Crea sito

Samosa

I samosa… potrei aprire un capitolo infinito, ma mi limiterò a dirvi come li ho scoperti. Sono uno dei piatti orientali che ho conosciuto tramite il mio cantante preferito, il quale ha origini pakistane. Parlava spesso di questi samosa tanto che mi ha incuriosito e un paio di anni fa li ho preparati in casa. Da allora i samosa, insieme alle nargisi kofte al curry (che prima o poi vi proporrò), sono diventati i miei piatti orientali preferiti.
I samosa sono dei fagottini di pasta fillo farciti, tipici dell’ India e del Pakistan. Esistono ripieni in tante versione, ma la mia preferita in assoluto è la versione vegetariana che vi propongo in questa ricetta.

Samosa 1
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura3 Minuti
  • Porzioni8
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Pasta fillo

  • 250 gfarina
  • 100 mlacqua
  • 50 mlolio di semi
  • 1 pizzicosale

Ripieno

  • 300 gpatate (lesse)
  • 100 gpiselli
  • 1/2cipolla
  • 20 gzenzero fresco
  • 1 spicchioaglio
  • 1 cucchiainocumino in polvere
  • olio di arachide
  • 1 cucchiainocurcuma in polvere
  • 1 cucchiainopeperoncino in polvere
  • sale
  • 1 cucchiainocurry
  • coriandolo in polvere

Per friggere

  • olio di semi

Preparazione

Ripieno

  1. Per preparare i samosa innanzi tutto dovete lessare le patate un’oretta prima, in modo tale da poterle poi sbucciare senza rischiare ustioni.

    Una volta fredde sbucciatele e tagliatele a cubetti.
    Sbucciate e tritate mezza cipolla se grande, o una piccola. Ripetete la stessa operazione con lo spicchio d’aglio, tritandolo finemente.

    In una padella mettete un cucchiaio abbondante di olio, quindi rosolate la cipolla e l’aglio, quindi aggiungete le patate e i piselli.

    NB.
    Se usate i piselli surgelati è consigliabile sbollentarli prima.


    Aggiungete sale, zenzero tritato, cumino, curcuma e peperoncino. Mescolate bene, quindi aggiungere un cucchiaino di curry e un pizzico di coriandolo. Se troppo asciutto aggiungete un paio di cucchiai di acqua e lasciate cuocere con coperchio e a fuoco basso per un paio di minuti, giusto il tempo di assorbire tutti gli aromi.

Samosa

  1. Samosa

    Mentre lasciate intiepidire il preparato che fungerà da ripieno, proseguite a preparare la pasta fillo.

    In una ciotola mettete la farina, il pizzico di sale, l’acqua e l’olio insieme. mescolate inizialmente con una forchetta, poi proseguite impastando con le mani. Lavorate fino a formare una palla liscia e omogenea.

    Dividete l’impasto in 4 parti uguali, quindi formate delle palline. Con l’aiuto di un mattarello stendete ogni pallina formando dei cerchi sottili dal diametro di 20 cm.
    Tagliate ora i cerchi a metà. Prendete un semicerchio, e formate un cono sigillando bene i bordi. Prendetelo in mano come un cono gelato e tenete aperta la parte superiore. Prendete un cucchiaio di composto vegetariano e inseritelo dentro il cono. Riempite fino ad un paio di centimetri dal bordo, quindi sigillate anche quest’ultimo pizzicandolo con le dita.

    Una volta pronti friggete i samosa in abbondante olio bollente mettendo uno o due alla volta, in modo tale da avere spazio per galleggiare. Cuocete per 3 minuti girandoli da entrambi i lati. Quando avranno assunto una bella colorazione dorata potete tirarli fuori con una schiumarola e adagiarli su carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso e servite.

Consigli e conservazione

E consigliabile mangiarli tiepidi.
E’ meglio consumarli in giornata, se volete consumarli il giorno dopo vi consiglio di scaldarli un paio di minuti al microonde.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.