Ciambella con Panna e Olio evo

Una Ciambella con Olio EVO, gustosa malgrado la parziale sostituzione della Panna con Olio Extra Vergine d’Oliva e latte e la diminuzione della zucchero. Questo per non privarsi del piacere di una Prima Colazione con un dolcetto, moderandone le componenti più a rischio: i grassi, particolarmente di origine animale, e gli zuccheri.

Per ottenere questo risultato adottiamo il “trucco” di miscelare l’olio evo con lo zucchero, diminuito di un 20%, e poi procediamo nella ricetta come sempre fatto.DSC_8346pf

Volendo preparare questa ciambella, che andrà sicuramente bene per due prime colazioni di una famiglia di quattro componenti, è necessaria meno di una oretta tra preparazione e cottura e questi ingredienti:

  • un quarto di Farina 00
  • tre Uova
  • due etti di Zucchero semolato
  • un etto e mezzo di Panna liquida fresca
  • cinque cucchiai di Olio evo
  • cinque cucchiai di Latte fresco intero
  • una bustina di lievito per torte
  • quanto basta di burro e farina per la teglia

Specifichiamo, che la ricetta, fatta tante altre volte, prevedeva 250gr di zucchero ed altrettanta panna, niente olio evo e latte, ed anche un bicchierino di un liquore aromatico, questo se voleste fare la ricetta fedele, per altro, molto piacevolmente burrosa e gustosa, adatta sicuramente a bambini, che fanno tanta attività e non a degli anziani, con qualche acciacco già in corso, quali noi siamo. Il nostro risultato è stato, comunque, perfettamente soddisfacente, anche il bicchierino abbiamo sostituito e con niente, solo il profumo, abitualmente conserviamo lo zucchero, destinato a dolci, con dentro bacche di vaniglia e anice stellato, basta questo a conferire un qualcosa ai nostri dolci, non di grande impegno.

Procediamo, come detto, miscelando l’olio allo zucchero, mettiamo anche il latte ed uno delle uova per facilitare l’operazione, aggiungiamo le altre due uova e continuiamo a lavorare con le fruste finché l’impasto non monta, continuando a miscelare, segue la panna e la farina, poca per volta e setacciandola direttamente nell’impasto. Questa sarà la dose per uno stampo di circa una trentina di centimetri, dove verseremo il composto dopo averla unta con un velo di burro e farina. Intanto avremo acceso il forno, portandolo a 190°C, abbassiamo a 170, inforniamo, lasciandolo a questa temperatura per 35/40 minuti circa. Volendo si può spolverare con zucchero a velo vanigliato.

Seguiteci anche in Facebook, cliccando qui andrete alla nostra pagina, se è il caso, date un “Mi Piace”

Precedente Lampascioni in Agrodolce Successivo Cime di Rapa - Pulizia