STINCO di maiale al forno con CRAUTI

Un secondo piatto ricco e gustoso, lo stinco di maiale al forno con crauti è un grande classico perfetto da gustare nei pranzi domenicali o in occasioni particolari come Natale o Capodanno.

La ricetta di oggi è molto semplice ed alla portata di tutti: lo stinco viene prima rosolato in padella per garantire una crosticina dorata e croccante, per poi essere passato in forno a terminare la cottura.

Un taglio di carne economico, spesso sottostimato, ma dal grande sapore e potenziale che accompagnato dai crauti vi regalerà un piatto rustico, gustoso e sostanzioso nel quale il sapore leggermente affumicato della carne si sposa alla perfezione con il gusto leggermente acidulo dei crauti.

Il segreto del successo di questa ricetta? ll tempo di cottura che deve essere lento per poter ottenere una carne morbida e succosa.

Lo stinco di maiale al forno con i crauti è un grande classico senza tempo perfetto in occasione delle feste o dei pranzi domenicali.

Seguimi nella preparazione della ricetta e scoprirai tutti i passaggi per cucinarlo in modo semplice.

Se apprezzi questo taglio di carne prova anche lo stinco di maiale alla birra.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura45 Minuti
  • Porzioni2
  • CucinaItaliana

Ingredienti

per lo stinco

800 g stinco di maiale
carota (1 media)
cipolla (1 bianca)
aglio (1 spicchio)
sedano (1 gambo)
2 cucchiai olio extravergine d’oliva
q.b. sale
pepe nero (1 pizzico)
Qualche foglia salvia
1 rametto rosmarino
Qualche foglia alloro
4 bacche ginepro
150 ml acqua
50 ml vino rosso

per i crauti

400 g crauti precotti (al naturale)
100 g speck a dadini
50 g cipolla
2 cucchiai olio extravergine d’oliva
1 noce burro
q.b. sale

Strumenti

Casseruola
Tegame

Passaggi

step 1

Pulisci e trita nel mixer carote, sedano, cipolla ed aglio.

Sciacqua salvia e rosmarino, asciugale, unisci le bacche di ginepro e tritali finemente.

Metti in un tegame 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva il trito di verdure per il soffritto e fallo appassire a fuoco basso.

step 2

Aggiungi lo stinco di maiale e fallo rosolare bene da tutti i lati, girandolo spesso. Regola di sale e pepe poi aromatizza con il trito di erbe e le foglie di alloro.

Versa il vino, sfuma e lascia evaporare, aggiungi l’acqua e fai cuocere a fuoco moderato per 10 minuti con il  coperchio.

Mentre lo stinco cuoce prepara i crauti.

step 3

Taglia lo speck a cubetti e trita finemente la cipolla.

Versa in una padella 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva, un tocchetto di burro e lascialo fondere a fiamma bassa.

Unisci la cipolla, lasciala appassire poi aggiungi anche lo speck.

Scola i crauti dal liquido di conservazione, uniscili allo speck padella, regola di sale e cuoci a fiamma viva per circa 15 minuti, devono risultare teneri (se necessario aggiungi un mestolo di acqua calda).

step 4

A questo punto trasferisci in un tegame lo stinco con il suo fondo di cottura, inforna e cuoci a 180 gradi in forno ventilato per circa 30 minuti.

Per evitare che la carne si secchi e diventi troppo asciutta, controllatelo ed eventualmente aggiungete dell’acqua.

Ricordatevi di girare lo stinco ogni tanto affinchè si cuocia in modo uniforme.

Trascorso il tempo di cottura estrai lo stinco dal forno e gustalo ancora caldo accompagnato dai crauti.

Segui il mio profilo INSTAGRAM cliccando QUI

CONSERVAZIONE

Lo stinco di maiale al forno con i crauti andrebbe consumato appena pronto. Se vi dovesse avanzare potete conservarlo in frigorifero chiuso in un contenitore ermetico per al massimo 2 giorni.

NOTE

Se vuoi rendere lo stinco più gustoso e tenero puoi marinarlo nel vino rosso e spezie per una notte intera.

Gira spesso lo stinco mentre è nel forno per facilitare una cottura uniforme ma fallo sempre con delle palette e mai con una forchetta per evitare di bucarlo, altrimenti la carne perderebbe i succhi e risulterebbe meno saporita ma soprattutto asciutta.

I tempi di cottura in forno variano da 35 a 45 minuti e dipendono dalle dimensioni dello stinco, se possedere una sonda da carni considerate che sarà pronto quando la temperatura interna si aggira intorno ai 75/85 gradi.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *