Falsomagro ripieno di mortadella e salsiccia

Falsomagro ripieno di mortadella e salsiccia

Piatto Siciliano di derivazione francese, che si fa risalire alla dominazione Angioina in Sicilia del XIII secolo.

E’ tutt’altro che magro, infatti è ricchissimo, provabile che la parte del suo nome il “magro” sia dovuto alla carne che lo avvolge, e non di certo alla farcia, che invece è ricchissima e varia a seconda delle festività o delle tradizioni familiari.

I tagli di carne più adatti a prepararlo sono la noce, il codone e il girello di manzo.

Oggi ve lo propongo con una farcia a base di mortadella carne e uova sode, e l’ immancabile cacio cavallo siciliano.

Per una rivisitazione del falsomagro clicca qui

Falsomagro ripieno di mortadella e salsiccia
  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo20 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora 40 Minuti
  • Porzioni6
  • Metodo di cotturaFuoco lento
  • CucinaRegionale Italiana

Ingredienti

Per il Falsomagro

600 g manzo (un unica fetta larga quadrata o rettangolare)
200 g mortadella con pistacchi
200 g salsiccia (siciliana)
80 g caciocavallo
50 g pangrattato (condito alla siciliana)
30 g pecorino romano
3 uova sode
q.b. sale
q.b. pepe

Per il sugo

700 g passata di pomodoro
50 g cipolla
50 g carota
1 costa sedano
200 g salsiccia (sbriciolata)
q.b. olio extravergine d’oliva
q.b. sale
q.b. pepe
q.b. basilico
1 bicchiere vino rosso (lambrusco)

Falsomagro ripieno di mortadella e salsiccia

Strumenti

1 Tagliere
1 Coltello
Spago da cucina
oppure1 Rete per arrosti
1 Pentola
oppure1 Padella

Passaggi

Preliminari

Fate le uova sode, quindi sgusciatele.

Con il batticarne pestate bene la fetta di carne fino a farle raggiungere lo spessore di 4-5 mm.

uova sode

La farcia

Tritate la mortadella e la salsiccia, in un mixer, quindi mettete il tutto in una ciotola e aggiungete il pangrattato, il caciocavallo grattugiato grossolanamente e il pecorino e le uova sode tagliuzzate. Assaggiate ed eventualmente aggiungete del sale e del pepe.

polpette
polpette

Farciamo e arrotoliamo il falsomagro

Ora che la farcia è pronta allargate la fetta di carne e stendetevi sopra l’impasto formando una sorta di salsicciotto all’intero della carne stessa, come in foto. facendo attenzione a

Piegate in dentro i bordi della fetta di carne lungo i lati più lunghi e poi arrotolatela.

Falsomagro ripieno di mortadella e salsiccia

Legatelo bene con spago alimentare o con la retina elastica, come se fosse un arrosto. salatene la superficie.

Falsomagro ripieno di mortadella e salsiccia

Facciamo la rosolatura

In una padella mettete dell’olio evo, e fatelo scaldare, quindi poggiate il falsomagro e fatelo rosolate da tutte le parti, fino a vedere la crosticina (sigillatura delle carni).

Falsomagro ripieno di mortadella e salsiccia

Ora che è rosolato mettetelo da parte senza pungerlo con la forchetta e trasferite l’olio restante in un’ altra pentola o padella antiaderente, preparate un trito di cipolla, sedano e carote uniteli nell’olio evo, e fateli soffriggere.

battuto

Ora unite il trito di salsiccia e fate cuocere per altri 2 minuti sempre mescolando.

battuto ragù

Aggiungete la passata di pomodoro,

ragù

e il falsomagro, mettete il coperchio e lasciate cuocere a fiamma media per circa 80 minuti, ricordandosi di girare spesso il falsomagro, e mescolare il sugo con un cucchiaio di legno. Se il sugo si asciuga, potete aggiungere un pochino d’acqua.

Quando il falsomagro è cotto tiratelo fuori dal sugo, aspettate che si raffreddi prima di eliminate lo spago o la retina elastica, e tagliatelo a fetta alte circa un dito. Mettetele sul piatto di servizio con il sugo. Il Falsomagro ripieno di mortadella e salsiccia è pronto.

Falsomagro ripieno di mortadella e salsiccia

Falsomagro ripieno di mortadella e salsiccia. Questo piatto lo potete conservare in frigo fino a 3 giorni e in freezer fino a 3 mesi.

Seguimi

Se questa ricetta ti è piaciuta clicca su tante stelline e seguimi sui social

Facebook Pinterest YouTube Instagram Twitter

Vedi anche:

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento