Marmellata di pere cotogne

Marmellata di pere cotogne

Qualche giorno fa mi hanno regalato delle pere cotogne e non avendole mai né toccate tanto meno mangiate o cucinate sono andata a curiosare su libri e pagine web. A dire la verità pensavo che fossero mele cotogne ma poi ho scoperto che in base all’innesto che viene praticato sulla pianta di meli e peri, i frutti possono essere a forma di pera o di mela. Conosciute già ai tempi degli antichi romani, le cotogne venivano utilizzate nella cucina medievale e rinascimentale negli arrosti ma la ricetta forse più conosciuta è la cotognata di cui se ne parla addirittura in un antico ricettario del ‘300. Le cotogne vengono cotte con zucchero, limone e acqua, passate, lasciate raffreddare, tagliate a losanghe e ricoperte di zucchero per poi essere conservate in scatole di latta o di legno. I frutti del cotogno sono talmente profumati che fino alla metà del ‘900 venivano usati per profumare stanze e portabiancheria. Raramente vengono consumati crudi, vengono invece utilizzati per preparare ottime marmellate, gelatine, liquori, mostarde e salse. Io ho deciso di fare una marmellata e dopo aver consultato varie ricette sono riuscita ad ottenere un ottimo risultato !

marmellata di pere cotogne
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    1 giorno
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • Polpa di pere cotogne (cotta) 1150 g
  • Zucchero di canna 750 g
  • Limoni 2

Preparazione

  1. Lavare le pere cotogne sotto acqua corrente togliendo la peluria con una spazzolina.

    Mettere le pere in una casseruola e coprirle con acqua.

    Cuocere fino che le pere saranno cotte ma non spappolate.

    Lasciare raffreddare, togliere la buccia, il torsolo e tagliare a pezzetti.

    Mettere i pezzi di pera in una casseruola con lo zucchero e la buccia dei limoni grattugiata.

    Utilizzare lo zucchero in proporzione di 2/3 rispetto alla polpa e un limone c/a ogni 500 gr sempre di polpa. Ovviamente più o meno dolce dipende dai propri gusti personali, io personalmente non amo il troppo dolce e adoro il limone !

    Frullare con il minipimer e far bollire a fuoco basso per 30 minuti mescolando spesso.

    Spegnere il fornello, aggiungere il succo dei limoni e mescolare bene.

    Invasare ancora bollente, chiudere con coperchi e tenere i vasetti capovolti fino che saranno completamente raffreddati così da formare il sottovuoto.

    Mettere i vasetti in una casseruola avvolti in teli, ricoprire con acqua e far bollire per almeno 20 minuti. Lasciare raffreddare completamente. Con la pastorizzazione staremo così completamente tranquilli sulla conservazione.

Note

Trovi le mie ricette di marmellate qui

Ti aspetto anche sulla mia pagina fb

 

(Visited 1.292 times, 5 visits today)
Precedente Biscotti natalizi alla cannella Successivo Panna cotta al caffè

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.