Fave fresche lessate – Faf d’ Vunghl Alless

Fave fresche lessate - Faf d' Vunghl Alless DSC_1372fOrmai a Maggio inoltrato quando si puliscono le fave fresche si resta delusi, se ne trovano molte troppo mature, hanno il picciolo giallo, la sua attaccatura è un segno nero sulla pelle, che ormai non è più verde, s’è sbiadita. Quella che per tanti è delusione per noi è gioia, è tempo, finalmente, di fare le Fave fresche lessate, l’ Faf d’ Unghl alless.

La cottura delle fave per uno spuntino di quattro commensali è di circa un’oretta o poco più, quindi tra pulizia, cottura e preparazione occorreranno circa due ore, l’occorrente è semplicemente questo:

  • due chili di Fave fresche piuttosto grosse e dure
  • quanto basta di Sale grosso e fino per il condimento
  • cinque o sei cucchiai di Olio Extra Vergine di Oliva
  • due spicchi di Aglio Rosso fresco
  • quanto basta di Origano secco per condire
  • quanto basta di Origano fresco, se disponibile, per guarnire

La preparazione delle Faf d’ Vunghl Alless o Fave fresche lessate generalmente si fa come accessoria ad altre come quelle già consigliatevi di Fave Fresche Brasate, Macco, con Cicorie, con Pasta, le fave grosse, alquanto dure, le mettiamo tutte da una parte e, dopo averle lavate, le bolliamo in acqua opportunamente salata. Occorrerà circa una oretta, è bene a questo punto fare degli assaggi, non sono tutte uguali e questo è un arricchimento del piatto, che ci donerà gusti diversi. Appena cotte, scolarle e raffreddarle in acqua. Faremo così quell’operazione che in cucina si definisce sbiancatura, bloccando l’ulteriore cottura e l’eccessiva scoloritura. Non resta ora che condire generosamente con Aglio fresco a pezzi grandi per una facile individuazione, Origano secco, Sale fino e Olio Evo, rimestare ben bene e lasciare a riposare, vanno gustate del tutto fredde, sgusciandole, il condimento resterà sulle dita, unico attrezzo utile allo sgusciamento e dalle dita come lo togliereste?  Queste sono più che altro un passatempo, giusto una merenda sfiziosa, certo se ne può fare un contorno o anche un primo, solo che il modo di mangiarle, necessariamente con le mani, non è proprio l’ideale da fare tra commensali con cui non sia abbia tanta confidenza, come detto ci si unta necessariamente le dita e non resta che succhiarsele. Ma ne vale la “pena”.

Fave fresche lessate - Faf d' Vunghl Alless DSC_1327f

Certo si possono anche sgusciare tutte e condire i frutti alla stessa maniera ma non sono più le nostre Faf d’ Vunghl alless, scegliete voi come farle ma fatele.

Seguiteci anche su Facebook, cliccando qui andrete alla nostra pagina, se vi pare lasciate un “Mi Piace” – In Facebook trovate anche un nostro gruppo
C’hama mangià josc . . . mamm ce croc stu mangià

Siamo anche su Twitter e in Google+

Precedente Riso e Piselli - Risi e Bisi o Ris e Psidd Successivo Pasta e Piselli con Ragù di Tritato