Risotto di capesante e brodo di branzino

Risotto di capesante e brodo di branzino. Piatto delicatissimo e raffinato. Il mercato del pesce offriva capesante nostrane, senza guscio,  freschissime e molto appetitose….. Parte le ho preparate al forno utilizzando i gusci che ho sempre in casa, parte le ho messe in freezer e, con le rimanenti, ho preparato il risotto utilizzando il brodo cottura di un branzino di mare che avevo bollito il giorno prima…. Ne è valsa proprio la pena….

 

Risotto capesante e brodo di branzino - Così cucino io
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    2
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • 15 capesante (circa)
  • 150 g riso carnaroli
  • q.b. olio extravergine di oliva
  • 1 bicchiere prosecco
  • 750 ml brodo di pesce (branzino)
  • 50 g burro
  • 1 pizzico sale
  • 1 pizzico pepe bianco
  • 1 cucchiaino prezzemolo tritato
  • 1 rametto timo
  • 1 foglia alloro

Preparazione

  1. Pulire le capesante eliminando la parte trasparente che le avvolge e la parte scura. Lavare accuratamente i molluschi.

    Scaldare poco olio evo, rosolarvi le capesante, sfumare con mezzo bicchiere di prosecco, insaporire con sale e pepe, far cuocere per pochi minuti e profumare con il timo.

    Togliere le capesante dalla casseruola (senza il loro liquido di cottura) e tenerle da parte.

    Versare il riso nel sugo delle capesante, farlo tostare, versare il rimanente prosecco, farlo evaporare e portarlo a cottura aggiungendo, a poco a poco, il brodo di branzino profumato da una foglia di alloro. Come al solito, aggiungere nuovo brodo solo quando il precedente sarà completamente assorbito.

    Cinque minuti prima di spegnere il fuoco, aggiungere al risotto le capesante tenute da parte.

    A cottura ultimata, allontanare dal fuoco, aggiungere il burro e il prezzemolo, mantecare bene per ottenere l’effetto all’onda e far riposare coperto per 2 minuti prima di servire in tavola.

    Buon appetito!

     

     

Consiglio del giorno…..

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook Così cucino io

Precedente Ventidue idee per il pranzo di Pasqua Successivo Tortino di radicchio tardivo e ricotta

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.