Filetto di manzo al forno, con salsa al vin brulé

Uno si aspetta, che quando va a mangiare a casa di una food blogger gli vengono serviti dei piatti speciali, tipo un filetto di manzo al forno, con salsa al vin brulé per dirla tutta.

Poi invece succede, che inviti la madrina di tua figlia a pranzo all’ultimo momento, e le servi pollo e patatine. Comprati. Scusa Elena 😉

Comunque, ho la scusante che quel giorno era il compleanno di Mara, ed ero alle prese con la sua torta orsetto di cui vi ho già lasciato la ricetta.

In ogni caso, per rimediare, ho invitato Elena un’altra volta e il filetto di sto giro gliel’ho preparato davvero eh, e pure la cheesecake con Spekulatius e mousse di gianduia per dessert.

Un pranzetto con i fiocchi davvero riuscito!

In ogni caso, prima di accettare un invito a casa di una food blogger, chiedete sempre cosa c’è da mangiare… non si sa mai ;p

Filetto di manzo al forno, con salsa al vin brulé
  • Preparazione: 5 Minuti
  • Cottura: 1 ora e 30 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 4 persone

Ingredienti

Per il filetto

  • 900 g Filetto di manzo in un pezzo unico
  • q.b. Sale
  • q.b. Pepe
  • q.b. Olio di semi

Per la salsa al vin brulé

  • 1 Carota
  • 1/4 Cipolla
  • 1 spicchio Aglio (piccolo)
  • 200 ml Brodo
  • 1 cucchiaino Fecola di patate
  • q.b. Sale
  • q.b. Pepe

Preparazione

  1. Per preparare il filetto di manzo al forno, con salsa al vin brulé, ricordatevi di togliere il filetto dal frigo ca. 2 ore prima di cucinarlo. Questo vale anche quando lo preparate alla griglia ad esempio, in questo modo non rischiate di trovarvi con l’esterno troppo cotto in attesa che si cuocia a sufficienza all’interno.

  2. Prendete quindi il filetto di manzo e tamponatelo con della carta da cucina.

    Preriscaldate il forno a 80 gradi (statico).

    Scaldate una padella antiaderente con un fondo di olio e, quando quest’ultimo sarà ben caldo, inserite il filetto. Fatelo rosolare bene su tutti i lati, per un totale di ca. 6 minuti. Quindi togliete dalla padella, salate, pepate e trasferitelo in una pirofila.

    Infornate a 80 gradi per ca. 1 ora e 25 minuti. Visto che i forni non sono tutti uguali, vi consiglio di utilizzare un termometro per misurare la temperatura al centro del filetto. Se avete il termometro apposito, infilzate il filetto prima di infornarlo e quando raggiunge i 52 gradi sfornate. A questa temperatura sarà bello rosa all’interno. Se avete un termometro che non potete mettere in forno, iniziate a misurare la temperatura dopo 1 ora e 15 minuti. Facendo sempre attenzione affinché la punta del termometro sia al centro del filetto. Quindi continuate la cottura fino a quando raggiungerà i 52 gradi, misurandola a distanza di ca. 5 minuti.

    Quando avrà raggiunto la temperatura giusta, sfornate, avvolgete con dell’alluminio e lasciate riposare per 5 minuti.

  3. Mentre il filetto cuoce in forno, dedicatevi alla salsa di vin brulé.

    Lavate e sbucciate la carota e tagliatela a dadini. Tritate anche la cipolla e lo spicchio di aglio.

    Scaldate la padella con l’olio dove avete fatto rosolare il filetto. Mettete carota, cipolla e aglio a rosolare. Quindi versate il vin brulé ed il brodo.

    Lasciate cuocere per ca. 30 minuti, fino a quando si sarà ridotto di 2/3. Filtrate e mettete in un pentolino.

    Mescolate la fecola con 1-2 cucchiai di acqua fredda, poi metteteci 2-3 cucchiai di salsa al vin brulé e mescolate bene per ottenere un composto omogeneo e senza grumi. Quindi versate il tutto nella salsa restante, mescolando accuratamente e lasciando cuocere per altri 2-3 minuti.

    Quando togliete il filetto dal forno, versate il liquido che avrà rilasciato, nella salsa al vin brulé. Salate e pepate.

  4. Quando il filetto avrà riposato all’interno dell’alluminio per 5 minuti, portate nuovamente a bollore la salsa e tagliate il filetto in fette di ca. 1,5-2 cm di spessore.

    Servite subito il vostro filetto di manzo al forno con la salsa al vin brulé.

    Se ti è piaciuta questa ricetta seguimi anche su Facebook.

Suggerimenti

Per una riuscita ottimale, è consigliabile l’utilizzo di un termometro per misurare la temperatura interna della carne e definire quindi il grado di cottura. Ogni forno è diverso, quindi i tempi di cottura sono indicativi e possono variare di qualche minuto in più o in meno, che in questo caso farebbero la differenza!

4,7 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.