Pandoro sfogliato fatto in casa

Ed eccomi qui alle prese con il mio primo Pandoro sfogliato fatto in casa ,ok non voglio barare, ci ho provato 3 anni fa , e… non è che non fosse riuscito è che quando l’ho cotto aveva trasbordato un po troppo dallo stampo, ed era uscito fuori, il risultato è stato di un pandoro buono ,soffice ma un po nanetto e quindi non l’ho fotografato, questo l’ho fatto con un’altra ricetta, dopo tanto girovagare sul web per cercare una ricetta collaudata ma che non fosse troppo complicata ( ormai sapete che a me piacciono le cose pratiche) ho trovato questa che è delle sorelle Simili, molto ma molto più semplice rispetto a tante che ho letto, comunque se decidiamo di fare il pandoro con le nostre mani dobbiamo armarci di pazienza, la ricetta veloce per un buon pandoro non esiste, pazienza e dedizione, ma la soddisfazione sarà immensa, io ho avuto il mio braccio destro per la ricetta, la mia amica Leyla del blog Dulcisss in forno, super esperta di dolci, ho chiesto consigli a lei per ogni dubbio, ad ogni mio attacco d’ansia ero li con il cellulare che le mandavo foto, e lei paziente a consigliarmi, cosa avrei fatto senza di lei!!!  Passiamo alla ricetta che è bella lunghetta, forza, coraggio e vedrete che sarà anche divertente, seguitemi che vediamo come fare il Pandoro sfogliato fatto in casa ricetta delle sorelle Simili.

Seguimi anche su FACEBOOK per non perdere le mie ricette

Pandoro sfogliato fatto in casa

Pandoro sfogliato fatto in casa

Ingredienti

Per il lievitino

15 grammi di lievito di birra fresco
60 grammi di acqua tiepida
10 grammi di zucchero
1 tuorlo
50 grammi di farina di Manitoba

lievitino

In una ciotola mettere l’acqua e scioglierci il lievito, unire lo zucchero , il tuorlo e la farina, mescolare con un cucchiaio e mettere in un luogo caldo a lievitare fino al raddoppio, ci vorrà circa 1 ora.

Per il primo impasto

il lievitino ( tutto)
200 grammi di farina Manitoba
3 grammi di lievito di birra fresco
25 grammi di zucchero
1 cucchiaio d’acqua tiepida
30 grammi di burro
1 uovo intero

primo-impasto

Nella planetaria mettere il lievitino, sciogliere i 3 grammi di lievito in poca acqua ed unirlo al lievitino, unire anche la farina, l’uovo e lo zucchero, far lavorare la planetaria con il gancio, per far amalgamare bene tutti gli ingredienti ed unire anche il burro a pezzetti, lavorare ancora per pochi minuti e formare una palla, metterla in una ciotola coperta da un panno e farla lievitare fino al raddoppio, ci vorrà un ora.

Per il secondo impasto

il primo impasto (tutto)
200 grammi di farina Manitoba
2 uova intere
1 stecca di vaniglia
140 grammi di zucchero semolato
un pizzico di sale

secondo-impasto

Nella planetaria inserire il primo impasto, unire le uova leggermente sbattute , la farina, lo zucchero, la stecca di vaniglia ed un pizzico di sale, far lavorare la macchina per almeno 20 minuti sempre con il gancio, quando l’impasto risulterà incordato metterlo in una ciotola  e farlo lievitare in un luogo fresco e asciutto per un ora, dopo di che trasferirlo in frigorifero, a questo punto la ricetta dice che si dovrebbe lasciare in frigo per 45 minuti e poi procedere alla sfogliatura, io sono sincera l’ho lasciato tutta la notte e ripreso il mattino dopo per la sfogliatura, più lievita e più è buono.

Per la sfogliatura

140 grammi di burro

sfogliatura

Riprendere l’impasto e metterlo su un piano da lavoro leggermente unto di burro, stendere un quadrato ed al centro mettere il burro a pezzetti, richiudere il rettangolo ripiegandolo tre volte su se stesso e metterlo in frigorifero per 20 minuti.
Riprendere il panetto e stendere con il mattarello per lungo, a questo punto ripiegare nuovamente su se stesso per tre volte e rimetterlo in frigorifero per 20 minuti, ripetere questo passaggio altre 3 volte.

Ultima lievitazione

ultima-lievitazione

Dopo aver fatto l’ultima sfogliatura dare all’impasto la forma di una palla, metterlo nell’apposito stampo precedentemente imburrato e farlo lievitare per almeno 5 ore ( i tempi sono indicativi il mio come vedete è esploso, quindi regolatevi con il calore della vostra casa)

Cottura

Accendere il forno in modalità statica a 170° e far cuocere il pandoro in questo modo per i primi 15 minuti, io ho dovuto coprirlo con la carta stagnola perchè si era colorito subito, dopo abbassare il forno a 160° e continuare la cottura per altri 40 minuti, vale sempre la prova stecchino perchè ogni forno è diverso.

cottura

FOTO 1                                                                                            FOTO 2

Una volta sfornato, lasciarlo capovolto ( FOTO 1 ) per almeno 2 ore, non toccatelo, non fatevi prendere dalla foga di volerlo per forza sformare e girare.. io volevo farlo ma Leyla mi ha sgridata dicendo che avrebbe compromesso la riuscita, dopo due ore eccolo! (FOTO 2) metterlo su una gratella e farlo riposare per altre 5/6 ore.

