Crea sito

Sformato di cavolfiore senza besciamella con prosciutto cotto e mozzarella

Voglia di un piatto facile e veloce da preparare ma soprattutto sfizioso? Ecco la ricetta che fa per te!! Un gustosissimo Sformato di cavolfiore senza besciamella, con prosciutto cotto e mozzarella. Questo sformato di cavolfiore è perfetto sia come piatto unico, come contorno o per una cena diversa dal solito. E’ davvero facile e veloce da preparare ed è anche leggero. Al posto della besciamella infatti ho deciso di usare la ricotta per creare cremosità senza troppo grassi. Vediamo insieme gli ingredienti per prepararlo insieme.

sformato di cavolfiore
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura50 Minuti
  • Porzioni6 persone
  • Metodo di cotturaForno elettrico
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1Cavolfiore (circa 1,4 kg)
  • 400 gRicotta vaccina
  • 2Mozzarella
  • Prosciutto cotto (3 fette un po’ spesse)
  • q.b.Olio di oliva
  • q.b.Pepe
  • q.b.Erba cipollina
  • q.b.Sale
  • q.b.Pangrattato
  • q.b.Parmigiano Reggiano DOP

Preparazione

  1. Per prima cosa pulite il cavolfiore. Eliminate le foglie meno belle e lasciate quelle buone. Dividete in cimette il cavolfiore e poi tagliatelo a fettine. Sciacquate per bene sotto l’acqua.

  2. Lessate il cavolfiore in una casseruola piuttosto capiente con acqua leggermente salata. Fate bollire per circa 10 minuti. Appena il cavolfiore diventa tenero (fate la prova infilzandolo con uno stecchino) scolate per bene dall’acqua in eccesso e lasciatelo in un setaccio.

  3. Ora preparate gli altri ingredienti per la farcitura. Sfilacciate le mozzarelle con le mani e mettetele in una ciotola. Tagliuzzate le fette di prosciutto cotto (al banco salumi fatevi affettare il prosciutto cotto in fette un po’ più spesse).

  4. In un’altra ciotola mettete la ricotta, schiacciatela con una forchetta, aggiungete un po’ di pepe, erba cipollina, sale e mescolate bene.

  5. Passate ora a formare il vostro sformato di cavolfiore. Prendete una pirofila da forno piuttosto capiente. Rivestitela con carta forno. Ungete leggermente il fondo con olio d’oliva.

  6. Formate un primo strato di cavolfiore sistemando le fettine sul fondo. Condite con un filo d’olio, un pizzico di sale e pepe e poi sistemate sopra un po’ degli ingredienti farcitura.

  7. Ovvero un po’ di mozzarella, un po’ di ricotta (aiutatevi con un cucchiaino per sistemarla qua e là), un po’ di prosciutto cotto, parmigiano reggiano grattugiato ed una manciata di pangrattato.

  8. Come avevo accennato nella descrizione, per rendere più leggero questo sformato di cavolfiore ho preferito sostituire la besciamella con della ricotta. Se preferite, per renderlo ancora più goloso potete ovviamente usare della besciamella, circa 300-400 gr (ingredienti per la besciamella: 400 gr di latte, 40 gr di farina, 40 gr di burro, noce moscata q.b., sale q.b.). Trovate qui il procedimento per preparare la besciamella: Lasagna broccoli e salsiccia.

  9. Realizzate ora il secondo strato. Disponete le fettine di cavolfiore e condite con un filo di olio e sale. Sopra aggiungete un po’ di mozzarella, ricotta, prosciutto cotto, parmigiano reggiano grattugiato, pangrattato e un pizzico di pepe.

  10. Procedete fino a terminare tutti gli ingredienti (io ho ottenuto due strati). Una volta pronto fate cuocere il vostro sformato di cavolfiore in forno preriscaldato modalità ventilata, a 180°.

  11. Coprite la superficie con un foglio di carta stagnola per i primi 20 minuti. Trascorso il tempo eliminate il foglio e proseguite per altri 20 minuti circa. Appena comincia a colorire in superficie sfornate e servite il vostro gustosissimo sformato di cavolfiore.

  12. Buon appetito e alla prossima ricetta!

    Ricetta e Foto Gabry – tutti i diritti riservati

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Gabry

Il mio nome è Gabry (o meglio Gabriella!), ho 36 anni e sono abruzzese doc!! Sono una ragazza semplice, con un grande cuore ♥ Non sono una cuoca di professione, piuttosto mi definisco una “pasticciona” ai fornelli! Però, tra esperimenti, successi e fallimenti, quando indosso il mio grembiule mi sento felice...