Pizza cotta nel forno a legna

Un classico buonissimo della cucina italiana è la pizza. Se cotta nel forno a legna, risulta ancora più buona, ma soprattutto più leggera e digeribile. Purtroppo non tutti hanno la possibilità di cuocere la pizza nel forno a legna, infatti scriverò più avanti anche la ricetta per l’impasto della pizza perfetta da cuocere nel forno di casa. L’impasto per la pizza da cuocere nel forno a legna, risulta leggermente più umido, cosicché in cottura non si asciughi troppo, e diventando così secca. Molto importante è la temperatura del forno a legna, che deve essere fatto ben scaldare prima (fino a 380/400 gradi) e poi lasciato raffreddare fino a 260/280 gradi. La pizza potete farcirla come più preferite, usate sempre prodotti di buona qualità per una massima resa.  

Se siete amanti della pizza, ma non avete il forno a legna, potete provare la pizza in teglia e non potete perdervi la pizza sardenaira!
  • DifficoltàAlta
  • CostoBasso
  • Tempo di preparazione6 Ore
  • Tempo di cottura8 Minuti
  • Porzioni5 pizze
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per l’impasto

  • 600 gFarina 00
  • 400 gFarina Manitoba
  • 450 mlAcqua
  • 30 mlOlio extravergine d’oliva
  • 8 gLievito di birra secco
  • 2 cucchiainiZucchero
  • 1 cucchiaioSale

Per condire

  • q.b.Polpa di pomodoro
  • q.b.Mozzarella
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • q.b.Sale
  • q.b.Origano

Preparazione

  1. Preparate l’impasto per le vostre pizze, che dovrà riposare e lievitare dalle 5 alle 6 ore. Se avete la disponibilità, usate l’impastratrice, se no eseguite gli stessi passaggi impastando a mano. Versate la farina nel bicchiere dell’impastatrice, unite il lievito e lo zucchero ed iniziate ad azionarla. Incominciate a versare a poco a poco l’acqua, facendo attenzione che la farina la assorba completamente. Purtroppo per il discorso umidità, la quantità dell’acqua varia spesso. Con temperature più calde e secche ne serve di più, di coseguenza con temperature calde e umide ne serve di meno, ecco perché spesso uno dice “vai a occhio”. La cosa più importante, è che a fine impasto, la pasta risulti morbida e malleabile ma non appiccicosa o collosa. Prima di terminare di aggiungere tuttal’acqua, unite anche il sale e l’olio. Una volta che avrete terminato di impastare, trasferite l’impasto in una ciotola e copritelo con un canovaccio. Mettetelo a riposare in un posto caldo e privo di correnti d’aria. Trascorse 4 ore di lievitazione, cominciate ad accendere il forno a legna, che necessiterà di un’ora e mezza minimo per essere pronto alla cottura. Un’ora prima della cottura in forno, trasferite l’impasto su una spianatoia infarinata e suddividetelo in cinque palle uguali. Separatele tra loro e copritele con un canovaccio. Quando sarà il momento di cuocere le vostre pizze, prendete una per volta le palle d’impasto, stendetele con l’aiuto di un mattarello e farcitele a piacere. Trasferitele all’interno del forno, che avrete precedentemente pulito con l’apposita scopetta da braci e fuliggine, e attendete che cuociano, girandole di tanto in tanto in modo che non si brucino. Una volta pronta, servite la pizza cotta nel forno a legna ben calda! Buon appetito, Nenè.

Note

4,2 / 5
Grazie per aver votato!

2 Risposte a “Pizza cotta nel forno a legna”

  1. qualche commento.

    la ricetta sopra ha un livello di idratazione a 45% ed utilizza anche la farina manitoba ( che e’ ricca in proteine ed generalmente assorbe un sacco di acqua ). Il mio consiglio e di fare una pasta con almeno il 60% di idratazione.

    Poi si parla di 4/5 ore di lievitazione. questo molto dipendene dalla temperatura della stanza or del contenitore di lievitazione. A 35, per esempio gradi 5 ore di lievitazione daranno un risulato troppo lievitato, ed una elasticita della pasta molto minore. In piu’ aggiungendo lo zucchero ( che con la farina manitoba non e’ essenziale ) il lievito avra molto di piu’ da mangiare.

    Il fatto che la pasta dovrebbe essere stesa con il mattarello e non le mani, la dice lunga.

    il mio consiglio e’ di seguire una ricetta molto piu’ semplice e tradizionale, con 1Kg di farina ( forte ) , 600 ml di acqua, 20g di sale, e 10 g di lievito fresco. Una lievitazione di 3 ore ad una temperatura di circa 30 gradi, e una fermetazione di 8 nel frigo. Una preparazione un po piu’ lunga, ma risultato molto piu’ morbido, digeribile ed elastico.

    La pizza non e’ poi cosi complicata

    1. Grazie per il tuo commento, c’è sempre da imparare, e proverò sicuramente il tuo impasto! Per quanto riguarda la stesura della pizza, se si riesce è bene stenderla a mano, ma non tutti sono capaci a farlo 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.