Frollini per halloween

Zucche ritagliate con uno stampino e decorate con la marmellata, dita della strega insanguinate da marmellata di ciliegie e pipistrelli con gli occhietti di cioccolato. Questi sono i miei frollini per halloween, risposta perfetta alla domanda: giochetto o scherzetto?

Ingredienti:

300 gr. di farina 00

125 gr. di burro

100 gr. di zucchero

1 uova + un tuorlo

un pizzico di sale

un pizzico di vaniglia

buccia di limone grattugiata

2 cucchiai di rum

marmellata di ciliegie

poca cioccolato fondente fuso

mandorle bianche pelate

albume per spennellare

Disporre la la farina a fontana, aggiungere al centro lo zucchero, il burro freddo a pezzetti, le uova, gli aromi e il sale e  lavorare il tutto velocemente con le punta delle dita o con il mixer,   fino ad ottenere una pasta compatta. Formare una palla, avvolgerla nella  pellicola e farla riposare in frigo per circa un’ora.

Stendere la pasta sulla spianatoia all’altezza di un mezzo circa e ritagliare le zucchette e i pipistrelli con gli appositi stampini.

Per le dita della strega formare dei bastoncini lunghi circa 7-8 cm., con un coltellino formare le rughe delle dita e utilizzare le mandorle come unghie.

Pennellare con albume d’uovo e infornare a 180° per 30 minuti circa.

Far raffreddare e decorare in questo modo:

formare con la marmellata occhi e bocca alle zucche

“sporcare” le dita con la marmellata sotto e attorno all’unghia che si incollerà se con il calore del forno si fosse staccata dal dito)

disegnare gli occhietti ai pipistrelli con il cioccolato fuso aiutandosi con uno stecchino

Far asciugare e ……..dolcetto o scherzetto? frollini di halloween grazie

 

10 Risposte a “Frollini per halloween”

  1. Cara Elena,
    molto belli questi frollini per Halloween…. ho invece una domanda per le
    nostre fave dei morti: se uso della farina di nocciole al posto delle mandorle, snaturo completamente la ricetta?? E’ un esperimento che è meglio evitare?? Buon fine settimana! (qui finalmente piove….speriamo scendano anche le temperature così si riutilizza il forno). Carla

  2. Ciao Carla, grazie per la tua costante presenza, mi fai proprio piacere! Per quanto riguardo le fave con la farina di nocciole, non lo so sinceramente, non ho mai provato (non è facile qui trovare la farina di nocciole), però proverei, io penso che potrebbero venire bene ugualmente! Se lo fai sappimi dire….Un abbraccio Elena

  3. Cara Elena, ho fatto l’esperimento ma ho apportato delle modifiche trovate sul web (aggiunta di farina, di uova e moooolto meno zucchero), quindi è venuto qualcosa di simile nell’aspetto alle nostre fave, ma di gusto totalmente diverso….. le mie amiche hanno comunque molto apprezzato io …..no! Forse perchè avevo un termine di paragone e loro no!
    A presto comunque….intanto ho preparato la sagoma del San Martino.
    Ciao Carla

  4. Ciao Carla, è vero, le fave che fanno nelle altre regioni sono totalmente diverse dalle nostre. Solo qui si fanno così leggere, croccanti e colorate! In Umbria, ad esempio, dove ho occasione di andare spesso, le fanno proprio con l’aggiunta di farina e uova e vengono buonissimi biscottini, ma non sono le “nostre” fave! Io preparo questa sera l’impasto, domani sera le asciugo in forno poi faccio i sacchettini e le regalo… se fossi qui a Venezia ce ne sarebbero anche per te! Buona serata Elena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.