Crea sito

Olive nere al naturale

Tempo di raccolta delle olive, tempo di conservarle sotto vetro per poterne gustare tutta la loro bontà in qualsiasi periodo dell’anno. Avendo un piccolo appezzamento di terreno, provvedo sempre a fare delle conserve, a mettere da parte tutto ciò che la natura mi offre ed è conservabile. In merito alle olive, metto quelle verdi in salamoia, ma poi, dopo aver fatto passare qualche mese, provvedo a conservare quelle nere. Le preparo sotto sale, in salamoia, al forno e al naturale, la ricetta di cui parleremo oggi. Dal momento che sono sterilizzate, queste olive dureranno tanto e saranno adatte a qualsiasi pietanza, sia cotta, che cruda. Ma andiamo a vedere insieme come procedere per conservare le Olive nere al naturale.

volive nere al naturale
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione30 Giorni
  • Tempo di riposo10 Giorni
  • Metodo di cotturaSenza cottura
  • CucinaItaliana

Ingredienti per le Olive nere al naturale

  • 1 kgolive nere
  • 200 gsale

Csoa serve per le Olive nere al naturale

  • 1 Scolapasta
  • 1 Ciotola
  • 3 Barattoli
  • 1 Pentola

Preparazione delle Olive nere al naturale

  1. Scegliere le olive nere migliori, senza punture di insetti e mature. Lavarle e lasciarle scolare per far perdere l’acqua in eccesso. Asciugarle con uno strofinaccio da cucina.

  2. Mettere le olive in uno scolapasta, facendo degli strati e alternandole con del sale grosso. Sistemare dentro una ciolola, in modo che questa possa raccogliere il liquido che rilasceranno le olive, man mano che si disidrateranno.

  3. Di tanto in tanto, versare l’acqua che si raccoglie nella ciotola sulle olive, in modo da tenerle umide. Mescolarle per un paio di volte al giorno. Le olive cominceranno anche a maturare al loro interno e cominceranno a raggrinzirsi, proprio per la perdita di liquido.

  4. Quando si saranno addolcite e anche vicino al nocciolo il colore sarà uniforme, allora sciacquarle sotto l’acqua corrente, asciugarle e siturle dentro dei vasetti di vetro puliti e precedentemente sterilizzati.

  5. Non va aggiunto assolutamente nulla oltre alle olive. Chiudere i vasetti ermeticamente e sistemarli dentro una pentola capiente, separandoli tra di loro con degli strofinacci, per evitare che, urtando tra loro, possano rompersi.

  6. Riempire la pentola di acqua, superando il livello dei barattoli di 10 centimetri. Lasciare sterilizzare i vasetti, calcolando 20 minuti dal primo bollore. Passato il tempo, spegnere il fuoco e lasciare così, fino a completo raffreddamento.

  7. Tirare fuori i barattoli con le olive, asciugarli e riporli in dispensa. Dopo la sterilizzazione, si potrà notare una piccola quantità di liquido scuro dentro ogni barattolo, questo è normale.

  8. Al momento dell’utilizzo, aprire il vasetto e utilizzare le olive come più piace. Porprio perchè sono al naturale e senza nessun aroma aggiunto, vanno bene per qualsiasi pietanza, cotta o cruda che sia.

  9. Sono ideali, quindi, nelle insalate, nelle pizze, nella preparazione si sughi i come ingrediente in primi di pasta i secondi piatti.

  10. Buona degustazione!

I consigli di Annamaria

Consiglio di utilizzare vasetti piccoli. Se non si dovesse utilizzare tutto il contenuto in una volta, richidere il vasetto e riporre in frigo e consumare entro una settimana.

Potete anche leggere: Olive verdi in salamoia, Olive nere in salamoia, Olive nere sotto sale, Olive nere sott’olio

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria tra forno e fornelli

Ciao a tutti. Sono Annamaria, siciliana Doc e con parecchi hobby, tra cui la passione per cucina. Questo blog è nato quasi per gioco nel Marzo del 2015 e oggi mi ritrovo con un bel po' di followers che amano le mie ricette. La mia è una cucina piuttosto semplice. Propongo ricette fattibili da tutti e forse è questo il segreto per cui alla gente piacciono. Colgo l'occasione per ringraziare chiunque entri qui e mi onora con la propria presenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.