Roast beef

roast beef

Oggi ho voluto cucinare un piatto della cucina anglosassone, il roast beef ed abbiamo gustato un delizioso arrosto all’inglese cotto al punto giusto, con un colore scuro esternamente e una carne rosata all’interno. Un piatto estremamente facile da realizzare, l’importante rispettare i tempi di cottura per avere una carne cotta al punto giusto. Un secondo piatto raffinato da presentare anche per le feste.

roast beef verticale
  • DifficoltàFacile
  • CostoMedio
  • Porzioni8
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per il Roast beef

1.5 kg vitellone (lombata)
50 ml olio extravergine d’oliva
150 ml brodo di carne
1 rametto rosmarino
4 foglie salvia
q.b. sale
420,19 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 420,19 (Kcal)
  • Carboidrati 0,02 (g) di cui Zuccheri 0,00 (g)
  • Proteine 35,01 (g)
  • Grassi 30,32 (g) di cui saturi 10,42 (g)di cui insaturi 12,92 (g)
  • Fibre 0,01 (g)
  • Sodio 649,71 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 181 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Cosa serve per il Roast beef

Preparazione del Roast beef

Per la realizzazione di questa ricetta la carne va tenuta a temperatura ambiente per circa un’ora. Dovrà essere anche ben asciutta per cui, se necessario, tamponarla con della carta assorbente.

Legare la carne con dello spago da cucina e infilare sotto di questo il rametto di rosmarino e le foglioline di salvia. Mettere la pentola sul fuoco e lasciarla scaldare bene. Aggiungere l’olio e subito dopo la carne.

Lasciare rosolare a fiamma vivace da tutti i lati, in modo che la carne prenda una bella colorazione scura e non dia l’effetto di carne lessa.

La reazione di Maillard, la caramellatura cioè degli zuccheri presenti nella carne, formerà quella deliziosa crosticina, che renderà l’arrosto irresistibile.

Per girare la carne durante la rosolatura non bisogna utilizzare forchette o oggetti appuntiti, per evitare di forarla e far perdere quei liquidi preziosi che le renderanno morbida e succulenta al gusto. Utilizzare, quindi, due cucchiai di legno.

Una volta ben rosolata, salare la carne, aggiungere il brodo e mettere il coperchio. Abbassare il fuoco e lasciare cuocere per 20 minuti, controllando che il liquido non si asciughi completamente, nel caso aggiungere un altro po’ di brodo.

Per cuocere bene un buon arrosto è necessario avere una pentola pesante e spessa, in modo che possa diffondere il calore uniformemente, non faccia attaccare il cibo e cuocia lentamente.

Per testare la cottura della carne, l’ideale sarebbe avere a disposizione un termometro da cucina. Infilzare il Roast Beef col termometro e se la temperatura è di 40 gradi si avrà una carne al sangue, a 52 gradi sarà rosata e a 58 gradi sarà troppo cotta.

Un altro metodo più casalingo per constatare il grado di cottura è quella di pungere la carne con uno stecchino, fino ad arrivare al cuore. Se il liquido che esce è rosso la carne è cruda, se trasparente rosata, se non fuoriesce nessun liquido è molto cotta.

Tirare fuori la carne dalla pentola e avvolgerla con della carta di alluminio. Lasciarla riposare per una ventina di minuti circa, in modo che i succhi si distribuiscano bene.

Passato il tempo, tagliare a fette sottili il Roast Beef e servire

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria tra forno e fornelli

Ciao a tutti. Sono Annamaria, siciliana Doc e con parecchi hobby, tra cui la passione per cucina. Questo blog è nato quasi per gioco nel Marzo del 2015 e oggi mi ritrovo con un bel po' di followers che amano le mie ricette. La mia è una cucina piuttosto semplice. Propongo ricette fattibili da tutti e forse è questo il segreto per cui alla gente piacciono. Colgo l'occasione per ringraziare chiunque entri qui e mi onora con la propria presenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.