Secondi Piatti

Fave di Carpino con cicoria

 

Per il secondo appuntamento della rubrica 100% Made in Italy, vi presento una ricetta che sa finalmente di primavera. La protagonista principale è la Fava di Carpino, presidio Slow Food, coltivata nel Gargano che di sicuro rappresenta la varietà più apprezzata in tutta la Puglia. Le fave di Carpino sono effettivamente tra le più buone, tenere e saporite, dalle piccole e medie dimensioni meritano una nota d’interesse e di ricerca attenta per questo piccolo legume ottimo sia crudo, accompagnato con del formaggio e una profumata fetta di pane oppure impiegato in una buonissima ricetta contadina come fave e cicoria. Questo piatto ha per me un ricordo particolare, tutte le volte che andavo in Puglia dai miei parenti e ancora oggi, è in assoluto uno dei miei piatti preferiti. Di fave e cicoria potrei mangiarne in quantità industriali. I piatti della tradizione rappresentano per me la mia visione di cucina dove al centro c’è sempre la valorizzazione dei prodotti e delle loro qualità, rilegate al territorio per rafforzarne l’identità e il carattere. La cicoria, dona un contrasto amaro alle favette dolci, un semplice gioco di equilibri come ben direbbe qualcuno, mentre le fette di pane croccante chiudono il piatto e lo rendono perfetto, unico. In questo piatto la parola d’ordine è semplicità e genuinità, un valore per pochi, forse per quelli decisi che hanno trovato la propria strada.

 

Ingredienti

  • 400 g di Fave
  • 2 Patate
  • 1 kg di cicoria
  •  1 Spicchio d’aglio
  • 5 cucchiai di Olio Evo
  • peperoncino e sale qb

 

Procedimento:

Sgranate le fave, lavatele e lessatele per circa 30 minuti. Pulite la cicoria, scottatela  per qualche minuto, scolatela e versatela in una ciotola con dell’acqua fredda. Sbucciate  le patate fatele a dadini sbollentatele per qualche minuto. In una padella aggiungete l’olio, lo spicchio d’aglio e fatelo soffriggere un pò, aggiungete le fave e le patate, aggiustate di  sale, unite un pizzico di peperoncino. Cuocete a fiamma bassa per circa 10 minuti con il coperchio. Quando le fave saranno ben cotte trasferite il tutto nel mini pimer, frullate fino a far diventare il composto una crema liscia e omogenea. Nella stessa padella dove avete cotto le fave, aggiungete un cucchiaio d’olio e saltate la cicoria scolata e ben strizzata precedentemente.  Servite in un piatto fondo adagiando la cicoria sulla crema di fave.

Bon Appetit

Roast-beef con patate croccanti

3k8a85591 PH Antonia Checchia

 

Care foodlovers,

apro la mia rubrica dedicata alle patate Selenella, con un classico della cucina italiana: roastbeef con patate croccanti. In questo periodo è nata la collaborazione tra Madame bistrò e Selenella. Sono molto onorata di essere stata scelta da una grande azienda come Selenella, per testare il loro prodotto, senza glutine, fonte di carboidrati, vitamine e sali minerali come il potassio,  arricchita in selenio, prezioso nutriente dalle proprietà antiossidanti e  ideali per ogni tipo di ricetta a seconda della varietà che si sceglie. La prova regina per capire la qualità delle patate è sicuramente quella al forno. Il risultato di questo piatto oltre alla carne gustosa e tenera, sono le patate croccanti fuori e morbide dentro, rosolate alla perfezione e da un sapore autentico, avvolgente che, ricorda la semplicità delle cose buone. Le migliori materie prime per i nostri piatti sono quelle realizzate da persone che nel loro lavoro mettono tutta la loro passione, onesta e sincera pensando ad un consumatore felice della scelta che ha fatto per portare in tavola tutto il buono, il benessere e la qualità che merita.  Godetevi questa ricetta, perchè prossimamente ce ne saranno altre, irresistibili… dove la protagonista principale sarà Selenella un vero tesoro di patata;)

ingredienti per 4 persone: – 600 grammi di roast-beef  – 5 cucchiai olio extravergine d’oliva – 600 grammi di patate selenella – mezzo litro di brodo vegetale – 3 carote – mezzo bicchiere di vino bianco- sale e pepe q/b – rosmarino, grani di pepe nero.

