BOMBE CON CREMA DIPLOMATICA

Bombe con crema diplomatica un dolce lievitato a cui è impossibile resistere! Morbidissime, golose e con una crema delicata e facile da preparare, ovviamente potete farcirle con quello che preferite, ma la crema diplomatica ci sta benissimo, la ricetta è molto semplice anche se richiede la lievitazione, potete farle fritte o al forno, io le ho fritte, siamo onesti… capisco la leggerezza, ma fritte sono un’altra cosa, un impasto morbido, il mio panbrioche collaudato che non mi delude mai! E la crema diplomatica è realizzata con crema pasticcera e panna montata, da non confondere con la crema chantilly che è fatta con panna e zucchero a velo, si mantengono morbide per giorni e potete anche congelarle in modo da averle pronte da mettere in forno quando vi assale la voglia di una bomba calda, vediamo insieme come prepararle! Non dimenticate di seguirmi nella mia pagina facebook (QUI) e su Instagram (QUI)

BOMBE CON CREMA DIPLOMATICA morbidissime
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo3 Ore
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni12 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti BOMBE CON CREMA DIPLOMATICA

PER IL PANBRIOCHE

  • 250 gFarina 00
  • 250 gFarina Manitoba
  • 1Uovo (di media grandezza)
  • 50 gBurro
  • 200 gLatte
  • 80 gZucchero semolato
  • 8 gLievito di birra secco (oppure 12 grammi fresco)
  • 1 pizzicoSale

PER LA CREMA DIPLOMATICA

PER LA COPERTURA

  • q.b.Zucchero semolato

Strumenti

  • Coppapasta Rotondo da 5/6 cm

Preparazione Bombe con crema diplomatica

PREPARATE IL PANBRIOCHE

  1. Impasto con la planetaria
    In una ciotola versate il latte, aggiungete il lievito di birra insieme ad un cucchiaino di zucchero, mescolate e lasciatelo sciogliere per 10 minuti.

    Nel cestello della planetaria versate le due farine, l’uovo leggermente sbattuto, il burro sciolto, lo zucchero ed unite il latte con il lievito.

    Fate lavorare la macchina per 20 minuti fin quando l’impasto non sarà elastico.

    Impasto delle bombe a mano;lavorare in una ciotola burro, uova, zucchero ed un pizzico di sale, aggiungere il latte con il lievito sciolto e la farina.

    Mescolare benissimo e trasferire il tutto su una spianatoia leggermente infarinata, continuare ad impastare con le mani fin quando non avrete ottenuto una palla liscia ed elastica.

  2. Mettete l’impasto delle bombe con crema diplomatica, in una ciotola coperto da un panno e fatelo lievitare fino al raddoppio, ci vorranno un paio d’ore.

    Regolatevi sempre con la temperatura che avete in casa, il mio consiglio è quello di lasciarlo nel forno spento con la luce accesa.

    Trascorso il tempo di lievitazione, riprendete l’impasto e con l’aiuto di un mattarello stendete un rettangolo dello spessore di mezzo cm.

    Ovviamente fate questo passaggio su un piano da lavoro leggermente infarinato.

    Con un coppa pasta ritagliate dei dischi, io ne ho usato uno da 6 centimetri.

  3. Mettete le bombe su una teglia e sotto ad ognuna mettere un quadrato di carta forno, la carta forno ci servirà per prenderle una volta lievitate e tuffarle nell’olio caldo senza toccarle con le mani perché potrebbero sgonfiarsi.

    Coprite le bombe con un panno e lasciatele lievitare ancora 1 ora.

    Nel frattempo preparate la crema diplomatica con la ricetta che vi ho lasciato tra gli ingredienti.

  4. Versate l’olio in una pentola dai bordi alti, dovrà essere profondo, quando l’olio inizierà a fare delle bollicine, vuol dire che possiamo procedere con la frittura dei bomboloni alla crema pasticcera.

    Tuffate le bombe nell’olio caldo, non più di 2 per volta, altrimenti la temperatura dell’olio si abbassa.

    Fatele gonfiare e dorare, ci vorranno 5/6 minuti per bomba.

    Quando saranno ben gonfie e dorate toglietele dall’olio e passatele subito nello zucchero semolato mentre sono ancora calde, in modo che lo zucchero aderisca bene sulle bombe.

  5. Mettete la crema in una sac a poche e farcite le bombe con crema diplomatica!

    VARIANTI E CONSIGLI

    Potete farcire le bombe come preferite, vi lascio alcuni suggerimenti: CREMA PASTICCERA, CREMA PASTICCERA AL PISTACCHIO, CREMA PASTICCERA AL CAFFE’.

    Se volete cuocerle in forno, mettetele su una teglia foderata con carta forno e lasciatele cuocere in forno statico a 180° per 15/20 minuti.

    Se questa ricetta vi è piaciuta, potrebbero interessarti anche BOMBOLONI ALLA MARMELLATA oppure BOMBE AL FORNO AL PISTACCHIO oppure CARTOCCI SICILIANI.

CONSERVAZIONE

Le bombe con crema diplomatica dopo essere state farcite si conservano per un giorno, mentre vuote si conservano 2 giorni in un sacchetto per alimenti, potete congelarle dopo la seconda lievitazione oppure dopo cotte. Seguimi sulla pagina facebook cliccando QUI  o sul mio account Instagram (QUI) e non perderai nessuna ricetta. Torna alla HOME PAGE 

4,2 / 5
Grazie per aver votato!

17 Risposte a “BOMBE CON CREMA DIPLOMATICA”

  1. Per la cottura al forno devo usare il ventilato o statico, per quanto tempo è la temperatura? Grazie mille!

    1. forno statico a 170° per 20/25 minuti circa, ma regolati sempre con la potenza del tuo forno per i tempi, grazie a te 😉

    1. forno statico a 170° per 20/25 minuti circa, ma regolati sempre con la potenza del tuo forno per i tempi

  2. Mi piaciono molto le tue ricette. Mi chiedo solo, perche’ si chiama “crema diplomatica”????

  3. Ciao Valeria….tutte ricettine fantastiche….volevo chiederti,posso sostituire la farina di manitoba con un’altra? Se sì,quale mi consigli? Un saluto….a presto…..Sara

  4. La seconda volta che ci provo, ma non lievitano 🙁

  5. Non cuocciono. Scuriscono nell’olio, ma l’impasto dentro e sempre umido. Una delusione…

    1. quello dipende da te e dalla temperatura dell’olio, da come li hai fatti grandi e che tipo di olio hai usato, non dalla ricetta

  6. Volendoli conservare per esempio per il mattino dopo, si possono congelare? Se sì quando, dopo che le palline hanno fatto tutte quante le lievitazioni?

  7. Volevo chiedere, a che temperatura deve essere l’olio e perchè viene consigliata la farina di manitoba, nel senso , è molto diversa dalla farina 00?

    1. La Manitoba è una farina adatta per i lievitati sia dolci che salati, è una farina forte e ricca di glutine che durante la cottura fa crescere notevolmente il lievitato rendendolo molto soffice, la temperatura dell’olio sinceramente non saprei, non uso termometri da cucina, regolati quando inizia a fare le bollicine

  8. Ciao Valeria dopo che ho congelato le bombe dopo la seconda lievitazione come devo fare per cuocerle in un secondo momento? Devo farle scongelare e poi friggerle? Grazie mille

    1. Ciao Rosina, le lasci stare a temperatura ambiente per una mezz’ora e poi le metti in forno o le friggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *