Pink cheeseburger – Panino gourmet con svizzera biologica

Pink cheesburger- Panino gourmet con svizzera biologica

Pink cheeseburger? Esatto. I panini morbidi alla barbabietola di ieri sono perfetti per accogliere le mitiche svizzere biologiche di Macelli 44 a Genova, con cui collaboro (spendi cinque minuti per leggere tutto su questa bella collaborazione). È nato così un panino gourmet con crema di taleggio, svizzera biologica e cavolo nero, ed è solo una delle molte ipotesi di abbinamento che ho pensato affinché il matrimonio tra il panino rosa alla barbabietola e la svizzera fosse perfetto. Sono molto contenta perché questo pink cheesebourger è un pranzo completo, prelibato, sano e di grande soddisfazione. Inoltre è un esempio di street food di altissima qualità, come la nostra farinata genovese che possiamo preparare a casa.

  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni1
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaFusion
978,62 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 978,62 (Kcal)
  • Carboidrati 41,86 (g) di cui Zuccheri 7,32 (g)
  • Proteine 68,58 (g)
  • Grassi 60,69 (g) di cui saturi 29,06 (g)di cui insaturi 13,57 (g)
  • Fibre 2,53 (g)
  • Sodio 3.372,76 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 250 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Cosa occorre per il pink cheesburger gourmet

Trovate qui la ricetta per preparare a casa i burger buns alla barbabietola.
  • 1panino al latte (alla barbabietola)
  • 1carne macinata di manzo (biologica. Una svizzera)
  • 3 fogliecavolo nero (biologico)
  • 100 gTaleggio
  • 2 cucchiailatte
  • 3 gsale
  • 2 gpepe

Strumenti

Occorre solo una buona padella antiaderente e, per la crema di taleggio, un piccolo mixer.

    Come preparare il pink cheeseburger – Panino gourmet con svizzera biologica

    1.  Pink Cheeseburger

      Laviamo le foglie di cavolo nero e priviamole del torsolo centrale. Quindi sbollentiamole molto velocemente e poi passiamole sotto l’acqua fredda per mantenere il colore brillante delle foglie.
      Togliamo la crosta al taleggio e frulliamolo in un mini mixer con due cucchiai di latte fino ad ottenere una crema.
      In una padella antiaderente rovente cuociamo la svizzera secondo i nostri gusti. Nella stessa padella scaldiamo poi il panino tagliato a metà, avendo cura di appoggiare la parte interna contro il fondo caldo. Appena il pane si sarà intiepidito, montiamo il panino.

      Disponiamo le foglie di cavolo, un cucchiaio di crema di taleggio, la svizzera con sale e pepe, di nuovo cavolo nero e la rimanente crema di taleggio. Quindi chiudiamo il panino con il suo tappo e posiamolo nella padella calda con un coperchio bombato per pochi minuti, il tempo necessario al taleggio per scaldarsi e sciogliersi un po’.

      Infine stappiamo una buona birra e godiamoci il pink cheeseburger gourmet.

    Leggete ancora un attimo

    Le svizzere di Macelli44 sono squisite. Parliamo proprio di una qualità di carne a cui non ero affatto abituata. Questo mi permette di consumare la carne rossa una volta ogni tanto, anche in modo molto accattivante come in questo caso. Ho in mente altri panini!

    Se ti piace la carne, leggi le ricette della carne di manzo in gelatina e del falsomagro; se inoltre mangi la trippa, questa è la mia ricetta.
    Lo sai qual è il motto di Macelli44 – Cooperativa Agricola Monte Di Capenardo? #mangiarnemenomangiarlameglio. Nient’altro da aggiungere.

    Tornando alla HOME troverai una sezione dedicata interamente alle ricette tradizionali liguri. Potrai leggere minestrone, zemin di ceci, torte di verdura e molto altro. Alle ricette regionali, anche a quelle siciliane della mia nonna paterna, mi avvicino sempre con rispetto e attenzione: spesso sono ricette di famiglia (come in questo caso) proprio il cibo quotidiano, e capisco che ognuno abbia un po’ la sua versione. Seguimi anche su Facebook, e su Instagram: troverai ricette veloci, molti consigli utili e non ti capiterà più di essere senza idee per cena.

    Note: questa ricetta contiene un link di affiliazione.

    5,0 / 5
    Grazie per aver votato!

    Pubblicato da lareginadelfocolare

    Mi chiamo Silvia e vivo a Genova. Da tanti anni cucino per amore. Se volete conoscermi meglio, venite a fare quattro chiacchiere in cucina.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.