Procedimento: massaggiate la carne con il pepe, il sale e il rosmarino. In una pentola di ghisa scaldate l’olio con uno spicchio d’aglio, rosolate la carne da entrambi i lati cercando di creare una bella crosticina. Sfumate il roast-beef con mezzo bicchiere di vino bianco, lasciate evaporare il vino e,  aggiungete mezzo litro circa  di brodo vegetale e le carote tagliate a pezzi. Cuocete il roast-beef lentamente con il coperchio per circa un’ora. Pelate le patate, tagliatele a spicchi grossi e adagiatele su una teglia ricoperta di carta forno, irroratele con un filo d’olio, dei rametti di rosmarino e sale q/b. Infornate le patate per circa 50 minuti. Quando la carne sarà pronta lasciatela raffreddare per 30 minuti su un tagliere. Con un mixer frullate le carote con il sughetto della carne. Tagliate a fette sottili il roast-beef, scaldate un pò le fettine, versateci la salsina di carote e servite il tutto con le buonissime e croccanti patate arrostite selenella.

 

 

 

3k8a85571

 

Pubblicato in Secondi Piatti | Commenti disabilitati su Roast-beef con patate croccanti

Involtini di pollo all’amalfitana

amalfi2

Il “Limone Costa d’Amalfi” IGP è un prodotto tipico della costiera Amalfitana. Il limone d’Amalfi detto anche lo ” sfusato” presenta caratteristiche molto pregiate e rinomate: la buccia è di medio spessore, di colore giallo particolarmente chiaro, profumo intenso, forma affusolata, polpa succosa, dimensioni medio-grosse, con scarsa presenza di semi. Ricchissimo di vitamina C e oli essenziali è un prodotto veramente eccezionale. Un frutto incantevole come la sua area di produzione, che va da Vietri sul mare a Positano. I migliori chef campani hanno incentrato e inventato, su questa formidabile materia prima, molte delle loro specialità. l’elenco dei piatti e dei dolci dove viene impiegato lo sfusato d’Amalfi è lungo, e il tipico liquore al limoncello prodotto con le bucce del limone è da molti definito il nettare degli dei. La ricetta che vi propongo è volutamente molto semplice e facile da realizzare: involtini di pollo con il limone d’Amalfi. In questa ricetta il limone viene impiegato per intero, dal succo alla scorza. Il risultato è sublime. Gli involtini di pollo marinati con il succo di limone, rimarranno morbidi ma con una pelle croccante, deliziosa e gustosa. Inoltre con il succo ottenuto dalla cottura degli involtini, ho realizzato una salsa vellutata e delicata per esaltare questi bocconcini succulenti e appetitosi.

Ingredienti:
– 5 sovracosce di pollo dissosate
– 1 limone d’amalfi
– 2 cucchiai d’olio evo
– mezzo spicchio d’aglio
– prezzemolo- basilico- rosamrino- salvia q/b
– sale q/b
– un cucchiaio di farina

pol2

pol3

Procedimento : Disponete su un tagliere le sovracosce di pollo e battete la carne usando un batticarne. Tritate il basilico,il prezzemolo, l’aglio, la salvia e il rosmarino. Con un pelapatate ricavate le scorzette di limone, e con uno spremiagrumi il succo. Irrorate le sovracosce con metà del succo di limone e aggiungete le scorzette, condite con un filo d’olio, il sale e il trito di aromi. Arrotolate le sovracosce creando dei perfetti involtini. Mettete un filo d’olio nella teglia, adagiate gli involtini, cospargeteli con il restante succo di limone aggiungete le altre scorzette, sale, aromi e un goccio d’olio. Lasciate marinare per un’ora e infornateli prima a 150° per 30 minuti e poi a 200° per 15 minuti. Quando gli involtini saranno ben dorati, toglieteli dal forno, filtrate il succo di cottura, mettetelo in un pentolino, ponetelo sul fuoco a fiamma bassa e aggiungeteci un cucchiaio di farina, mescolate con una frusta velocemente per 30 secondi e otterete la salsa per accompagnare gli involtini.

