OSTRICHE a CAPODANNO e Buon 2012!

Questa ricetta esprime un po’ quello che e’ il mio amore per le ostriche francesi,dal sapore cosi’ raffinato e delicato;buone mangiate crude,con una semplice spruzzata di limone sopra;ottime se impiegate in qualche preparazione deliziosa e nuova (per me almeno)! Il libro che mi spiega come farle e’ Peccati di Gola che ho trovato davvero illuminante;ci sono ben 300 ricette ghiotte,ghiotte provenienti dall’immenso archivio dell’autrice e che lei regala al pubblico come forma di cultura gastronomica personale.Ho trovato fondamentale ed interessantissima l’introduzione dove c’e’ un’excursus culinario-gastronomico che davvero ogni foodies dovrebbe leggere.

Forchette Rivadossi

OSTRICHE GRATINATE 

Ingredienti:

  • -6 ostriche ben pulite
  • -100g di funghi champignon
  • -30g di burro -uno scalogno piccolo
  • -100ml di panna Gran Cucina ai funghi
  • -olio evo
  • -sale e pepe q.b.

Preparazione:

Aprite le ostriche facendo molta attenzione,con l’apposito attrezzo e tenendo da parte l’acqua che ne esce fuori.Togliere dal guscio le valve e metterle da parte.

Soffriggere lo scalogno tagliato a cubettini nell’olio evo e nel burro fino a che non si colora perbene.

Aggiungere i funghi e salarli in modo che rilascino l’acqua.

Aggiungere poi la panna aromatizzata e l’acqua filtrata delle ostriche quindi salare poco,pepare e far andare finche’ la salsa non si riduce un po’.Intanto sistemiamo sul fondo di in una teglia del sale grosso e vi adageremo i gusci delle ostriche,in modo tale che

saranno piu’ stabili.Adagiamo su ogniuno dei sei gusci un’ostrica,un po di salsa ai funghi e cospargiamo di pan grattato.Mettiamo in forno caldo a 250° giusto il tempo di una veloce gratinatura in modo tale da non compromettere il gusto e la delicatezza dell’ostrica.Potremo poi servire il piatto caldo,magari accompagnato con dell’ottimo champagne oppure con prosecco Doc Valdobiadene,che secondo me, con il suo gusto secco e le sue bolllicine leggere e piacevoli ci sta’ ancora meglio!

Pane&Cioccolato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.