Crea sito

Pasta frolla con olio extravergine di oliva

Pasta frolla con olio extravergine di oliva

Un impasto morbido, profumato e sopratutto senza burro anche più digeribile e sano che vi permetterà di realizzare crostate, biscotti, tartellette da farcire a piacere. Per l’assenza del burro alcuni accorgimenti sono molto importanti per ottenere che gli ingredienti della pasta frolla siano ben legati fra loro. Scegliete un olio extravergine di oliva leggero, non troppo acido o fruttato: sovrasterebbe con il suo sapore accentuato il gusto delicato della pasta frolla e magari non molto gradito. Essendo l’olio un componente liquido aggiungete qualche tuorlo in più all’impasto per avere la giusta consistenza se seguite una vostra ricetta. Gli ingredienti che andrò a descrivere di seguito sono giusti per avere una pasta frolla perfetta con olio extravergine di oliva!

Pasta frolla con olio extravergine d'oliva
  • Preparazione: 10 + riposo 60 Minuti
  • Cottura: Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 8 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 300 g farina tipo 0
  • 100 g zucchero semolato
  • 100 ml olio extravergine d'oliva
  • 2 uova medie
  • 1 bustina Vanillina
  • 1 cucchiaino lievito per dolci
  • 1 pizzico Sale fino

Preparazione

  1. Pasta frolla con olio extravergine d'oliva

    In una ciotola capiente setacciate la farina con il lievito e la vanillina e fate un buco al centro, per intenderci la classica fontana. In un recipiente a parte sgusciate le uova e separate i tuorli dagli albumi tenendo questi ultimi da parte.

    Aggiungete ai tuorli l’olio sbattendo con una frusta; aggiungetevi anche lo zucchero sempre mescolando fino ad avere un composto amalgamato.

  2. Versatelo al centro della farina insieme agli albumi sbattuti al sale poi iniziate ad amalgamare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un panetto morbido e compatto.

  3. Avvolgete la pasta frolla con olio extravergine di oliva con della pellicola per alimenti e mettetela a riposare per almeno 1 ora in frigo, meglio sarebbe preparala il giorno prima.

    Dopo il riposo la pasta frolla con olio extravergine di oliva è pronta per ogni vostra preparazione dolce.

    Potete anche congelarla avvolta nella pellicola e poi posta in un sacchetto da freezer, si mantiene perfettamente fino a 3 mesi.

Note

Se ti piacciono le mie ricette seguimi sulla mia pagina FACEBOOK
basta cliccare “mi piace” e ogni giorno puoi essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate e commentare con me le varie preparazioni.

Altre ricette correlate: RICETTE DI BASE PER DOLCI

Seguimi su PINTEREST

62 Risposte a “Pasta frolla con olio extravergine di oliva”

  1. Salve,
    Non è la prima volta che cerco e trovo impasti di frolla con olio extra vergine di oliva e trovo sempre lo stesso errore. Definite l’olio acido invece di acerbo. Non è la stessa cosa. L’acidità, che si misura in laboratorio, è una caratteristica o dato che si usa per classificare gli oli tra extra, vergini e lampanti. L’acerbo invece è il sapore caratteristico di alcuni oli, che può piacere o meno, di solito di oli prodotti da olive acerbe, Verdi, che lascia quel sapore che lega un po’ la bocca.
    Per il resto provata, ottima!

  2. La voglio provare !
    Adoro lavorare con l’olio di oliva.
    Tralascerò la vanillina, pur adorando il sapore di vaniglia, aborro le cose artificiali.
    Suvvia e smettiamola con sta porcheria di “vanillina” !
    ( Cosa c’è di meglio di un baccello di vaniglia aperto per il lungo e poi passare gentilmente la lama di un coltello onde toglierne il semi ? )
    Buona frolla a tutti !

    1. Io lo zucchero vangliato me lo preparo così :barattolo di zucchero mescolato con bacca di vaniglia tagliata a pezzettini Ogni tanto rimboccarsi la quantità di zucchero che consumo ( x chi non lo sapesse lo zucchero secca i pezzi di vaniglia profumazioni)
      Quindi zucchero vanigliato sempre pronto

  3. Ciao Sonia, una curiosità: posso fare la frolla senza usare il lievito e magari usando lo stesso procedimento della “frolla inversa” cioè usare l’olio freddo?

    1. Antonella ciao, io sono Silvana non Sonia Peronaci..ma posso dirti che si puoi fare la frolla senza alcun lievito e usare l’olio freddo. Un abbraccio ciao

  4. Ottima.
    Utilizzata come base per le sfogliatelle napoletane.
    Un po difficile da gestire ma risultato garantito.
    Cottura 20min per le sfogliatelle a 200° e 30min per la crostata a 180.
    Grazie grazie grazie.

    1. Ha ragione Flavia incappo spesso in questa svista nonostante ce la metta tutta…credo sia più forte di me…grazie comunque!

  5. Buonissima!!! L’abbiamo fatta e divorata! Ho fatto la crostata, con la base fina, si è cotta in mezzora circa e ho usato marmellata di more e mirtilli. In casa non usiamo burro, quindi siamo sempre a caccia di ricette a base di olio extra vergine di oliva, visto che abbiamo la fortuna di averlo di nostra produzione.
    Penso che d’ora in poi userò la tua ricetta in tutte le preparazioni a base di pasta frolla.
    Grazie mille.