Pubblicato in Secondi Piatti | Commenti disabilitati su Involtini di pollo all’amalfitana

Bocconcini di pollo con purè di castagne

pollo

Bocconcini di pollo con purè di castagne.

La ricetta dei Bocconcini di pollo con purè di castagne, è un piatto gustoso, adatto per le cene invernali o i pranzi domenicali in compagnia di ospiti particolari come i suoceri. Dedicata ai neo sposi, i bocconcini di pollo con purè di castagne, è un piatto semplice da preparare, che lascerà di sicuro i vostri ospiti a bocca aperta, ma a pancia piena. I bocconcini speziati e perfettamente dorati ,aromatizzati al vino bianco, sono deliziosi e il purè di castagne morbido e cremoso leggermente dolce darà quel tocco in più che esalterà le vostre doti di cuoca sofisticata e brillante. Insomma care sposine, se vostra suocera, prepara un pollo spettacolare che richiede lunghe cotture e praparazioni, e voi un pò per inesperienza e un pò per mancanza di tempo, non sapete proprio che “polli prendere”! Allora vi consiglio di preparare questa nuova versione del pollo partendo dal petto adatta ai vostri di tempi e personalità. In cucina come in amore ognuno ha un suo particolarissimo ruolo e modo di amare,cucinare ed esprimere la propria passione.
Con questa ricetta sono felice di partecipare al constest #ChickenchefCercasi, suggeritomi dal team di Fuudly il primo social network dedicato a tutti gli amanti del cibo a 360° 😉 .

Bocconcini di pollo in salsa di castagne
ingredienti:
– 300 g di bocconcini di pollo
– 10 castagne grandi
– 6 cucchiai di Olio Evo
– farina per frittura q/b
– una manciata di finocchietto secco
– un rametto di rosmarino
– qualche fogliolina di salvia
– prezzemolo tritato q/b
– 2 spicchi d’aglio
– mezzo bicchiere di vino bianco
– sale e pepe q/b
Lessate le castagne per 30 minuti con un pizzico di sale.
Sbucciate le castagne e tagliatele a pezzetti , passatele in padella con uno spicchio d’aglio,prezzemolo e due cucchiai d’acqua, cuocete per una decina di minuti , salate e pepate. Quando le castagne saranno pronte passatele nel mixer, e otterrete così la purea di castagne che vi servirà per accompagnare i nostri bocconcini di pollo.
A questo punto infarinate i bocconcini di pollo. In una padella scaldate l’olio e lo spicchio d’aglio per qualche secondo, aggiungete i bocconcini di pollo, rosolateli da entrambi i lati, sfumate il pollo con il vino bianco, unite il finocchietto, il rosmarino e la salvia, aggiustate di sale e pepe e cuocete per 20 minuti. Servite i bocconcini di pollo con la purea di castagne e bon appetit .

Tortino alle erbette aromatiche e funghi trifolati

Non serve cimentarsi in grandi imprese, per creare un buon piatto, tutti in cucina con un pò di fantasia e creatività possiamo creare una cenetta o un pranzo delizioso , veloce, economico ,buono da mangiare e bello da vedere . Così vi posto questo tortino di erbette aromatiche e funghi champignon, dove impiegherete più tempo a leggere la ricetta che a prepararlo tanto è facile.

Ingredienti per 4 persone :

– 8 uova
-200 g di parmigiano reggiano
– erbette aromatiche
– sale e pepe qb
– 200 g di funghi champignon
– 4 cucchiai di Olio Evo

Procedimento :In una ciotola sbattete le uova con il formaggio, le erbette aromatiche, il sale e un pizzico di pepe. Prendete una padella, versateci l’olio scaldatelo leggermente e aggiungeteci le uova per la frittatta che cuocerete per 3 minuti fiamma bassa , prima da un lato e poi dall’altro, per girare la frittata aiutatevi con un coperchio. Pulite i funghi tagliateli a fettine e saltateli in padella con un filo d’olio e uno spicchio d’aglio, aggiustate di sale e pepe. Quando la frittata sarà pronta prendete un coppapasta e create 4 dischi di frittata. Prendete un piatto adagiatevi un disco di frittata aggiungete i funghi saltati precedentemente, e servitelo con una spolverata di pepe in grani e prezzemolo tritato.11171607_10205614451434552_2111497875_o

