Eggs benedict con salsa olandese

Australia. Anno 2007. Le mie prime eggs benedict. Una colazione che ancora oggi ricordo con nostalgia. Ci trovavamo lungo la Great Ocean Road, eravamo partiti da Melbourne, con destinazione Adelaide. Non avevamo alcun albergo prenotato per le prossime due notti, così da avere più libertà e fermarci dove e quando ci piaceva.

Bella la Great Ocean Road, bellissima. Un paesaggio mozzafiato, con scogliere a picco sul mare, rocce e archi di roccia che sorgono in mezzo al mare e spiagge infinite.

E se i “look out”, ovvero gli scorci panoramici non mancano, gli alberghi, anzi, i centri abitati proprio, scarseggiano. E quasi quasi ci toccava dormire in macchina quella notte. Ma alla fine, abbiamo trovato un Motel molto carino, con una bella stanza con terrazzo e la solita calorosa accoglienza australiana.

Il mattino dopo siamo ripartiti, e visto che il Motel non offriva la colazione, siamo andati a cercare un posticino carino dove poter mangiare qualcosa. Eh, mica facile eh, tra curve, tratti di costa disabitata e boschi. E alla fine siamo arrivati un un piccolo centro abitato.

Ricordo un distributore di benzina un supermercato e poco altro. E poi c’era lui, questo “Café” in perfetto stile australiano. Esterno in legno, interno con pochi tavolini, cucina a vista e molto accogliente. Eravamo noi 2 e piche altre persone. Infatti ci eravamo meravigliati di dover attendere così tanto dopo aver ordinato. Ma poi sono arrivate loro. Le eggs benedict. Le migliori che io abbia mai mangiato.

Eggs benedict con salsa olandese
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    25 minuti
  • Cottura:
    10 minuti
  • Porzioni:
    2 persone

Ingredienti

Per le uova

  • Pane in cassetta 4 fette
  • Prosciutto cotto 4 fette
  • Uova 4
  • Insalata valeriana q.b.
  • Erba cipollina (per guarnire) q.b.

Per la salsa olandese

  • Burro 80 g
  • Tuorlo 1
  • Senape 1/4 cucchiaino
  • Succo di limone 1 cucchiaino
  • Acqua 1 cucchiaio
  • Sale q.b.

Preparazione

Per le uova

  1. Per preparare le eggs benedict, portate a bollore dell’acqua in una pentola media, che vi servirà per cuocere le uova.

  2. Nel frattempo lavate l’insalata valeriana e asciugate con della carta da cucina.

    Tostate le fette di pane in una padella antiaderente e disponete su un piatto.

  3. Mettete su ciascuna fetta di pane una fetta di prosciutto cotto e un po’ di insalata valeriana.

  4. Prendete una tazza o una ciotolina dai bordi alti e foderatela con della pellicola. Rompete un uovo e fatelo scivolare delicatamente all’interno della pellicola. Richiudete la pellicola in cima come una caramella, in modo che l’uovo non fuoriesca.

    Procedete allo stesso modo con le altre 3 uova.

  5. Quando l’acqua bolle, inserite le 4 uova avvolte con pellicola e fate cuocere per 3 minuti e 30 secondi.

  6. Togliete dall’acqua, tagliate la pellicola e toglietela delicatamente. Adagiate le uova sulle fette di pane.

    Servite le vostre eggs benedict con la salsa olandese (vedi ricetta qui sotto) e un po’ di erba cipollina tritata.

Per la salsa olandese

  1. Per preparare la salsa olandese, scaldate un fondo di acqua in un pentolino.

    Fate sciogliere il burro in un pentolino senza farlo bollire, ma semplicemente scaldandolo un po’ fino a farlo sciogliere.

  2. Mettete il tuorlo in una ciotola adatta alla cottura a bagnomaria e mescolate bene con succo di limone, acqua, senape e sale.

    Adagiate quindi la ciotola sul pentolino con l’acqua e, tenendo la fiamma medio-bassa, mescolate il composto con una frusta fino a quando sarà spumoso e cremoso.

  3. Togliete quindi la ciotola dal pentolino e versate lentamente il burro fuso, un po’ alla volta, continuando a mescolare per incorporarlo bene, senza che la salsa impazzisca. Eventualmente aggiustate di sale.

  4. Se ti è piaciuta questa ricetta seguimi anche su Facebook.

Suggerimenti

Consiglio di preparare la salsa olandese all’ultimo momento, in modo da servirla calda o tiepida. Se voleste prepararla prima o se ve ne avanza, potete conservarla in frigo. Per riutilizzarla dovrete riscaldarla a bagnomaria mescolando, in modo che non si cuocia il tuorlo!

Potete preparare le uova alla coque anche seguendo il metodo tradizionale, ovvero portare ad ebollizione 1 litro di acqua con 1 cucchiaio di aceto e un po’ di sale, quando bolle creare un vortice con l’aiuto di un cucchiaio, rompere l’uovo e versarlo nel vortice, facendolo cuocere sempre per 3 minuti – 3 minuti e mezzo. Io preferisco il metodo descritto sopra, in quando vengono più carine esteticamente e meno mollicce all’esterno.

Precedente Biscotti di Natale semplici a forma di stella Successivo Involtini di salmone con kiwi - freschi e veloci

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.