Dopo le 5/6 ore il nostro Pandoro sfogliato fatto in casa è pronto, possiamo FINALMENTE spolverizzarlo con tanto zucchero a velo e gustarcelo dopo tanta fatica! Oppure se volete potete sigillarlo in un sacchetto per alimenti fino a Natale, che faticaccia! Ma ne vale davvero la pena parola della vostra Vale!

Pandoro sfogliato fatto in casa

Pandoro sfogliato fatto in casaPandoro sfogliato fatto in casa

Precedente Bombe di pancarrè con prosciutto e formaggio Successivo Petti di pollo all'arancia

22 commenti su “Pandoro sfogliato fatto in casa

  1. anna lapetina il said:

    in che senso capovolto bisogna girarlo una volta uscito dal forno

    • valeria il said:

      come lo vedi nella foto dOve è cotto ( FOTO 1) va lasciato come lo togli dal forno per due ore

  2. Claudia il said:

    Ciao Vale.Ti volevo chiedere se l’impasto può essere fatto anche a mano. Comunque complimenti è bellissimo e sarà anche buonissimo.

    • valeria il said:

      ciao Claudia, puoi provarci,ma sarà davvero faticosissimo farlo a mano, non tanto i primi due impasti ma l’ultimo che necessita di incordatura, comunque provaci, grazie infinite!

      • federica il said:

        ciao e complimenti, anche io ogni anno faccio il pandoro ed il panettone sono vere soddisfazioni….ma tu lo lasci freddare nello stampo?

  3. Mariacristina il said:

    Ciao, innanzitutto complimenti, volevo chiederti se questa dose è per lo stampo da 1kg

    • valeria il said:

      penso che tu possa mantenere queste dosi, guarda il mio era lievitato tanto vedi che esce fuori dallo stampo? Quindi vai tranquilla

      • Mariacristina il said:

        Ciao, l’ho fatto ed è venuto veramente ottimo!
        Al primo assagio non l’avrei detto (l’ho cotto di mattina presto e l’abbiamo aperto il pomeriggio) perchè mi sembrava che non avesse nessun sapore, ma il giorno dopo e il successivo ancora era veramente spettacolare!
        Domani inizio a preparare quello che mangeremo il giorno di Natale!
        Buone feste e grazie

  4. Chiara il said:

    Ciao consiglio, il mio pandoro non ha lievitato dopo tre ore nello stampo che cosa mi proponete di fare?

  5. Sara il said:

    Ciao Valeria….
    Volevo chiederti una cosa riguardo al forno,io ho quello ventilato, come mi regolo con temperature e tempistiche?
    Grazie in anticipo….

  6. Eccomi ! Meglio tardi che mai ! Il tuo Pandoro è venuto un incanto e sarebbe venuto perfetto in ogni modo. Sei bravissima e lo sai bene ! Un abbraccio, Leyla
    P.S. Grazie comunque di avermi nominato. Erano solo consigli da amica … <3

  7. Chiara il said:

    Ciao, il mio primo pandoro è venuto benissimo, ora sono in preparazione per il secondo! Vorrei mettere delle goccie di cioccolato, quando dovrei metterle prima della sfogliatura? Altra domanda, vorrei fare la sfogliatura e poi metterlo in frigo, e poi domani mattina cucinare, che cosa no dite?

    • valeria il said:

      ciao chiara si mettile prima della sfogliatura, io prima di fare la sfogliatura l’ho lasciato in frigo 12 ore tranquilla

  8. serena il said:

    Ciao Valeria, su che ripiano del forno hai messo lo stampo per la cottura? e il forno statico con sopra e sotto accesi o solo sotto?

  9. Luca il said:

    Grazie per la ricetta, è venuto veramente bene, lievitato e cotto alla perfezione, unica cosa, è rimasto un pochino insipido e con un gusto di lievito un tantino evidente, forse doveva lievitare meglio per eliminare questo sapore, però per farlo diventare più dolce cosa posso aumentare?
    Zucchero, aggiungere del miele in che quantità e in che fase?
    Ho usato al posto della bacca di vaniglia una bustina di vanillina posso aumentare un pochino anche quella?
    Grazie per i consigli
    Auguri di buone feste a tutti!

    • valeria il said:

      si puoi unire più zucchero o miele, mettilo quando impasti tutto insieme, grazie mille e buon anno Luca

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.