Pubblicato in Secondi Piatti | Commenti disabilitati su Tortino alle erbette aromatiche e funghi trifolati

Polpo arrostito con Chips di patate viola

Il menù del venerdì predeve piatti a base di pesce, oggi posto una ricettina facile che potete preparare per la cena di questa sera, o come antipasto per i vostri futuri eventi chic e sempre buonissimi. Il polpo arrostito accompagnato da chips di patate viola è un piatto non solo buono e fresco, ma d’effetto, e molto trendy. Le patate viola sono ricche di vitamine e antiossidanti, sono molto ricercate e richieste ultimamente, incuriosiscono gli ospiti e poi nel piatto fanno scena e con il polpo l’abbinamento crea dei sapori raffinati insieme alla glassa di aceto balsamico. Un polpo fresco lo si riconosce dalla sua madreperlatura, una colorazione cangiante , viva e intensa nelle sue varie sfumature, l’odore deve essere marino e di salsedine, diffidate da odori sgradevoli o d’inchiostro con carni ingiallite o rosate, vuol dire che il polpo non è fresco quindi non lo acquistate. Siete pronte per realizzare un piatto semplice ma da veri gourmet? Andiamo allora ai fornelli, prima però, assicuriamoci di acquistare gli ingredienti giusti.

polpo
Ingredienti per 4 persone :
– 1,5 kg di polpo fresco
– 4 patate viola
– olio Evo
– aceto balsamico
– sale e pepe qb

polpo2
Procedimento:
Lavate il polpo accuratamente sotto acqua corrente, strofinando delicatamente i tentacoli. Cuocete i polpi in abbondante acqua bollente e salata, per 15 minuti. Dopo la cottura spegnete il fuoco e lasciate raffreddare i polpi nella loro acqua di cottura. Sbucciate le patate e con una mandolina,tagliate a fettine sottili. Prendete il polpo scolatelo e tagliatelo a pezzi grossi e grigliatelo sulla piastra in ghisa , friggete a parte le patate in una padella con abbondante olio. Quando le patate e il polpo saranno cotti disponete le patate in un piatto adagiateci sopra il polpo, aggiustate di sale e pepe e servite con un filo di aceto di glassa balsamica.
Se avete qualche dubbio o domanda inerente alla ricetta scrivetemi pure, sarò ben lieta di aiutarvi 🙂
Bon Appetit
Madame Bistrò

Burger Buns

buns

La ricetta dei Burger Buns è una vera chicca, dedicata a tutti gli amanti del buon cibo, e dei prodotti fatti in casa che personalmente ritengo molto più salutari e genuini. Infatti se proviamo a leggere gli ingredienti sulle confezioni dei panini per gli Hamburger, non sono propriamente salutari, e privi di grassi e intrugli vari…. Così essendo un’appassionata dei processi di lievitazione dei prodotti da forno, mi sono cimentata in questa impresa, perfezionando la ricetta secondo i miei gusti, ottenendo dei panini morbidi e soffici, perfetti e gustosi, che non hanno nulla da invidiare ai panini del fast food o della grande distribuzione. Se state, dunque, pensando di organizzare un party, e volete sorprendere i vostri ospiti servendo i panini più buoni del mondo, seguitemi allora in questa fantastica avventura .

pezzib

Ingredienti per 10 panini :
– 200 ml di acqua tiepida
– 40 g di burro ammorbidito
– 1 uovo
– 300 g di farina di forza Manitoba
– 160 g di farina 00
– 25 g di zucchero
– 15 g di sale
– 1 cucchiaino di sale
– 8 g di lievito di birra
– 20 ml di olio evo
– 30 ml di latte per spennellare i panini
– Semi di sesamo
Procedimento :

