Fritto è più buono, si sa! Io friggerei tutto, ma, un pò per la linea, un pò per la salute, un pò perchè non amo l’odore che rimane in casa, lo faccio davvero di rado.

Ogni tanto però concedo a me e alla mia famiglia questo “lusso” e oggi è stata la volta degli straccetti di pollo fritti al formaggio.

In realtà mi erano avanzati tre bei pezzi di sovracoscia  di pollo, che mi ero fatta disossare dal macellaio ed avevo arrostito ieri sera. Li ho fatti a striscioline e li ho fritti, per la gioia di tutti.

Andiamo a leggere come li ho preparati? Via! 😉

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    5 minuti
  • Cottura:
    7-10 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Carne di pollo (disossata e a fettine) 400 g
  • Pangrattato q.b.
  • Parmigiano reggiano (grattugiato) 2 cucchiai
  • Prezzemolo (fresco) 1 ciuffo
  • Sale fino q.b.
  • Olio di semi di arachide q.b.

Preparazione

  1. Per cominciare tagliate il pollo a striscioline e tenetelo da parte.

    In una ciotolina, versate il pangrattato, il parmigiano reggiano grattugiato e il prezzemolo tritato finemente. Mescolate per amalgamare.

    Versate gli straccetti di pollo nel pane e mischiate in modo che la carne sia rivestita da ogni parte dalla panatura.

    Scaldate l’olio per friggere.

    Versatevi gli straccetti pochi per volta, rigirandoli fino a che non risulteranno ben dorati e croccanti.

    Metteteli su di un piatto coperto di carta assorbente, in modo che perdano l’olio in eccesso. Salateli e servite mentre sono ancora caldi.

    Per un vero peccato di gola (o lo facciamo sul serio o non lo facciamo) accompagnate gli straccetti di pollo fritti al formaggio con le vostre salse preferite (ketchup, maionese, senape, salsa barbecue per esempio)

Ma il fritto fa davvero male?

Non sono un medico, quindi vi riporto solo quello che ho letto in un articolo della Repubblica.it e cioè, secondo una ricerca spagnola le verdure fritte mantengono quasi intatte le loro caratteristiche nutritive, più che con la bollitura. Inoltre le verdure fritte aumentano le loro capacità antiossidanti, che aiutano a prevenire diverse malattie. “Se in quantità moderata, la frittura non solo non nuoce alla salute, e nemmeno alla bilancia, se si seguono alcuni accorgimenti (per ridurre l’assorbimento dei grassi basta mantenere la temperatura dell’olio vicino ai 180°C e basta friggere un poco alla volta e ricordarsi di asciugare gli alimenti su carta assorbente), ma addirittura può essere inserita in una dieta sana ed equilibrata che, insieme al giusto stile di vita, aiuta a prevenire l’insorgere di molte malattie. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.