Ravioli di castagne con patate e ricotta – Con sugo di noci

Ravioli di castagne, ripieni di patate e ricotta

Ravioli di castagne con patate e ricotta. È questo il primo piatto che ho deciso di preparare quest’anno per Natale, quindi sono andata ad Arbanella, il mio negozio biologico di fiducia per procurarmi ingredienti di prima qualità. Dal momento che sto riflettendo sulla sostenibilità anche durante le feste, sto organizzando un menù semplice e squisito che mi permetta di riciclare completamente gli avanzi per il pranzo del 26. Sceglierò il più possibile ingredienti a km0, servendo magari porzioni un po’ più piccole e qualche portata in meno. I miei ravioli di castagne con patate e ricotta di capra sono insaporiti con timo e rosmarino e conditi con il sugo di noci della riviera ligure, ma sarebbero buonissimi anche con l’aggiunta di pancetta affumicata nel ripieno e conditi con un sugo vegetariano.

Se vuoi approfondire il concetto di sostenibilità e comprendere le ragioni che mi spingono a coltivarla, puoi leggere l’articolo Cucinare per le feste in modo sostenibile – Tanti segreti anti spreco.

Vuoi impastare i ravioli a casa? Leggi anche i Ravioli di carne e carciofi. Se invece cerchi altre idee per condirli, ti lascio qualche idea:
— Pesto con i gambi di broccoli – Ricetta antispreco
— Pesto di melanzane e pistacchio
— Come condire i ravioli: ecco un ragù vegetariano di asparagi, pinoli, noci e maggiorana
— Pâté di gambi di carciofo: ricetta antispreco per non buttare gli scarti dei carciofi

  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di cottura3 Minuti
  • Porzioni5
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

I miei ingredienti sono tutti biologici e a km0

Cosa occorre per l’impasto dei ravioli di castagne

100 g farina di castagne
200 g farina 0
3 uova (biologiche)

Cosa occorre per il ripieno di patate e ricotta

400 g patate (biologiche)
250 g ricotta di capra (andrà bene anche di pecora o di mucca)
2 cucchiai olio extravergine d’oliva
3 g sale
2 g pepe bianco
2 g noce moscata
1 gambo rosmarino (solo le foglie tritate finemete)
1 ciuffo timo (solo foglie tritate finemente)
10 g formaggio (grattugiato)

Strumenti

Per tirare la pasta io uso la macchina per la pasta Titania Imperia, prezzo basso ed efficienza senza tempo. Inoltre adoro il suo design, da sempre identico a se stesso.

Passaggi

Cominciamo impastando, così, mentre noi prepariamo il ripieno, la pasta potrà riposare sotto uno strofinaccio pulito.

Come preparare l’impasto dei ravioli di castagne

Mescoliamo le farine setacciate in una ciotola capiente, quindi aggiungiamo le uova –una per volta – mescolando con una forchetta o con il gancio per impastare delle fruste elettriche. A seguire trasferiamo l’impasto sulla spianatoia infarinata e lavoriamo fino ad ottenere un panetto sodo e compatto. Se la pasta dovesse sembrarci troppo asciutta, potremo aggiungere una lacrima d’acqua. Infine lasciamo riposare per circa mezz’ora.

Ravioli di castagne con ricotta di capra e patate. Insaporiti con rosmarino e timo sono preparati con materie prime biologiche.
Ravioli di patate con ricotta di capra, patate e erbe aromatiche.

Prepariamo il ripieno di patate e ricotta di capra

Sbucciamo e bolliamo le patate in acqua salata. Scoliamole e travasiamole in una ciotola capiente, quindi schiacciamole con una forchetta e aggiungiamo una presa di sale e una macinata di pepe, un pizzico di noce moscata e due cucchiai d’olio. Infine uniamo la ricetta di capra e il formaggio grattugiato. Mescoliamo con cura con la forchetta e aggiungiamo timo e rosmarino. La ricotta di capra è saporita e magra e, secondo me, molto indicata per questo ripieno, ma possiamo usare anche ricotta di pecora o di mucca. Volendo un sapore più deciso, potremmo aggiungere pancetta affumicata rosolata in padella o una generosa grattugiata di provolone al posto del formaggio grattugiato.

Tiriamo la sfoglia e formiamo i ravioli di castagne

Tiriamo le sfoglie con la macchina della pasta – più o meno spesse a seconda dei nostri gusti – e formiamo i ravioli. Se dobbiamo farne pochi, lo stampo è comodo e funzionale. Se invece dovessimo farne tanti, consiglio di tirare sfoglie lunghe e strette, adatte ad accogliere due file di ripieno di patate, e di ricoprire con una seconda sfoglia. Facciamo uscire l’aria partendo dal centro, sigilliamo bene e tagliamo i ravioli con la rotella o con gli appositi stampi a timbro.

Note della cuoca

Fare i ravioli per le feste è una delle cose più belle della vita. Ricordiamoci di aggiungere nei vassoi in cui conserviamo i ravioli abbondante farina di semola di grano duro. Dureranno bene fino al giorno seguente, anche se dovessero avanzare. In alternativa surgeliamoli separati e, una volta congelati, potremo riunirli in un sacchetto. Per cuocerli, buttiamoli surgelati nell’acqua bollente.

Torna alla HOME per conoscermi meglio leggendo Chi sono, scopri i Piatti vegetariani, le Ricette liguri, e tutte le cose buone che prepara la Regina in cucina.
Da oggi puoi ricevere tutte le ricette nuove sul canale Telegram del mio blog. È gratuito e per iscriverti ti basterà semplicemente aprire questo link: in questo modo sarai sempre aggiornato su ricette, segreti, consigli e novità. Potrai ricevere sul tuo telefono tutte le ricette, senza rischiare di perderne alcuna.

Nota: In questa ricetta sono presenti link di affiliazione.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lareginadelfocolare

Mi chiamo Silvia e vivo a Genova. Da tanti anni cucino per amore. Se volete conoscermi meglio, venite a fare quattro chiacchiere in cucina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.