La salsiccia condita fatta in casa

La salsiccia condita fatta in casa, con i segreti della ricetta esclusiva di “Antonio il Macellaio” di Panarea.
Oggi vi propongo un piatto che fa gola a grandi e piccini e sopratutto in tutte le stagione, alla griglia nel sugo al forno etc, Vi spiegherò come farla in casa. Immaginatevi su una terrazza splendida in una serata d’estate a Panarea e l’unico rumore è lo scoppiettio della brace, il profumo che pervade della carne e della salsiccia alla brace, la fragranza del pane fatto in casa… he si oggi vi porto in un viaggio culinario che a Panarea non vi sareste mai aspettati di trovare. In fondo alla ricetta troverete la storia.


Per vedere tutti i secondi piatti cliccate qui

La salsiccia condita fatta in casa
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni5
  • Metodo di cotturaBrace
  • CucinaRegionale Italiana

Ingredienti

  • 1 kgmaiale (con il 20% di grasso)
  • 20 gsale
  • 3 gpepe nero (macinato)
  • q.b.vino bianco
  • 100 gprovolone piccante
  • 100 gpomodori
  • 100 gscarola (indivia)

Preparazione: La salsiccia condita fatta in casa

  1. budello per salsiccia

    Per prima cosa mettete il budello ad idratarsi in acqua. I tempi dell’idratazione li vedrete descritti nella scatola, questi variano a seconda della marca e dalla grandezza. Per questo tipo di salsiccia occorre il budello sottile, e non occorre spago.

  2. maiale

    Per la scelta della carne, vi consiglio le parti della punta di petto o della spalla, che sono carni più dure e saporite.

  3. La salsiccia condita fatta in casa

    Tagliate la carne a pezzi e macinatela con l’apposita macchinetta, per la “grana” questa deve essere grossolana.

  4. La salsiccia condita fatta in casa

    Una volta macinata, salatela col sale fino che ci aiuta meglio ad essere ben distribuito, e conditela con il pepe nero macinato , mescolate con le mani senza però maltrattare, in modo che i condimenti penetrino fra le fibre.

    Lasciate riposare in frigo per il tempo necessario a preparare gli altri condimenti.

  5. scarola

    Lavate la scarola, e tagliatela a pezzetti piccoli, quindi mettetela ad asciugare su una tovaglia.

  6. pomodori

    Lavate i pomodori, e tagliate anch’essi a pezzetti piccoli, e fateli scolare dal loro liquido di vegetazione in uno scolapasta per almeno 30 minuti.

  7. provolone

    Tagliate il provolone a cubetti piccoli.

    Ora è in offerta clicca qui

  8. A questo punto in una ciotola piuttosto capiente unite la carne macinata già salata e condita con il pepe, il provolone i pomodori e la scarola a pezzetti, aggiungete il vino ad occhio, tanto quanto ve ne richiede la carne per essere ben amalgamata.

  9. Mescolate delicatamente, senza maltrattare gli ingredienti fino a che vedrete che il tutto si sia ben amalgamato.

    Lo vedrete dai colori ben assortiti degli ingredienti.

  10. La salsiccia condita fatta in casa

    Infilate il budello nella macchinetta nell’apposito “imbuto”, quindi inserire la carne nella parte alta della e fare la salsiccia.

    La salsiccia così ottenuta non si lega con lo spago, bensì vanno praticati dei nodi su se stessa.

  11. La salsiccia condita fatta in casa

    Per la cottura, vi consiglio al barbecue, ma è talmente buona che la potete preparate in vari modi: al forno sulla ghisa e persino al sugo.

  12. Patate con aromi casalinghi Mediterranei

    Un ottimo contorno sarebbe con le patate al forno con aromi casalinghi

  13. Insalata siciliana di finocchi e arance

    o per chi desidera un contorno più leggero, una bella insalata di finocchi e arance.

    Il prodotto crudo va consumata entro 3 giorni.

  14. Antonio

Storia del piatto

La salsiccia condita fatta in casa. Oggi voglio raccontarvi una storia che iniziò già dal dopo guerra quando milioni di persone emigrarono in Argentina e nel resto del mondo.

Fra questi ci fu il padre di “Antonio il Macellaio” zio Felice, emigrato in cerca di fortuna ritornò con tutta la famiglia negli anni 70, io ero piccolina e mi ricordo come fosse ieri, che nel terrazzo di casa, Antonio ci preparava l’Asado un piatto tipico argentino di carne.

Antonio, ormai adulto sposa Mariella e insieme iniziarono la loro attività a Panarea, forte della lunga esperienza acquisita in Argentina nel trattare la carne, apre cosi l’unica macelleria dell’isola, poi piano piano e con tanti sacrifici è andato ingrandendosi.

L’aiuto inestimabile della moglie Mariella e successivamente dei figli Giusy Cristina e Marco ha fatto si che oggi siano una realtà tra le più fiorenti dell’isola con l’albergo ” La terrazza” e, il ristorante che dispone di una vasta gamma di carni tra le più pregiate che, dopo un’accurata frollatura, e l’eccezionale modo di cucinarle: sulla griglia a carbone, vengono servite davanti allo spettacolare panorama di Panarea.

Troverete fra gli altri tipi di carne la Fassona piemontese la Scottona siciliana la pregiata Kobe e il Wagyu.

Piatto cult del ristorante, la Rubia gallega, una vacca di origine galiziana del nord della Spagna.

Oggi Antonio non c’è più e suo figlio Marco ha preso il suo posto con l’aiuto e l’amore della sua famiglia porta in alto il nome di suo padre, ciao Antonio.

4,5 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento