Risotto con porcini e guanciale

Il risotto con porcini e guanciale è un primo golosissimo e anche facile da preparare, che metterà d’accordo tutti: se anche, infatti, qualcuno dei vostri commensali dovesse nutrire dei dubbi sui funghi, sarebbero spazzati via dal profumo che questo risotto sprigiona e dall’accoppiata con il guanciale!

Vi lascio le indicazioni per preparare questa ricetta sia con il metodo tradizionale, sia con il Bimby (che io trovo perfetto per la riuscita dei risotti).

Se non avete sotto mano dei funghi porcini freschi, vanno benissimo quelli secchi (fatti rinvenire in acqua tiepida) o surgelati: quello su cui non si può transigere, però, è il guanciale, che deve essere di ottima qualità (non comprate quello in vaschetta già tagliato a dadini)!

Se volete provare anche voi questa ricetta, seguitemi in cucina e prepariamo insieme il risotto con porcini e guanciale!

Risotto con porcini e guanciale

risotto con porcini e guanciale
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    15 minuti
  • Cottura:
    16 minuti
  • Porzioni:
    2 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • Olio extravergine d’oliva 30 g
  • Scalogno mezzo
  • Riso Carnaroli 150 g
  • Vino bianco secco mezzo bicchiere
  • Funghi porcini ((in alternativa, 30 grammi di funghi porcini secchi o 200 grammi di funghi porcini surgelati)) 300 g
  • Guanciale ((in due fette)) 100 g
  • Acqua ((300 ml se usate il Bimby)) 500 ml
  • Dado granulare ((meglio se aromatizzato ai funghi)) 1 cucchiaino
  • Parmigiano reggiano (Grattugiato) 2 cucchiai

Preparazione

La preparazione con il metodo tradizionale

  1. Se usate i funghi freschi, puliteli accuratamente eliminando i residui di terra e tagliateli a fette.

  2. Tagliate a dadini lo scalogno e fate lo stesso con il guanciale.

  3. In una pentola, mettete l’olio e lo scalogno e fatelo imbiondire per qualche minuto.

  4. Aggiungete il riso e tostatelo, quindi sfumate con il vino bianco.

  5. Unite i funghi (se usate quelli secchi, fateli rinvenire in acqua calda) e, nel frattempo, in una pentola più piccola, mettete l’acqua e il dado (ovviamente, se avete il tempo di preparare il brodo vegetale sarà meglio).

  6. Fate sfumare l’acqua di vegetazione dei funghi e unite, poco per volta, il brodo caldo, mescolando e portando a cottura il riso per il tempo indicato nella confezione.

  7. Quando mancano 5 minuti alla fine della cottura, aggiungete il guanciale a dadini e continuate a mescolare.

  8. Servite il risotto nei piatti individuali, completando con il parmigiano grattugiato.

La preparazione con il Bimby

  1. Se usate i funghi freschi, puliteli accuratamente eliminando i residui di terra e tagliateli a fette. Se usate i funghi secchi, fateli rinvenire in acqua calda.

  2. Tagliate a dadini il guanciale e tenetelo da parte.

  3. Mettete nel boccale lo scalogno tagliato a pezzi e tritatelo per 10 secondi a velocità 6.

  4. Unite l’olio e cuocete per 3 minuti a 100 gradi, velocità 1.

  5. Aggiungete il riso e tostatelo per 3 minuti a 100 gradi, modalità Antiorario, velocità Cucchiaio.

  6. Sfumate  con il vino bianco per altri 3 minuti a 100 gradi, modalità Antiorario, velocità Cucchiaio.

  7. Aggiungete i funghi e cuoceteli per 2 minuti, a 100 gradi, modalità Antiorario, velocità Cucchiaio.

  8. Unite l’acqua calda e il dado e cuocete per 15 minuti, a 100 gradi, modalità Antiorario, velocità Cucchiaio.

  9. Quando mancano 5 minuti al termine della cottura, aggiungete dal foro del boccale il guanciale a dadini e completate la cottura: se vedete che resta liquido, togliete il misurino e spostate la temperatura su Varoma; se, invece, vi sembra secco, unite un altro po’ di acqua calda.

  10. Servite il risotto nei piatti individuali, completando con il parmigiano grattugiato…e godetevi questo trionfo di sapore!

Note

Se vi piacciono le mie ricette, vi aspetto su FacebookInstagramTwitter e Pinterest!

Precedente Torta sette vasetti con mele e cioccolato Successivo Risotto con crema di zucca e ricotta salata

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.