Ciambelline croccanti al vino rosso

Le ciambelline croccanti al vino rosso sono dei dolci tipici Romani molto antichi ma sempre attuali e non contengono uova ne burro. Sono croccanti e goduriosi una tira l’altra…oggi dopo averli sfornati ne ho assaggiato uno, ma dopo aver fatto le foto non ho resistito e ne avrò sgranocchiate altre tre o quattro, poi ho detto a mio marito di nasconderle per non cadere ancora in tentazione. Certo non sono adatti ai bambini, per loro trovate tante altre ricette di biscotti nel mio blog, una ricetta consigliata la trovate QUI vi consiglio di provarli  sono sicura che li rifarete più di una volta.


Ciambelline croccanti al vino rosso

Ingredienti per 25 ciambelline:-

  • 200 grammi di farina di semola di grano duro
  • 125 grammi di farina 0
  • 80 grammi di zucchero
  • Metà bicchiere di plastica di olio di semi di girasole
  • 1 bicchiere di plastica di vino rosso, non pieno fino all’orlo
  • Metà cucchiaino di ammoniaca oppure di lievito per dolci
  • Zucchero per la superfice delle ciambelline q.b.

Procedimento:-

  • In una ciotola mettete il vino, l’olio e lo zucchero, mescolate con l’ausilio della frusta a mano. Mescolate  la semola di grano duro con la farina 0 e il lievito.
  • Continuate ad impastare con le mani, otterrete un’impasto semiduro ma di facile lavorazione, formate dei bastoncini lunghi 14 centimetri.
  • Unite le due estremità e passateli sopra lo zucchero, poneteli sulla placca del forno rivestita di carta forno poggiando la parte zuccherata verso l’alto.
  • Cuocete le nostre ciambelline croccanti in forno statico a 200 gradi per 25 minuti circa dipende dal vostro forno.
  • Fateli raffreddare e conservateli in contenitori di latta oppure di vetro, sentirete che goduriosi e croccanti che sono…una tira l’altra!
  • Se vi piacciono le mie ricette iscrivetevi alla newsletter basta la vostra e-mail, oppure seguitemi sulla mia pagina facebook basta fare clic sul mi piace. Grazie e alla prossima!

Precedente Torta con mele piccola, che più morbida di così non si può Successivo Pasta cremosa al pepe rosa e santoreggia

Lascia un commento