Crea sito

Chiffon cake all’arancia con glassa al limone

Eccomi con una nuova ricetta dedicata agli amanti della colazione fatta in casa o a chi ama fare una merenda sana e genuina! Oggi prepariamo insieme questa golosissima nuvola dal profumo e sapore d’arancia! Sto parlando della chiffon cake all’arancia con glassa al limone…. una vera delizia! Altissima, soffice che sembra davvero una nuvola, leggera e davvero golosa! Io l’ho glassata per renderla più bella, se volete potete anche farcirla con creme varie, marmellate, confettura o frutta fresca 😉
Visto che in molti mi hanno chiesto quale stampo uso per la chiffon cake e soprattutto dove acquistarlo vi dico direttamente quale uso visto che mi trovo benissimo 😉
Per le dosi da 3 uova occorre uno stampo da 18 cm e io uso questo che adoro, è lo Stampo per Chiffon cake 18cm della Wilton, un prodotto di ottima qualità che garantisce sempre risultati perfetti. Con questo stampo otterrete una chiffon cake per circa 4-6 persone. Se invece volete uno stampo più grande per fare la chiffon cake con 6 uova potete usare questo: Stampo Pentalux da 26 cm
Mi raccomando, non dimenticate mai che gli stampi per chiffon cake non vanno assolutamente né unti né imburrati 😉

chiffon cake all'arancia
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura1 Ora
  • Porzioni4-6 persone
  • Metodo di cotturaForno elettrico
  • CucinaAmericana

Per stampi da 18 cm

  • 3Uova (medie)
  • 150 gFarina 00
  • 150 gZucchero
  • 100 gSucco d’arancia
  • 60 gOlio di semi
  • 1Scorza d’arancia
  • 8 gLievito in polvere per dolci
  • 4 gCremor tartaro
  • 1 pizzicoSale
  • Limoni (qualche goccia per montare gli albumi + qualche goccia per la glassa)

Per stampi da 26 cm

  • 6Uova (medie)
  • 290 gFarina 00
  • 290 gZucchero
  • 200 gSucco d’arancia
  • 1Scorza d’arancia
  • 120 gOlio di semi
  • 1 bustinaLievito in polvere per dolci (16 g)
  • 8 gCremor tartaro
  • 1 pizzicoSale
  • Limoni (qualche goccia per montare gli albumi + qualche goccia per la glassa)

Preparazione

Preparazione Metodo classico

  1. Per prima cosa setacciate la farina e il lievito per dolci in una ciotola e aggiungete poi lo zucchero e un pizzico di sale. Prendete le uova e separate i rossi dai bianchi mettendoli in due recipienti diversi. Nella ciotola dei rossi versate il succo d’arancia (filtratelo prima per eliminare eventuali semini), la scorza grattugiata dell’arancia) e e l’olio di semi, amalgamate tutto con le fruste elettriche.

  2. Incorporate a questo composto tutti gli ingredienti secchi (farina, lievito, sale e zucchero) e lavorate con le fruste elettriche fino ad ottenere un composto omogeneo. Adesso passate a montare a neve gli albumi aggiungendo qualche goccia di limone.

  3. Quando saranno diventati bianchi e morbidi, versate la bustina di cremor tartaro e continuate a montare con le fruste per qualche minuto. Una volta che gli albumi saranno ben sodi, incorporateli delicatamente al composto con le uova, mescolando con una spatola dal basso verso l’alto per non smontarli.

  4. Versate tutto delicatamente nell’apposito stampo: MI RACCOMANDO, LO STAMPO NON SI DEVE UNGERE NE’ INFARINARE. Infornate e fate cuocere in forno statico preriscaldato a 160° per circa 50-60 minuti (fate sempre la prova stecchino per la cottura trascorso il tempo previsto).

  5. Una volta pronta togliete dal forno e, se il vostro stampo è dotato di piedini capovolgetelo subito a testa in giù e lasciatelo raffreddare completamente, almeno per 1 ora. Se invece non avete uno stampo con i piedini vi basterà prendere un imbuto, che tutti abbiamo in cucina, inserirlo nel buco presente nello stampo e capovolgerlo facendo attenzione a trovare un punto di equilibrio.

  6. Il dolce non cade perchè aderisce perfettamente alle pareti dello stampo, non a caso non va né imburrato né infarinato, solo una volta raffreddato ed incorporata l’aria necessaria per diventare soffice e leggero, potrete sfornarlo senza rovinare nulla!

  7. Con un coltello dovrete staccare delicatamente il dolce dalle pareti, sollevare la parte più grande dello stampo e rimuovete il fondo, sempre aiutandovi con un coltello.

  8. Per la glassa al limone:

    Stampo da 18 cm:

    60 grammi di zucchero a velo + 3-4 cucchiaini di succo di limone.

    Mettete in una ciotola lo zucchero a velo, unite poco alla volta il succo di limone e amalgamate fino ad ottenere una glassa piuttosto densa. Decorate la chiffon cake sulla superficie.

    Se usate lo stampo da 26 cm raddoppiate le dosi.

Secondo metodo

  1. Prendete una ciotola e versate all’interno farina zucchero e lievito e mescolate con una spatola per amalgamare. Versate a filo il succo d’arancia e mescolate e poi aggiungete l’olio di semi sempre mescolando bene, con una frusta o mestolo da cucina.

  2. Ora prendete le uova e separate i rossi dai bianchi. Mettete da parte i bianchi. Incorporate un tuorlo alla volta al composto precedentemente ottenuto, per farlo amalgamare bene e mescolate aiutandovi con una frusta da cucina o una forchetta.

  3. Aggiungete la buccia grattugiata dell’arancia e mescolate. A parte montate bene gli albumi con uno sbattitore elettrico, aggiungete qualche goccia di limone e montateli a neve.

  4. Una volta che gli albumi saranno diventati bianchi e morbidi aggiungete il cremor tartaro e proseguire con le fruste elettriche fin quando saranno ben fermi. Incorporate gli albumi al resto del composto.

  5. Mescolate delicatamente con una spatola per non farli smontare e versate tutto nello stampo apposito. Fate cuocere sempre a 160° forno statico preriscaldato per circa 50-60 minuti e poi sfornate e fate riposare per almeno 1 ora lo stampo capovolto.

  6. Mi raccomando, una volta sfornata la vostra chiffon cake capovolgete subito lo stampo altrimenti il ciambellone si sgonfia. Lasciate raffreddare per più di 1 ora a testa giù e poi toglietela dallo stampo

  7. Mi raccomando, non dovete usare uno stampo diverso da quello tipico per chiffon cake altrimenti non otterrete lo stesso tipo di risultato, ovvero un ciambellone altissimo e soffice come una nuvola.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Gabry

Il mio nome è Gabry (o meglio Gabriella!), ho 36 anni e sono abruzzese doc!! Sono una ragazza semplice, con un grande cuore ♥ Non sono una cuoca di professione, piuttosto mi definisco una “pasticciona” ai fornelli! Però, tra esperimenti, successi e fallimenti, quando indosso il mio grembiule mi sento felice...