  6. mia mamma faceva una pasta frolla salata con farina e mascarpone, un pizzico di sale e uova( ma non conosco le dosi giuste), poi lavorava la pasta, la stendeva ad uno spessore di pochi cm e, con un bicchiere, ne ricavava dei dischetti all’interno dei quali poneva un pezzo di acciuga salata; arrotolava poi la pasta cioè i dischetti con all’interno l’acciuga e faceva dei cornetti .
    Metteva in forno questi torcetti salati sulla carta forno dopo averli spennellati con l’uovo.
    mi sapreste indicare le dosi esatte e i tempi giusti di cottura?

    1. Marica non conosco questo tipo di pasta frolla magari se trovo qualcosa di simile sarà mia premura passarti la ricetta, buona settimana

  7. Non so perchè ma quando provo a fare la pasta frolla con l’olio al posto del burro, anche se la lascio raffreddare non riesco a stenderla, si rompe tutta e devo infarinare molto il banco di lavoro perchè inizia subito ad ungere il tavolo. Insomma per ragioni di colesterolo vorrei tanto riuscire a fare una crostata senza burro ma i risultati sono sempre scarsi.

    1. Nicol benvenuta, hai provato a stenderla fra due forgli di carta da forno infarinati? Poi la carta sottostante puoi utilizzarla con la pasta frolla direttamente nello stampo 😉 prova!

  8. Ciao, volevo sapere se al posto della vanillina poso mettere le semi di una stecca o de lo strato di vaniglia. Grazie mille 🙂

    1. Eccomi Patrizia come qualsiasi frolla forno a 180° il tempo dipende cosa fai se biscotti o crostate..utilizza il tempo abituale. Ciao

  9. Mi va bene senza burro e suoi derivati,ma posso mettere lo zucchero di canna e l’olio di semi, sempre x problemi di allergie grazie

  10. complimenti. Appena sfornata,l’aspetto fantastico .facile la preparazione,cosa dire di piu’?brava come sempre e chiara nel procedimento,grazie.

  11. Beh, l’olio è di origine vegetale il burro animale è quindi meno elaborato più sano leggero e digeribile, prova a sostituire tutto l’olio quotidiano con il burro e poi vedi il colesterolo a tre mesi (era solo una risposta al primo commento) la proverò presto ma una domanda, secondo te si può usare anche l’olio di semi???? Grazie e complimentissimi 🙂

    1. E’ verissimo Valentina anche se le calorie sono quasi simili fra burro e olio, decisamente meglio quest’ultimo. Poi meglio usare olio d’oliva anzichè quello di semi. Ciao e buona giornata!

  12. Salve, la ricetta è interessante, la foto è invitante e tutto è perfetto, ma solo un appunto: perché continuare a chiamare light una cosa che non lo è? L’olio non è affatto più leggero del burro, casomai non contiene acqua e quegli elementi a cui tante persone sono, per loro sfortuna, intolleranti. Ma di qui a dire che l’olio è più leggero del burro, ce ne vuole.
    Complimenti per tutto il resto.
    Buon proseguimento!
    Riccardo

    1. Riccardo ti ringrazio per la precisazione, ho eliminato “anche più leggero” lasciando più digeribile e sano. Spero di non avere sbagliato non era mia intenzione dare info non vere, buona serata

    1. Grazie Sergio, però non posso farlo io direttamente, il procedimento è facilissimo: alla fine di ogni articolo-post a sinistra c’è una busta arancione se ci passi il mouse indica Iscriviti alla mia newsletter, cliccaci e inserisci i tuoi dati nella finestra preposta. Riceverai nella tua posta l’avvenuta iscrizione ma per definirla clicca sul link che trovi nella email. Dopodichè tutto è fatto!! Ciao Sergio e buona notte!

  13. hai ragione al tuo ricchissimo repertorio di basi, come si fa e ricette questa mancava, così forse è completo,boooo, qualche altra leccornia sicuramente la troverai e noi in attesa, già sbaviamo, almeno io, un bacione e buon sabato

      1. Salve, vorrei sapere se esiste la possibilità di sostituire lo zucchero con qualche altro dolcificante naturale adatto ai dolci.

        Ho fatto una piccola ricerca su internet e ho trovato diverse cose, come lo sciroppo d’acero la melassa il malto d’orzo. Secondo lei uno di questi è adatto a essere usato per la pasta frolla al posto dello zucchero?

        Grazie mille

      2. Se non hai esigenze particolari tipo patologie come il diabete ecco che puoi utilizzare il miele per esempio, un dolcificante tutto naturale che si amalgama agli ingredienti perfettamente. Oppure puoi usare dolcificante in polvere adatto e idoneo alla cottura (non tutti lo sono deve proprio essere specificato sulla confezione). Il fruttosio è un altro dolcificante naturale essendo solo zuccheri di frutta. A te la scelta Maria, ti allego un link per le dosi se vuoi usare il miele. A presto!
        https://blog.giallozafferano.it/silvanaincucina/2011/06/27/i-miei-appunti-il-miele-ottimo-sostituto-dello-zucchero-nei-dolci/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.