Shortbread: meravigliosamente friabili

Shortbread, ricetta dei biscotti scozzesi, i biscotti più buoni del mondo! Avete mai provato gli Shortbreads? Si sciolgono in bocca, da quanto sono friabili e il loro nome shortbread deriva proprio da questa loro caratteristica, in cui short indicava in passato proprio “friabile”. Gli Shortbread, nella ricetta originale, prevedono 1 parte di zucchero, 2 parti di burro e 3 di farina. Hanno solo questi pochi ingredienti, ma sono davvero divini.

Gli Shortbread sono tra i dolci scozzesi più famosi e tra i biscotti al burro che preferisco, insieme ai Biscotti danesi, ma sono diffusi anche nel Regno Unito, tra i biscotti inglesi e tra i biscotti al burro inglesi.

Si possono trovare di diverse forme: gli shortbread fingers, quelli che vi propongo oggi e sono i più tipici, di forma rettangolare allungata e molto spessi, tanto da assomigliare a delle dita, gli shortbread rounds, di forma rotonda, simili ai classici biscotti, infine i petticoat tails, un grande biscotto unico circolare che viene cotto in una teglia tonda da forno e servito a spicchi, il preferito di Mary Stuart, Regina di Scozia, che simboleggia il tessuto che veniva utilizzato per creare le sottovesti dell’epoca (petticoat, appunto). Poi ci sono i millionaire’s shortbread, che vengono cotti in una teglia rettangolare o quadrata e ricoperti da uno strato di caramello e uno di cioccolato (shortbread with caramel).

Se volete assaporare gli Shortbreads originali, potete provare i biscotti Walkers, che sono i maggiori esportatori dei shortbread cookies, direttamente dalla Scozia, oppure potete preparare questa ricetta degli Shortbread: vi assicuro che sono la fine del mondo e vi gusterete i biscotti al burro scozzesi, con tutto il loro sapore! Come vi ho detto, sono i biscotti più buoni del mondo!

Shortbread ricetta
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione25 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora 15 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni40 biscotti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaEuropea

Shortbread: ricetta e preparazione

  • 375 gfarina 00
  • 250 gburro
  • 125 gzucchero
  • 1 pizzicosale

Preparazione degli Shortbreads

  1. Amalgamare burro e zucchero - Ricetta Shortbread

    Inserite nella ciotola della planetaria lo zucchero, il burro freddo a pezzetti e il pizzico di sale. Lavorate gli ingredienti con la frusta K o a foglia, fino ad ottenere un composto cremoso.

  2. Unire la farina - Impasto Shortbreads ricetta

    Unite anche la farina e lavorate qualche minuto, in modo da avere un impasto omogeneo.

  3. Stendere l'impasto - biscotti scozzesi

    Disponete l’impasto tra due fogli di carta da forno e stendete con il mattarello in modo da formare un rettangolo 26 x 19 cm e dell’altezza di 1 cm.

  4. Richiudete la carta da forno, appoggiate sopra della pellicola trasparente e mettete in frigorifero, su una teglia, per 45 minuti.

  5. Ritagliare gli shortbread - ricetta

    Trascorso il tempo, riprendete il vostro panetto e rifilate i bordi. Create dei bastoncini da 6 cm x 2 cm (i nostri shortbreads) dividendo il panetto in 3 strisce da 6 cm e la parte più lunga in segmenti da 2 cm.

  6. Bucherellare la superficie degli Shortbreads - biscotti inglesi

    Con la parte più larga di uno stecco da spiedino (non la punta), create i classici buchetti degli shortbread originali: prima 2 file esterne da 6 – 7 buchetti e poi 3 centrali (come in foto).

  7. Mettete nuovamente la carta da forno con i biscotti shortbread in frigorifero per 30 minuti, su una placca da forno, prima di sistemarli per la cottura: in questo modo non si deformeranno con il calore.

  8. Passato anche questo tempo, accendete il forno statico a 160°C e spolverate gli shortbread con poco zucchero semolato. Posizionateli su una teglia rivestita di carta forno, mantenendoli piuttosto distaccati tra di loro. In cottura cresceranno!

  9. Cottura shortbreads

    Infornate nel forno statico preriscaldato a 160°C per 25-28 minuti. Appena saranno dorati sui bordi, saranno pronti!

  10. Estraeteli dal forno e attendete che si raffreddino e prendano consistenza, prima di toglierli dalla teglia. Con questa quantità ho fatto 2 infornate. Tra un’infornata e un’altra rimettete gli shortbreads che non ci stavano sulla teglia, in frigorifero, in modo che si mantengano freddi prima della cottura.

  11. Quando si saranno intiepiditi, potrete gustarvi i vostri Shortbread ricetta originale con tutto il loro delizioso sapore: si scioglieranno in bocca e ve ne innamorerete!

Conservazione

  1. Gli Shortbread si possono conservare a temperatura ambiente per 1 settimana. In una scatola di latta possono arrivare anche a 2 mesi. Sono anche un regalo carino per Natale, al posto dei classici Biscotti di Natale.

Leyla consiglia…

Potete preparare l’impasto anche a mano, lavorando con le fruste elettriche il burro morbido con lo zucchero e poi unendo la farina. In questo caso, vi consiglio di mettere l’impasto in frigo per 20 minuti, prima di stenderlo.

Vi ho proposto gli Shortbread nella versione originale, ma si possono aromatizzare in vari modi, in base ai vostri gusti. Vi basterà aggiungere:

– Vaniglia
– Scorza di limone o arancia
– Aroma di mandorle
– Lavanda
– Rosmarino
– Zucchero di canna (al posto dello zucchero bianco)
– Caffè espresso solubile in polvere
– Cannella
– Zenzero in polvere

Oppure potete sostituire 175 g di farina 00 con farina di mandorle o noci o nocciole. Ogni volta otterrete uno shortbread diverso!

Da provare anche:

BISCOTTI CON SPARABISCOTTI

BISCOTTI ALL’ARANCIA

BISCOTTI ALLA CANNELLA

BISCOTTI AL LIMONE

BISCOTTI SENZA BURRO

Da non perdere anche lo speciale BISCOTTI SEMPLICI con tantissime ricette da provare!

Torna alla HOME PAGE
Per non perdere nessuna ricetta, metti il “mi piace” QUI sulla mia pagina Facebook QUI sul mio profilo Instagram.

4,9 / 5
Grazie per aver votato!
Precedente Dolci alla frutta: 50 ricette da non perdere! Successivo Biscotti al cocco: dolcetti al cocco facili e morbidissimi

2 commenti su “Shortbread: meravigliosamente friabili

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.