Pesto di rucola selvatica con pinoli

Il pesto di rucola selvatica è d un ottimo condimento per qualunque tipo di pasta. La rucola selvatica ha foglie appuntite e frastagliate e fiori giallo vivo, la rucola classica ha foglie arrotondate sulle punte e fiori bianchi; la rucola selvatica è una pianta perenne rustica che cresce spontanea anche su terreni rocciosi ma che si può coltivare tranquillamente in vaso; 40 centimetri di vaso sono sufficienti ad avere a portata di mano questa verdura per quasi tutto l’anno e raccogliere foglioline per insaporire i cibi più diversi.

Attualmente si trovano sia i semi sia le piantine nei vivai. La rucola selvatica è ricca di vitamine e sali minerali. Una mia cara amica mi ha suggerito di raccogliere le punte per una lunghezza di 12 13 centimetri e da queste punte staccare le foglie da utilizzare; in questo modo la pianta rifà nuovi getti e si ha sempre della rucola tenera.

pesto di rucola selvatica con pinoli
  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:12 minuti
  • Cottura: 0 minuti
  • Porzioni:2 persone
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • 1 mazzetto rucola selvatica
  • 2 cucchiai parmigiano grattato
  • 1 cucchiaio pecorino grattato
  • mezzo spicchio Aglio (meglio se rosso e fresco)
  • mezzo bicchiere Olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiai pinoli
  • qualche foglia basilico (fresco e facoltativo)
  • 1 pizzico Sale

Preparazione

  1. Staccare le foglie di rucola e lavarle.

    Se lo si mette, lavare il basilico e asciugarlo.

    Mettere nel mixer i pinoli e tritarli, aggiungere la rucola, il basilico, l’aglio e un pizzico di sale.

    Quando è tutto tritato aggiungere i formaggi grattugiati e azionare di nuovo il mixer.

    Trasferire il composto in una ciotola e aggiungere l’olio poco alla volta mescolando.

    Il pesto di rucola selvatica si conserva soltanto per il giorno successivo se la superficie è coperta con olio e riposto in frigorifero.

  2. pesto di rucola selvatica con pinoli

Nota

Se durante l preparazione si ha qualche difficoltà a tritare la rucola, specialmente se si prepara una piccola quantità, si può aggiungere un po’ d’olio, altrimenti è preferibile metterlo alla fine.

Ti piace la mia ricetta? Metti Mi piace sulla mia pagina ufficiale di  FACEBOOK  per non perdere le mie nuove ricette!

Precedente Strangozzi ovvero pasta con funghi cardoncello e speck Successivo Muffin senza uovo con cocco e frutti di bosco

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.