Girelle alle mele

Non c’è niente di meglio, la mattina, di alzarsi e godersi una sana colazione. Io sono solita mettere la sveglia un po’ prima per potermi gustare appieno questo momento, unico nella giornata. E se poi ad attenderci ci sono queste girelle alle mele, ancora meglio. Sono delicate e non troppo dolci, perfette per soddisfare la golosità di tutti.

  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di riposo4 Ore
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni14/15 girelle
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

270 g farina 00
5 g lievito di birra secco
50 g zucchero
1 uovo (medio)
120 ml latte (+ quello per spennellare)
20 g burro
100 g marmellata di arance (o altro gusto a piacere)
1 mela
q.b. zucchero di canna
q.b. zucchero a velo

Strumenti

1 Planetaria
oppure1 Ciotola
1 Frusta a mano
2 Ciotoline
1 Ciotola
1 Mattarello
1 Pennello

Procedimento

Un paio di precisazioni!

LIEVITO: nella preparazione di queste girelle alle mele, io ho usato del lievito di birra secco, ma potete sostituirlo con quello fresco, se preferite. In questo caso usatene 15 g e scioglietelo nel latte tiepido insieme ad un cucchiaino di zucchero preso dal totale.

Per quanto riguarda l’IMPASTOio ho usato la planetaria, ma potete tranquillamente utilizzare un qualsiasi altro mixer oppure impastare a mano in una ciotola e sulla spianatoia.

Pronti per impastare?

Mettere nella ciotola della planetaria la farina, lo zucchero e il lievito secco e mescolarli bene con una piccola frusta a mano.

Girelle alle mele - procedimento 1

Sbattere leggermente un uovo e intiepidire 120 ml di latte, poi unirli agli ingredienti secchi e cominciare ad impastare con la frusta a gancio.

Girelle alle mele - procedimento 2

Quando il composto si sarà ben compattato, aggiungere il burro a pezzetti e continuare ad impastare fino a quando sarà stato perfettamente incorporato.

Trasferirlo sulla spianatoia leggermente infarinata, lavorarlo un po’ con le mani e modellare una palla. Metterla in una ciotola, coprire con la pellicola e far lievitare per 2 ore in un luogo tiepido e al riparo da correnti d’aria.

Chiedo scusa per la qualità delle foto ma ho preparato queste girelle alle mele di sera e, quindi, senza luce naturale.

Trascorso il tempo di questa prima lievitazione, trasferire l’impasto sulla spianatoia e stenderlo con il mattarello formando un rettangolo di 40 x 30 cm.

A questo punto spalmare la marmellata su quasi tutta la superficie, lasciando liberi 7/8 cm a destra. Io ho usato una marmellata di arance, ma potete usare della confettura di qualsiasi altro gusto preferiate.

Lavare la mela, sbucciarla, eliminare il torsolo centrale e tagliarla a fettine sottili. Quindi disporle a file come mostrato nella fotografia

Arrotolare il rettangolo da sinistra verso destra; spennellare di acqua la parte non farcita e chiudere il rotolo.

Con un coltello affilato, tagliare delle fette di circa 2 cm e disporle, man mano, sulla placca rivestita con carta da forno mantenendole un po’ distanziate tra loro. Farle lievitare per altre 2 ore.

Infine spennellarle con del latte tiepido e cospargerle con dello zucchero di canna.

Cuocere le girelle alle mele in forno statico preriscaldato a 180° per 20 minuti. Sfornarle e lasciarle intiepidire prima di gustarle spolverizzandole con dello zucchero a velo. Enjoy! Paola

E se vi è piaciuta questa ricetta, vi consiglio di provare anche le mie tortine alle mele oppure le mie mele alla cannella. Cliccate sulla fotografie qui sotto se desiderate dare un’occhiata.
Tortine alle mele mele alla cannella

Seguitemi su Facebook per essere sempre aggiornati sulle nuove ricette. Cliccate QUI e poi mettete MI PIACE in alto a destra. E sono anche su Twitter (QUI) e Instagram (QUI). Grazie di ♥!

Nota

L’idea di queste girelle alle mele l’ho trovata su YouTube (QUI); io ve le ho proposte con le mie modifiche.

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.