Zuppa di ceci. Cottura con e senza pentola a pressione.

Oggi è arrivato il freddo anche da noi in Puglia e questa zuppa di ceci è davvero perfetta per pranzo…
Poi questi ceci del Salento sono pazzeschi.
Ditemi la verità, a voi il profumo dei leguimi non vi evoca ricordi legati ai nonni? A me sì

  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo10 Minuti
  • Tempo di cottura1 Ora
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 200 gceci secchi
  • 1carota
  • 1 gambosedano
  • 1 spicchioaglio
  • q.b.alloro
  • q.b.rosmarino
  • q.b.peperoncini (facoltativo)
  • q.b.sale
  • q.b.olio extravergine d’oliva
  • 1 lacqua (per la cottura)
  • q.b.acqua (per mettere a bagno i ceci)
  • 1 pizzicobicarbonato

Preparazione

  1. La prima regola per la riuscita di questa ricetta è mettere i ceci a bagno dalla sera prima di farli, almeno per 12 ore.

    In una coppa versate i ceci con abbondante acqua e un cucchiaino di bicarbonato. Questo è un segreto per migliorare la cottura, soprattutto quando l’acqua del rubinetto è particolarmente dura; non eccedete però, perchè il bicarbonato altera le qualità nutrizionali del legume.

    Vi preciso che i tempi di preparazione di questa ricetta fanno fede ad una cottura in pentola a pressione, perchè a mio avviso è imbattile, ma vi scriverò ugualmente tutte e due le procedure di cottura.

    Iniziamo la cottura senza pentola a pressione.

    Prendete una pentola larga e dal fondo spesso, fate rosolare in circa 20/30 gr di olio extra vergine di oliva la carota, pelata e tagliata a rondelle, il sedano mondato e tagliato a dadini e uno spicchio d’aglio.

    Dopo 10 minuti circa versate il litro di acqua e i ceci precedentemente scolati e sciacquati, aspettate che l’acqua inizi a bollire, mettete il coperchio, abbassate la fiamma a minimo e lasciateli cuocere.

    Dopo 30 minuti verificate che ci sia ancora acqua di cottura, girateli e iniziate ad assaggiare. A questo punto aggiungete un paio di foglie di alloro e un rametto di rosmarino, potrete anche omettere la presenza degli odori se non è di vostro gradimento.

    Se vi rendete conto che acqua si è prosciugata e i ceci sono ancora troppo duri, fate bollire dell’altra acqua in un pentolino e aggiungete, vi raccomando non versate acqua fredda, altrimenti interromperete la cottura.

    In genere, se sono stati bene a bagno e sono di buona qualità dopo quasi due ore saranno pronti, anche prima.

    Salate solo a fine cottura e far intepidire e servire caldi.

    Fate un giro d’olio e se gradite aggiungete del peperoncino.

    Se invece userete come me la pentola a pressione, dovrete sfriggere gli odori come precedentemente illustrato, ma dovrete mettere meno acqua, ossia dopo aver sfritto versare prima i ceci e poi l’acqua precisamente 3 dita sopra il livello dei ceci.

    Ricordate di mettere alloro e rosmarino, se sono di vostro gradimento.

    Vi prometto che settimana prossima peso l’acqua e vi dico precisamente.

    Dal momento del così detto fischio della pentola a pressione,50/60 minuti i ceci saranno pronti.

    Anche in questo caso salate alla fine un bel giro d’olio e buon appetito…

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.