Arrosto di tacchino ripieno – saporito e scenografico

Arrosto di tacchino ripieno… un’altra ricettina che ho imparato da mia mamma. Abbastanza facile da preparare, quando si ha capito come tagliare la carne nel senso giusto (e diciamo che il dubbio a tutt’oggi mi rimane ;)), questo arrosto è perfetto per essere servito anche per le grandi occasioni o quando avete degli ospiti. E’ raffinato e ideale anche da preparare in anticipo.
Ecco come si prepara:

Arrosto di tacchino ripieno - saporito e scenografico

Arrosto di tacchino ripieno

Ingredienti per 4 persone:

900 g di fesa di tacchino (in un pezzo unico)
100 g di prosciutto cotto
100 g di mortadella
6-7 sottilette
mezza cipolla
1 carota
1 rametto di rosmarino
1 bicchiere di vino bianco
Sale q.b.
Pepe q.b.

Olio q.b.

Spago da cucina per legare l’arrosto

Tempo di preparazione: 20 minuti
Tempo di cottura: 1 ora e 15 minuti

Per preparare l’arrosto di tacchino ripieno prendete un coltello affilato ed aprite la fesa di tacchino a libro, per ottenere un unico pezzo steso. Rendetela poi uniforme con l’aiuto di un batticarne. Salate e pepate. Adagiate le fette di prosciutto e mortadella su tutta la superficie, e poi sopra le sottilette, avendo cura di non mettere troppo sui bordi queste ultime, in modo che non escano troppo quando si scioglieranno con il calore. Arrotolate la fesa farcita e legatela con dello spago da cucina, in modo che non si apra in cottura. Potete anche seguire questo tutorial per vedere come legare un arrosto. Passatelo nella farina.
Scaldate quindi una padella antiaderente dai bordi alti con un fondo di olio (non siate troppo tirchi con l’olio mi raccomando) e mettete l’arrosto a rosolare. Fatelo rosolare per ca. 3 minuti su ogni lato. Quando lo girate per farlo rosolare sull’ultimo lato, unite anche la cipolla e la carota tagliata a pezzetti ed il rosmarino. Infine sfumate con il vino bianco. Lasciate andare a fuoco vivo ancora per qualche minuto. Salate, pepate, aggiungete un po’ di acqua e chiudete il coperchio. Lasciate cuocere per ca. 1 ora a fiamma bassa, girandolo ogni tanto ed aggiungendo altra acqua se si dovesse seccare troppo.
Trascorso il tempo di cottura, togliete l’arrosto dalla padella e versate il sughetto con cipolle e carote (togliete il rosmarino) in un contenitore con le sponde alte. Frullate con il minipimer. Se dovesse essere troppo densa, aggiungete un po’ di acqua.
Tagliate a fette l’arrosto di tacchino ripieno e servite accompagnato dal suo sughetto.

Se ti è piaciuta questa ricetta seguimi anche sulla pagina di Facebook

Salva

Precedente Strudel salato alla parmigiana - croccante fuori, filante dentro Successivo Sformato soffice con le mele