12 mesi sono passati, sono mentalmente pronta.

Credo.

Eccomi qui , davanti allo specchio a quota -22 kg.

Mentalmente gasata.

Mi guardo nello specchio e quello che vedo, beh insomma , cavolo, mi piace :P , caspita se mi piace; non solo so di avere un’alimentazione sana che mi apporta tutti i suoi benefici ma mi piaccio pure. Mentalmente danzo sulle punte davanti a questo riflesso timido di me e mi concedo pure un volteggio, mentale, sia mai che qualcuno mi stia guardando. Tanto sono leggera, e qua scoppio a ridere da sola perchè  il mio ego indubbiamente sta esagerando con l’esaltazione.”Stai buono”, lo ammonisco,ma si contiene decentemente a fatica, che tipo vivace il mio ego, ora. Prima era timido.Mah… lo ignoro.Ho cose serie a cui pensare mica ai volteggi e a queste sciocchezze adolescenziali,mi attende il mantenimento.

Che sarà mai? Se, certo.

Torno a ribadire che tutto deve avere inizio con l’obbiettivo di migliorare il nostro benessere, chiaramente se poi riesci a soddisfarti anche esteticamente, tanto meglio ; non fatevi ingannare dallo stato di leggerezza con cui tento di spiegarmi ;-)

Comunque, tornando a noi, quel che vedo mi piace a tal punto che riesce a mettere a dura prova sia la mente allenata che lo stomaco obbediente. Mmmm.. che sarà mai, mi domando,sgarrare una volta di più? Giusto, dopo tutto, kilo piu’ kilo meno , quel che vedo nello specchio mica cambia!Per una volte..magari due, al massimo tre!

Rifletto.

E ricordo la parola equilibrio; Equilibrio!

Allora interrogo il mio stomaco: “tu vuoi mangiare,vero? ..Intendo, vuoi mangiare qualche schifezza?”

-”Ma, sai ,Deborah..per tentazione direi di si..”

Beccato!

Diventa un dialogo assurdo, saro’ impazzita…mi si e’ prosciugato il cervello ..oltre al resto?

Ma subito, per fortuna , interviene la mente , e ci sgrida… “Sazietà..!”

Ops, che caratterino! Però ha ragione.Non ho realmente fame.

Tutto sommato io e lo stomaco siamo piu’ inclini alla trasgressione culinaria, per fortuna la mente tiene duro, rispettosa delle sane regole.

Quindi sarà nemico lo specchio! Traditore! Eviterò di guardarmi… casomai ricominciassi a volteggiare…

Quante scuse vero? Il nostro principale nemico siamo noi stessi verso noi stessi, ci combattiamo all’infinito, ci accontentiamo subito e ci adeguiamo alle piacevoli sensazioni cosi’ in fretta che perdiamo di vista l’obbiettivo , stare bene, aiutare e favorire il nostro benessere, diventiamo a volte superficiali.

Non va bene.

Mi accorgo allora, in questa riflessione tutta mia, tra una piroetta e un “pentimento”, che ho abitudini ben radicate:la mia tazza di tè verde quotidiana, dopo pranzo, che bevo anche quando sono in giro.

La pasta una, massimo due volte la settimana.

Tante verdure e fibre.

Tanta acqua.

Almeno un po’ di movimento, camminare.

Porzioni regolari…

Ogni tanto ci mettiamo in discussione cosi’ tanto da correre il rischio di rovinare anche le cose giuste che abbiamo imparato a fare.Per fortuna che 12 mesi di apprendimento , hanno rinforzato vari aspetti di me; e che la mia autostima ha guadagnato punti,tanto quanto la mia convinzione. In effetti volersi bene ed alimentarsi correttamente in nome della salute , aiuta parecchio. Pertanto cerchero’ di tenermi amico lo specchio , ascoltare la mente e smettere di far cadere in tentazioni inutili lo stomaco,che poveretto e’ sottoposto a vari ed ipotetici cambi di rotta , frequentemente :-)

L’apprendimento è finito,ora sono stata “assunta” e questo “lavoro” di volermi bene , mi piace , non e’ un sacrificio , quindi avanti , senza mollare :-)

D.

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti su Dieta: Affrontiamo il mantenimento dei risultati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.