SIMILI

ORATA AL CARTOCCIO

ORATA ALL’ACQUA PAZZA

BRANZINO AL VINO IN PADELLA


5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.