Variabilicontaminazioni.blog

Salamini dolci

Quando la sera ti assale quella voglia irresistibile di qualcosa di dolce. oppure devi portare un dono…Il salame di cioccolato e sempre gradito.

Il salame al cioccolato con alcune varianti di regione in regione rientra nei prodotti alimentari PAT (Prodotto agroalimentari tradizionali Italiani).

è conosciuto in tutta Italia con nomi diversi legati a usanze e periodi di preparazione, lo troviamo in Piemonte come salame del papa, oppure in Sicilia come salame dei turchi…Lo troviamo in Romagna o nel Marchiggiano.

Un dolce semplice preparato con ciò che si aveva a disposizione, senza cottura e buonissimo.

By Monica Dei

  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di riposo3 Ore
  • Porzioni6
  • Metodo di cotturaSenza cottura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

250 g biscotti secchi
150 g cioccolato fondente (Oppure bianco)
100 g burro
50 g nocciole (Oppure noci)
50 g zucchero
1 q.b. cacao amaro in polvere (Oppure zucchero a velo)

Strumenti

Passaggi

Mescolare tutti gli ingredienti. Nella foto, procedimento al cioccolato

Dopo avere mescolato bene dare la forma appoggiandosi direttamente sulla pellicola

Chiudere e sistemare bene

Stesso procedimento per il salame bianco. Mettere in frigorifero almeno 3 ore per rassodare bene.

Togliere dal frigorifero e passarlo nello zucchero a velo oppure nel cacao amaro. Legare con spago da cucina per un effetto rustico e reale.

Pronto! deliziatevi o regalate questo salame buonissimo! Che sarà gradito dono.

Variante tartufini

Variante bianca

Per modificare la “pasta” potete aggiungere del riso/farro soffiato. In alternativa con gli stessi ingredienti potete fare delle piccole palline da tuffare nel cacao amaro, tipo tartufo, oppure ricoprire di cioccolato fondente.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Enza Squillacioti

Enza amante della vita all’aria aperta e della natura da cui trae ispirazione per i suoi hobby Da pochi anni ha smesso di cucinare, pur restando con la testa e il cuore nel mondo del cibo. Specializzata nella cucina tipica piemontese, rustica. Ha collaborato come coach organizzando corsi di cucina. Appassionata di erbe spontanee mangerecce che utilizza e risalta nelle sue preparazioni La passione e la ricerca del buon cibo fanno da base. Coltiva il suo orto, con una particolare attenzione alle erbe aromatiche, alleva le sue ”polle” per avere uova fresche. Insieme al marito ha trasmesso la stessa passione ai figli che conducono le proprie aziende agricole, con allevamento ovino e caprino e produzione di formaggi e carni. Nasce o meglio rinasce come autrice, in tempo di “clausura” dovuti a molteplici fattori. Scrive e descrive con passione; le sue poesie raccontano stati d’animo e sensazioni. Non sempre elaborati sulla propria persona, ma come riflesso della nostra società. Un gioco di parole, consapevole a volte ripetitivo, poiché innamorata delle parole stesse. Riporta ciò che la circonda, nella quotidianità, tra la folla o semplicemente nelle sue peregrinazioni nella natura. Solitaria seppur estroversa, poliedrica nei suoi interessi, che mette in risalto in momenti alterni; tutti legati da un filo conduttore, il legame con la terra e le emozioni; che interagiscono con il plasmare forme ceramiche o legnose oppure circondarsi di sassi e forme naturali. Confluisce la stessa passione nel rapporto con le erbe, le piante e la cucina, passando per la musica i libri e la curiosità… Nel tempo libero si occupa di trascrivere il suo mondo sul blog Variabilicontaminazioni.blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »