Castagnaccio dolce morbido

Il Castagnaccio dolce morbido e umido è un dolce con farina di castagne della cucina povera, una ricetta tradizionale molto semplice della Toscana, Liguria, Piemonte, Emilia-Romagna e Puglia, chiamato anche torta di neccio (e mille altri modi). E’ una torta con farina di castagne senza glutine, senza uova, senza burro, senza latte e senza lattosio. E’ pure un dolce vegano facile e veloce, pronto in un attimo! Morbido e umido, la sua consistenza mi ricorda un po’ il migliaccio napoletano (infatti viene chiamato anche migliaccio toscano).

Gli ingredienti che accomunano tutte le versioni del castagnaccio tradizionale sono la farina di castagne, i pinoli e l’uvetta e l’olio extravergine di oliva. Le origini del Castagnaccio dolce morbido risalgono al 1553 e Pilade da Lucca dovrebbe essere l’inventore del Castagnaccio lucchese, secondo gli scritti dell’epoca.

Oggi vi propongo la ricetta del Castagnaccio dolce morbido nella versione toscana, semplice e veloce, come faceva nonna, anche se lei, spesso, sostituiva l’acqua con il latte, rendendo questa torta di castagnaccio un po’ più corposa. Come spesso succede con le versioni tradizionali, ogni famiglia ha la propria. Io preferisco preparare il Castagnaccio senza noci, c’è invece chi li aggiunge insieme ai pinoli e all’uvetta. Il Castagnaccio ligure viene profumato anche da scorza di limone e semi di finocchio o finocchietto. Il Castagnaccio emiliano o pattona o patona è molto simile alla versione toscana. Il Castagnaccio piemontese invece è più alto e arricchito con tante mele e amaretti, una versione ancora più morbida e umida. In ultimo, la torta Castagnaccio pugliese è soffice, una vera e propria torta con farina di castagne e cacao. La versione più conosciuta è senz’altro il Castagnaccio toscano, basso, morbido e umido. Come da tradizione e da ricetta classica deve essere alto ca. 2 cm.

Ho letto diversi pareri contrastanti sull’utilizzo dello zucchero. La farina di castagne è già dolce di suo e l’uvetta nell’impasto contribuisce ad addolcire questo dolce. Nella storia veniva aggiunto del miele all’impasto e dopo l’800 si è iniziato ad aggiungere anche lo zucchero. Io ne metto giusto un pochino, ma se preferite, potete anche non metterlo. Per mantenere il Castagnaccio vegan potete utilizzare lo zucchero di canna o lo sciroppo di agave.

Come sempre mi sono dilungata! Ma le ricette tradizionali mi affascinano sempre tanto! Ecco la ricetta del mio Castagnaccio dolce morbido.

Castagnaccio dolce morbido, ricetta tradizionale

Castagnaccio dolce morbido, ricetta tradizionale
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    40 minuti
  • Porzioni:
    6-8 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

(Tortiera a cerniera da 24 cm)

  • Farina di castagne 260 g
  • Acqua 325 ml
  • Uvetta 60 g
  • Pinoli 30 g
  • Olio extravergine d’oliva 30 ml
  • zucchero semolato o di canna (opzionale) 30 g
  • Rosmarino 1 rametto
  • Sale 1 pizzico
  • Olio extravergine d’oliva (per la decorazione) q.b.

Preparazione

  1. Per preparare il Castagnaccio dolce morbido vi servirà solo una scodella e una frusta a mano.

    Mettete in ammollo l’uvetta per 20 minuti, per farla reidratare. Poi scolatela e asciugatela con un canovaccio pulito o della carta assorbente.

  2. Accendete il forno statico a 180°C

    Inserite la farina di castagne nella scodella e aggiungete l’acqua e un pizzico di sale. Amalgamate il tutto con una frusta a mano, in modo che non si formino grumi, fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.

  3. Aggiugete successivamente l’olio extravergine di oliva e, se volete, anche lo zucchero. Io ne aggiungo giusto un pochino, per avere un gusto più dolciastro.

  4. Incorporate anche una parte dell’uvetta e una parte dei pinoli, tenendone 1/3 per la decorazione finale. Amalgamate il composto con una spatola.

  5. Prendete una tortiera apribile da 24 cm, spennellatela con poco olio, e foderate la base con carta da forno.

  6. Versate all’interno l’impasto di farina di castagne e livellate. Decorate con l’uvetta e i pinoli tenuti da parte e qualche ago di rosmarino. Irrorate la superficie con un filo di olio extravergine di oliva.

  7. Infornate il castagnaccio toscano nel forno statico preriscaldato a 180° per ca. 40 minuti, finchè vedrete il formarsi di crepe in superficie.

  8. Il vostro Castagnaccio dolce morbido è pronto per essere servito. Da freddo e dopo un riposo di qualche ora è ancora più buono!

    Castagnaccio dolce morbido, ricetta tradizionale
  9. Castagnaccio dolce morbido: conservazione

    Il Castagnaccio toscano si conserva a temperatura ambiente per 3-4 giorni, coperto con pellicola trasparente o carta stagnola.

    Castagnaccio dolce morbido, ricetta tradizionale castagnaccio toscano

Leyla consiglia…

Per una versione più grande, in teglia o con una tortiera da 30 cm, dovrete solo raddoppiare tutte le dosi.

Potete preparare anche il Castagnaccio senza pinoli, aumentando la quantità di uvetta, oppure il Castagnaccio senza uvetta, sostituendola con altri pinoli e noci tritate.

Potete servire il Castagnaccio morbido accompagnato da ricotta dolcificata con il miele.

Da provare anche i Cuori di castagna tirolesi. Leggi i 5 modi testati per preparare le caldarroste !

Torna alla HOME PAGE
Per non perdere nessuna ricetta, metti il “mi piace” QUI sulla mia pagina Facebook QUI sul mio profilo Instagram.

Precedente Marmellata senza zucchero fatta in casa Successivo Torta con latte di mandorle

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.