Sciogliete il lievito nell’acqua tiepida con lo zucchero, aggiungete le farine precedentemente setacciate, l’uovo, e iniziate ad impastare, unite il burro ammorbidito a piccoli pezzi e continuate ad impastare, a questo punto aggiungete il sale e l’olio. Lavorate il panetto fino a quando otterrete un impasto liscio ed omogeneo . A questo punto ponete la pasta in una ciotola leggermente unta di olio e coprite con della pellicola trasparente per alimenti. Lasciate lievitare per 5 ore. Trascorse le prime 5 ore di lievitazione, prendete l’impasto e create 10 piccole palline, posizionatele su una teglia rivestita
di carta forno , distanziate tra loro e lasciate lievitare per altre 3 ore fino a quando i panini non si gonfieranno. Accendete il forno a 170 ° ventilato, spennellate i panini con il latte e i semini di sesamo, cuoceteli in forno per 30/40 minuti.
I panini per i vostri hamburger sono pronti, saranno un successo, se avete bisogno di qualche consiglio lasciate pure un commento , sarò ben lieta di rispondervi e di aiutarvi a creare i panini più buoni del mondo.
Bon Appetit

Madame Bistrò

Pizza : salame, melanzane e mozzarella

pizza

La Pizza è una pietanza universale, un meraviglioso comfort food, presente in tutto il mondo. Semplice e gustosa, la pizza mette d’accordo tutti, versatile nella presentazione e creativa, rappresenta quel cibo accessibile a chiunque senza alcuna distinzione, nessun vincolo se non quello di adoperare prodotti buoni e genuini. Così la piazza si permette il lusso di andare in giro per il mondo della gastronomia, in contesti che spaziano dallo street food, alle classiche pizzerie, o locali che scelgono di valorizzare gli aspetti peculiari e principali della pizza sperimentando e selezionado le materie prime per creare un’esperienza unica ai loro clienti. La pizza non è un cibo banale, il suo concetto è stato totalmente rivalutato, e reso impeccabile senza intaccare la tradizione. La base di questa tradizione è proprio il suo impasto, semplice acqua, farina, lievito e sale, ma non bastano, la pizza ha bisogno di amore e pazienza, curata dal principio, questo se si vogliono ottenere grandi risultati. La ricetta della mia pizza, annota dei piccoli trucchi e segreti che vi svelerò, non solo in questo post, ma anche in altri che scriverò in futuro, perché come dicevo prima la sperimentazione e l’impiego delle materie prime ci porteranno a fare quel salto di gusto in più. Siete pronte quindi per annotarvi i primi trucchi e segreti per un impasto perfetto?

pizza4

Trucchi e segreti :
1) quando sciogliete il lievito nell’acqua, la temperatura giusta deve essere di 37°.
2) aggiungete al lievito lo zucchero questo aiuterà il lievito ad attivarsi.
3) aggiungete il sale solo alla fine mai all’inizio.
4) per avere una pizza soffice e digeribile, basta mettere poco lievito e aumentare le ore di lievitazione. La mia pizza a volte la lascio lievitare anche e oltre le 12 ore.
Per i prossimi trucchi e segreti continuatemi a seguire e non ve ne pentirete 😉

pizza3

Ingredienti – 500g di farina
– 5 g di lievito di birra
– 150 g di acqua
-1 cucchiaino di zucchero
– 3 cucchiaini di sale
– 1 cucchiaio di olio d’oliva

Procedimento: Versate l’acqua tiepida a 37° in una ciotola con 1 cucchiaino di zucchero. Dopo che avete sciolto il lievito aggiungete la farina, acqua e sale impastate per bene e versate alla fine 1 cucchiaio d’olio. Lasciate lievitare per 8/10 ore il panetto in una ciotola coperta con della pellicola per alimenti, in un luogo caldo e asciutto. Trascorse le ore di lievitazione il vostro impasto è pronto per creare le vostre pizze che farcirete a vostro piacimento. La pizza che ho preparato ieri sera e che vedete in foto l’ho farcita con melanzane a funghetto, mozzarella e salame, buonissimaaaaaa!!!!
Bon Appetit
Madame Bistrò.

Pubblicato in Secondi Piatti | Commenti disabilitati su Pizza : salame, melanzane e mozzarella