Dita della strega

Dita della strega. Dopo tanti anni, ripropongo questa semplicissima, divertente ricetta che rappresenta le dita della strega, perfetti da consumare in questo periodo di halloween….Dita un po’ artrosiche, insanguinate al punto giusto……divertenti e molto appetitose…..

Leggi anche:

Frollini di Halloween

Dita della strega - Così cucino io
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    20-25 pezzi
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 100 g burro
  • 100 g zucchero a velo
  • 1 uovo
  • 280 g farina 00
  • 1 pizzico vaniglia
  • 1 pizzico sale
  • 1 cucchiaino lievito
  • q.b. mandorle
  • q.b. marmellata di ciliegie o fragole
  • q.b. albume d’uovo

Preparazione

  1. Dita della strega - Così cucino io

    Farina a fontana: al centro burro freddo, uovo e zucchero a velo + vaniglia, sale e lievito.
    Lavorare l’impasto finchè diventa liscio e omogeneo.
    Formare un rotolo e dividerlo in pezzetti del peso di circa 25 gr. (20-22 pezzi) e formare dei bastoncini lunghi circa 10 cm.
    Sagomare le dita, appuntendole leggermente ad una estremità e rigandole con un coltellino a lama liscia leggermente sotto l’unghia e un po’ più sotto (rughe).
    Formare le unghie adagiando su ogni bastoncino una mandorla sull’estremità appuntita (punta della mandorla verso l’esterno).
    Disporre i biscotti sulla placca del forno coperta da cartaforno distanziati tra loro di circa 3 cm., pennellarli con albume d’uovo e infornare a 180° per 20 minuti circa.
    Far raffreddare, le unghie si saranno staccate quasi tutte, incollarle con la marmellata sporcando leggermente le dita per ottenere l’effetto insanguinato.
    Lasciar raffreddare totalmente prima di servire.

    Buon divertimento!

Consiglio…

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook  COSI’ CUCINO IO

Precedente Uva sotto grappa Successivo Orzotto di zucca e salsiccia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.