Crea sito

Polpette di cavolfiore e patate

Le Polpette di cavolfiore e patate sono un’idea per un secondo piatto vegetariano. Si possono servire da sole o accompagnate da verdure cotte o crude. Possono essere anche utilizzate come sfizioso contorno. Io ho preferito la frittura in olio di oliva, ma possono essere anche cotte in forno, basta semplicemente ungerle, sistemarle su di una teglia e cuocerle in forno caldo a 180° per circa 20 minuti. Per una versione ancora più appetitosa, le polpette di patate e cavolfiore possono essere farcite con pezzetti di formaggio, che formeranno un delizioso cuore filante, una volta cotte. Se vi va di preparare le Polpette di cavolfiore e patate insieme a me, non vi resta che entrare nella ma cucina.

polpette di cavolfiore e patate
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti per le Polpette di cavolfiore e patate

  • 400 gCavolfiore
  • 300 gPatate
  • 2Uova
  • 100 gFormaggio grattugiato
  • 1 ciuffoPrezzemolo
  • 1 spicchioAglio (facoltativo)
  • 59 gPangrattato
  • q.b.Sale
  • q.b.Pepe
  • q.b.Olio di oliva
  • q.b.Farina

Cosa serve per le Polpette di cavolfiore e patate

  • 2 Pentole
  • Schiacciapatate
  • 1 Ciotola
  • 1 Padella
  • 1 Vassoio

Preparazione delle Polpette con cavolfiore e patate

  1. Preparare le Polpette di cavolfiore e patate e davvero molto semplice. Intanto, bisogna avere a disposizione due pentole con dentro dell’acqua. In una di esse mettere le patate con tutta la buccia, portare ad ebollizione e lasciare cuocere, fino a quando, infilzandole con un forchetta diventeranno tenere.

  2. Scolare le patate, sbucciarle e passarle, ancora calde con lo schiacciapatate, raccogliendone la purea in una ciotola. L’acqua della seconda pentola, va portata ad ebollizione, quindi mettervi dentro il cavolfiore, ridotto a cimette e lavato accuratamente sotto l’acqua corrente. Aspettare che cuocia, testando anche questo con i rebbi di una forchetta, quindi scolarlo per bene e lasciare intiepidire.

  3. Schiacciare il cavolfiore con i rebbi di una forchetta, cercando di spappolarlo il più possibile, ma non usare frullatori o mixer, perché il diventerebbe una pappetta liquida. Unire questa polpa alla purea di patate e mescolare con le mani, in modo da amalgamare perfettamente le due verdure.

  4. Unire al composto le uova, il formaggio grattugiato, che può essere del pecorino o del grana, a seconda dei propri gusti, il pangrattato, l’aglio ed il prezzemolo, tritati molto piccoli, il sale e il pepe. Se l’impasto dovesse essere troppo asciutto, aggiungere un goccio di latte, se, invece, dovesse essere troppo morbido, aggiungere dell’altro formaggio e pangrattato.

  5. Mettere un po’ di olio in una tazzina e ungersi appena le mani. A questo punto, cominciare a dare la forma alle polpette. Ognuno le può fare della forma che preferisce, io le ho fatte romboidali. Prelevare un po’ più di una noce di composto e lavorarlo con le mani, cercando di dare compattezza. Man, mano che si fanno le polpette, passarle in un piatto, in cui è stata messa un po’ di farina e sistemarle su di un vassoio.

  6. Mettere sul fuoco una padella con dell’olio, che non dovrà essere molto abbondante. Una volta caldo, poggiare le polpette nell’olio e aspettare che si dorino da un lato, quindi, rigirarle e lasciare cuocere anche dall’altro lato. Appena saranno pronte, sistemare le Polpette di cavolfiore e patate in un piatto con della carta assorbente, per eliminare parte dell’unto di frittura. E ora, non vi resta che gustarvele!

    Buon appetito!

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria tra forno e fornelli

Ciao a tutti. Sono Annamaria, siciliana Doc e con parecchi hobby, tra cui la passione per cucina. Questo blog è nato quasi per gioco nel Marzo del 2015 e oggi mi ritrovo con un bel po' di followers che amano le mie ricette. La mia è una cucina piuttosto semplice. Propongo ricette fattibili da tutti e forse è questo il segreto per cui alla gente piacciono. Colgo l'occasione per ringraziare chiunque entri qui e mi onora con la propria presenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.