Crea sito

COZZE ALLA TARANTINA

le cozze alla tarantina sono un antipasto o un secondo di pesce molto semplice e veloce. Simone le adora soprattutto perchè alla fine può fare scarpetta nel sugo con i quintali di crostini che preparo.
IN FONDO ALLA RICETTA TROVERETE LA VERSIONE DUKAN
E ora…
Beh, allacciate il grembiule…!
Lulù
COZZE ALLA TARANTINA - ALLACCIATE IL GREMBIULE

COZZE ALLA TARANTINA


Categoria: Antipasti, secondi di pesce

Ingredienti:
1 kg gr di cozze
6 pomodori oppure una lattina di polpa di pomodoro
2 spicchi d’aglio schiacciato
Olio extra vergine di oliva
Prezzemolo fresco tritato
Peperoncino
1 bicchiere vino bianco secco

Procedimento per fare le cozze alla tarantina:

Pulite le cozze dalla barba esterna e dal filetto laterale. Per facilitare l’operazione io utilizzo una paglietta di metallo. In una pentola molto capiente, scaldate l’olio e rosolatevi l’aglio schiacciato. Tagliate i pomodori a cubetti piccolissimi metteteli nella pentola e fate cuocere per 10 minuti. Unite anche le cozze coprite con un coperchio e alzate il fuoco. Dopo pochi minuti, quando le cozze si saranno aperte (se per caso dovessero rimanere nella pentola delle cozze ancora chiuse dopo la cottura buttatele e non mangiatele) sfumate con un po’ di vino bianco, unite il prezzemolo tritato e il peperoncino, mescolate bene, lasciate riposare un paio di minuti e servite con crostini di pane.

Difficoltà: Bassa

Tempo di preparazione: 10 minuti

Tempo di cottura: 20 minuti

Consigli: potete accompagnare le cozze con crostini di pane abbrustolito e fregato con un pochino di aglio se vi piace. Buttate sempre le cozze che in cottura non si sono aperte.
VERSIONE DUKAN: Per rendere più leggero questo piatto comunque già molto poco calorico si può evitare di mettere l’olio e far aprire le cozze solo con gli aromi il vino bianco, l’acqua e il pomodoro.

Torna alla HOME PAGE
Clicca mi piace alla mia pagina facebook cliccando QUI e non perderai nessuna ricetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.