PETTOLE ricetta FACILE

Oggi prepareremo insieme la ricetta delle PETTOLE, conosciute anche come Pitulle, delle morbide e deliziose palline di pasta lievitata tipiche della cucina pugliese ma diffuse anche in Calabria e Basilicata.

Prevedono un impasto a base di farina, acqua e lievito di birra che, una volta lievitato, viene preso a cucchiaiate e fritto nell’olio di semi bollente fino a quando si doreranno leggermente.

Tipiche della tradizione natalizia ormai vengono preparate tutto l’anno vista la loro versatilità.

Possono infatti essere gustate calde o a temperatura ambiente, preparate in versione salata o dolce, ottime sia da essere servite come antipasto insieme a dei salumi ma anche, nella versione dolce come goloso fine pasto.

Come ogni ricetta della tradizione ne esistono diverse varianti in base alla regione in cui vengono realizzate, quella di oggi è la ricetta delle Pettole pugliesi che ho avuto la fortuna di assaggiare in un viaggio in famiglia e della quale mi sono fatta dare tutte le istruzioni.

E’ una preparazione facilissima, l’impasto infatti può essere eseguito a mano semplicemente con un cucchiaio dentro una ciotola: basterà versare all’interno tutti gli ingredienti, mescolare 2 minuti ed aspettare la fase di lievitazione.

Una volta cresciute si friggono al cucchiaio dentro l’olio, come le zeppole, e non appena giunte a doratura si scolano e sono pronte per essere servite.

L’impasto di base è neutro quindi potete decidere di cuocerlo “in purezza” oppure di aggiungere all’interno pezzetti di acciughe od olive, per una versione salata, o di tuffarle nello zucchero semolato ancora calde per un dolcetto caldo, soffice e sfizioso.

Fragranti ed irresistibili non possono mancare nel vostro buffet delle feste!

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni30 pettole
  • CucinaItaliana

Ingredienti

500 g farina 00
10 g lievito di birra fresco
500 ml acqua (tiepida)
10 g sale fino
olio di semi di arachide (per friggere)
202,98 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 202,98 (Kcal)
  • Carboidrati 28,99 (g) di cui Zuccheri 0,68 (g)
  • Proteine 4,77 (g)
  • Grassi 8,32 (g) di cui saturi 1,37 (g)di cui insaturi 6,28 (g)
  • Fibre 1,07 (g)
  • Sodio 313,13 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 80 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Strumenti

1 Ciotola
1 Padella

Passaggi

step 1

Versa in una ciotola la farina, sbriciola all’interno il lievito di birra fresco, mescola velocemente con i polpastrelli delle mani, poi aggiungi l’acqua a temperatura ambiente.

Mescola con un cucchiaio fino a quando l’acqua non si sarà ben assorbita. Per ultimo aggiungi il sale ed impasta sino a quando si sarà amalgamato con il resto dell’impasto.

E’ normale che risulti un pochino appiccicoso.

step 2

Copri la ciotola con della pellicola trasparente e lascia riposare per circa due ore o quanto meno fino a quando avrà triplicato il suo volume.

i tempi di lievitazione dipendono dalla temperatura della stanza che dovrebbe essere intoro ai 24 gradi ovviamente in inverno i tempi si allungano.

Finito il tempo di riposo scalda in una pentola stretta dai bordi alti l’olio di semi fino a quando avrà raggiunto la temperatura di 170 gradi.

Se non hai il termometro da cucina ti basterà versare all’interno dell’olio un piccolo pezzetto di impasto: se viene subito a galla significa che è arrivato a temperatura.

step 3

Comincia a friggere le palline poche alla volta affinchè non si appiccichino fra di loro.

Per formare le palline utilizza due cucchiai, con uno prelevi l’impasto dalla ciotola e con l’altro fai scivolare l’impasto dal cucchiaio sino a dentro l’olio.

Cuoci le pettole per circa 3 minuti sino a quando saranno leggermente dorate, poi scolale con una schiumarola e trasferiscile su un piatto con carta assorbente da cucina per togliere l’olio in eccesso.

Ecco pronte le PETTOLE, gustatele ancora calde!

Segui il mio profilo INSTAGRAM cliccando QUI

CONSERVAZIONE

Le pettole vanno consumate, come tutti gli alimenti fritti, appena preparate ed ancora calde, si sconsiglia sia di conservarle in frigorifero che nel congelatore.

NOTE

Esistono tante varianti per la ricetta delle Pettole a seconda della zona nella quale vengono preparate.

Per una versione salata aggiungi all’impasto una ventina di olive tagliate a rondelle oppure dei pezzettini di acciughe sott’olio.

Puoi anche lasciare l’impasto classico, friggerlo e poi condirlo con salsa di pomodoro.

Per la ricetta dolce passa le pettole appena fritte nello zucchero semolato o nel miele.

Se vuoi ottenere delle pettole più morbide puoi sostituire 1/3 dell’acqua con del latte, inoltre sarà fondamentale sbattere l’impasto più volte nella ciotola per incorporare aria.

ALTRE RICETTE DI ANTIPASTI

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *