Crea sito

Spaghetti ai due pomodori con colatura di alici

Spaghetti ai due pomodori con colatura di aliciOggi vi propongo una golosa variante alla pasta con la colatura di alici: gli spaghetti ai due pomodori con colatura di alici. (La ricetta tradizionale delle linguine con la colatura di alici potete leggerla qui)
L’ispirazione mi è venuta leggendo la ricetta che trovate qui ma come al mio solito, preso lo spunto, la preparazione l’ho parecchio cambiata (utilizzando tra l’altro due tipologie di pomodori e non tre).
Il risultato è stato ottimo! La dolcezza dei pomodori secchi sott’olio e dei pomodorini confit ben si sposa con la sapidità ed il sapore deciso della colatura di alici creando un mix di sapori appetitoso ed equilibrato per un primo semplice e sorprendente.

Spaghetti ai due pomodori con colatura di alici

Ingredienti per quattro persone:
320 g di spaghetti
80 g di pomodori secchi sott’olio
8 pomodorini piccadilly
4 cucchiai di colatura di alici
8 cucchiai di olio extravergine
2 spicchi d’aglio
Un peperoncino (facoltativo)
Prezzemolo qb

Preparazione:
Tagliare i pomodorini a metà, disporli in una teglia e ricoprire ogni metà con un pizzico di sale, uno di zucchero ed uno di origano quindi versare un filo d’olio

Mettere la teglia nel forno a 140 gradi e lasciarli per due ore circa

Nel frattempo in un recipiente versare la colatura di alici, l’olio, il prezzemolo, l’aglio schiacciato con lo spremiaglio il peperoncino tritato e i pomodori secchi spezzettati grossolanamente

Togliere i pomodorini dal forno, tagliarli a tocchetti e aggiungerli al recipiente amalgamando bene lasciandone un paio di metà intere per guarnire

Scolare gli spaghetti al dente, rimetterli nella pentola versare il condimento mescolando in modo che si amalgami con la pasta

Impiattare, aggiungere 2 metà dei pomodorini confit per ogni piatto e servire immediatamente

Spaghetti ai due pomodori con colatura di alici


Scopri tutte le mie ricette cliccando qui e seguimi anche su facebook

Lascia il tuo commento nello spazio apposito qui sotto