Crea sito

Rizzuole siciliane

Le Rizzuole siciliane, assieme agli Arancini e alle Crocchette di patate, sono uno dei cibi di strada che qui nella mia Sicilia, vanno alla grande. Soffici come le nuvole, con un ripieno di ragù di carne e piselli molto gustoso e con una crosticina meravigliosa, dovuta alla croccantezza della panatura. La Rizzuola è la versione fritta della Ravazzate, identiche nell’impasto e nel ripieno, ma con una cottura in forno. Ideali anche per arricchire un buffet, le Rizzuole possono considerarsi un sostanzioso piatto unico. Se volete sapere come prepararle, allora venite in cucina con me: oggi si preparano le Rizzuole siciliane

rizzuole siciliane
  • Difficoltà:Media
  • Preparazione:30 minuti
  • Cottura:5 minuti
  • Porzioni:12-14 pezzi
  • Costo:Basso

Ingredienti

PER L’IMPASTO

  • Farina 00 500 g
  • Zucchero 2 cucchiai
  • Sale 1 pizzico
  • Latte tiepido 180 ml
  • Burro 60 g
  • Lievito di birra fresco 25 g
  • Uova 2

PER IL RAGU’

  • Carne di suino trita 200 g
  • Carne bovina trita 200 g
  • Piselli surgelati 200 g
  • Vino bianco 1/2 bicchiere
  • Alloro 2 foglie
  • Passata di pomodoro 300 ml
  • Acqua 1 l
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Noce moscata q.b.
  • Carota 1
  • Cipolla 1
  • Sedano 1 costa

PER LA PANATURA

  • Uova 1-2
  • Pangrattato q.b.

E ANCORA

  • Farina per la spianatoia q.b.
  • Olio di semi di girasole 1 l

Preparazione

  1. rizzuole collage

    Passiamo ora alla preparazione delle Rizzuole siciliane. Pre prima cosa preparare un Ragù di carne e piselli abbastanza asciutto, seguendo la ricetta che si può leggere cliccando QUI. E’ preferibile prepararlo il giorno prima, in modo che il ragù risulti più compatto.

  2. Per la preparazione dell’impasto, mettere la farina nella ciotola della planetaria. Aggiungere lo zucchero, il pizzico di sale e il latte tiepido e cominciare ad impastare. Unire il burro tagliato a pezzetti piccoli e le uova. Sbriciolare il lievito ed aggiungerlo all’impasto e lasciare lavorare, fino a quando non si sarà incordato, non si sarà, cioè, avvolto nel gancio dell’impastatrice. L’impasto risulterà un po’ molliccio.

  3. Spargere della farina sulla spianatoia e mettere l’impasto. Lavorarlo un po’ con le mani, quindi dividerlo in pezzi del peso di circa 60-65 grammi, formando delle pagnottelle che si metteranno a lievitare al riparo da spifferi. Un pezzetto di impasto va considerato a parte, in quanto servirà per formare la pallina che andrà sopra ogni rizzuola. Ideale metterle a lievitare dentro il forno spento col la luce accesa.

  4. Una volta che le palline saranno raddoppiate di volume, mettere della farina sulla spianatoia e stenderle con il mattarello, in modo da creare un disco  di 2-3 millimetri di spessore. Mettere un cucchiaio di ragù al centro di ogni disco e chiudere i lembi esterni, portandoli verso il centro e stringendoli bene, in modo da far attaccare la pasta. Fare attenzione a non far fuoriuscire il sugo, altrimenti la pasta non si attaccherà.

  5. Dal pezzetto che sarebbe servito per fare il “tuppo” alle rizzuole, ricavarne tante piccole palline, che andranno situate al centro di ogni pagnottella ripiena, dopo averla bagnata appena nel punto dove andrà posizionata e pressata un po’ per farla aderire meglio.

  6. Far lievitare per un’altra mezz’ora. Mettere un tegame con l’olio sul fuoco e farlo scaldare, ma non eccessivamente, altrimenti le rizzuole cuoceranno subito esternamente e rimarranno crude all’interno. In un piatto, sbattere l’uovo, Prendere con delicatezza la rizzuola e poggiarla su una mano. Spennellarla con l’uovo e cospargerla di pangrattato. Adagiarla con cautela nell’olio caldo e lasciarla cuocere fino a doratura. Prelevarla con una schiumarola e metterla a scolare dell’olio in eccesso su di un foglio di carta assorbente. Continuare così anche con le altre.

  7. Le Rizzuole siciliane fritte vanno gustate calde o tiepide. Eventualmente si possono riscaldare in forno per qualche minuto per far sì che riacquistino tutta la loro morbidezza.

    Buon appetito!

CONSIGLI

L’uovo della panatura si può omettere, basterà semplicemente inumidire leggermente la superficie delle rizzuole con acqua prima di ricoprirle di pangrattato.

Potete anche leggere: ARANCINI DI RISO ARANCINI AL PISTACCHIO ARANCINI DI RISO CON MELANZANE ARANCINI ALLA ZUCCA CON PANCETTA CROCCHETTE DI PATATE

Vi invito a diventare fan della mia pagina Facebook ANNAMARIA TRA FORNO E FORNELLI , per essere aggiornati sulle mie nuove ricette e restare in contatto con me. Se volete cliccate QUI e poi mettete MI PIACE. Annamaria tra forno e fornelli è anche su Pinterest  Twitter Instagram seguitemi numerosi. 

GRAZIE PER L’ATTENZIONE E BUONA NAVIGAZIONE  :)

Pubblicato da Annamaria tra forno e fornelli

Ciao a tutti. Sono Annamaria, siciliana Doc e con parecchi hobby, tra cui la passione per cucina. Questo blog è nato quasi per gioco nel Marzo del 2015 e oggi mi ritrovo con un bel po' di followers che amano le mie ricette. La mia è una cucina piuttosto semplice. Propongo ricette fattibili da tutti e forse è questo il segreto per cui alla gente piacciono. Colgo l'occasione per ringraziare chiunque entri qui e mi onora con la propria presenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.