Carciofi ripieni alla marchigiana

I carciofi ripieni alla marchigiana sono un contorno che dalle mie parti, Umbria e Marche, si prepara molto spesso, la ricetta è semplicissima ed in tutte le famiglie è la stessa. Carciofi violetti, spinosi o romaneschi per questa ricetta vanno tutti bene. Per una buona riuscita è necessario che i carciofi siano freschi cioè stringendoli appena si deve sentire che sono sodi. Se i carciofi sono “mosci” hanno perso un po’ della parte acquosa e non solo sono meno buoni ma pulendoli anneriranno facilmente. Altro importantissimo ingrediente è l’olio di oliva extravergine. Pensate che ne basterà qualche cucchiaio? No, molto di più.

Mia zia, 100% marchigiana e bravissima a cucinare i carciofi un giorno mi ha detto: “se li voi boni alla fine quand’è cotti li devi fa’ asciugà benbè e se li fai bruscolì ‘n tantì è più boni” ovvero: se li vuoi buoni a fine cottura li devi fare asciugare bene e se li fai appena rosolare sono più buoni. Altro piccolo segreto è scartare tutte le foglie dure e tagliare bene le punte.

Carciofi ripieni alla marchigiana
  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:15 minuti
  • Cottura:40 minuti
  • Porzioni:2 persone
  • Costo:Medio

Ingredienti

  • 4 Carciofi
  • 3 cucchiai Pane grattugiato
  • 1 spicchio Aglio (piccolo)
  • 1 ciuffo Prezzemolo
  • 1/2 bicchiere Olio extravergine d’oliva
  • 1/2 bicchiere Vino bianco
  • q.b. Sale
  • 1 limone

Preparazione

  1. Preparare una ciotola con acqua e succo di limone.

    Pulire i carciofi: togliere tutte le foglie dure esterne (circa una ventina), tagliare il gambo (senza buttarlo) e rifilare la parte verde esterna del fondo. Togliere le punte dure delle foglie, chi ha tanta pazienza può tagliarele con le forbici in modo da togliere a tutte la parte dura alltrimenti con il coltello inclinato verso l’esterno.

    Risciacquare i carciofi in acqua corrente e poi metterli a bagno in acqua e limone in modo che non anneriscono.

    Togliere ai gambi la parte esterna, lavarli e metterli a bagno in acqua e limone.

  2. Preparazione dei carciofi ripieni alla marchigiana

    Lavare il prezzemolo, tagliarlo fino, tagliare fino l’aglio e unirli al pane grattato, aggiungere un giro d’olio e un pizzico di sale. Mescolare.

    Sgocciolare i carciofi, salarli un pochino, aprirli al centro con delicatezza e mettere all’interno un pizzico del pangrattato preparato spingendolo in fondo.

  3. Per la cottura scegliere un tegame non troppo grande dove i carciofi possano stare in piedi. Tagliare i gambi a pezzi e unirli ai carciofi.

    Aggiungere abbondante olio, il vino e poco meno di mezzo bicchiere di acqua (i liquidi arrivano a due terzi del carciofo).

    Cuocere a fuoco medio basso con la pentola semicoperta per un totale di 35 o 40 minuti. A metà cottura inclinarli prima da un lato e poi dall’altro.

    Negli ultimi 5 minuti scoprire e fare asciugare bene.

    I carciofi ripieni alla marchigiana sono pronti da gustare!

  4. Carciofi ripieni alla marchigiana

Note

Nel blog puoi leggere molte ricette per cucinare i carciofi come: carciofi al cartoccio, carciofi lessi, carciofi fritti con pastella, carciofi con capperi e acciughe, carciofi ripieni di carne al forno; senza tralasciare ricette di primi e secondi che hanno tra gli ingrediennti i carciofi.

Se ti piacciono le mie ricette puoi seguirmi anche su facebook mettendo Mi piace sulla mia pagina!

Precedente Cestini di pasta sfoglia ricotta e spinaci Successivo Mozzarella in carrozza fritta croccante

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.