Crea sito

Paella alla maniera di Bruno Boccanegra

imageQuesta preziosa ricetta è rimasta per molto tempo in un cassetto,gelosamente nascosta,protetta dall’oblio e dalla salsedine.Profuma di ricordi,di vacanze e di belle serate trascorse in compagnia nella nostra casa al mare dove,dopo una giornata in barca,tra mugugni e risate,la sera si gustava questo elaborato e saporito piatto.

Era compito nostro,mio e del mio caro amico d’infanzia,fratello d’anima,prepararla,sotto l’attenta supervisione di Doc ,suo padre,grande appassionato di risotti ,che ne testava sapidità e cottura.

Ingredienti:

  • 350 g di riso
  • un pollo
  • 2 cipolle
  • 200 g di piselli
  • 12 gamberi
  • 500 g di cozze
  • 500 g di vongole
  • 3 calamari di media grandezza
  • un peperone
  • 4 pomodori
  • 2 bustine di zafferano
  • 3 spicchi d’aglio
  • olio extravergine d’oliva
  • odori
  • un bicchiere di vino bianco o cognac
  • brodo di pesce o di pollo

Preparazione :

trinciate il pollo a piccoli pezzi e rosolatelo con la cipolla,aggiungete successivamente uno spicchio d’aglio i peperoni,tagliati a falde e i pomodori ,dopo averli sbucciati e privati dei semi.Portate a cottura.

In un altro tegame cuocete i gamberi in olio extravergine d’oliva con uno spicchio d’aglio e quando sono ben rosolati bagnateli con 1/2 bicchiere di vino ,fate evaporare e spegnete.

lavate e private del bisso le cozze.

Mettete a spurgare le vongole in acqua e sale .

Fate aprire i molluschi in una casseruola con olio aglio e peperoncino,conservate e filtrate il liquido di cottura.

Tagliare i calamari ad anelli.

In un ampio tegame, soffriggete la cipolla in olio d’oliva,quindi unite i calamari,rosolateli,bagnateli con il vino e fatelo evaporare.

Unite il riso,tostatelo aggiungete lo zafferano,il liquido di cottura delle cozze e il brodo.Senza più mescolare,portate a bollore.

Verso fine cottura aggiungete i piselli e portate a cottura il riso smuovendo ogni tanto il tegame.

A fine cottura aggiungete il pollo con i peperoni ,le cozze,le vongole e i gamberi,portate in tavola e servite.

Buon lavoro

Vannisa