Crea sito

Timballo di riso al ragù catanese

Il timballo di riso al ragù catanese è una ricetta molto gettonata per i pranzi della domenica qui a Catania, oltre a questa prelibatezza, le nonne ci hanno tramandato che la domenica si mangiano cannelloni ripieni, pasticcio di lasagne e pasta al forno. Pietanze, queste, che si trovano un pò in ogni zona d’Italia, anzi alcune di loro non nascono in origine in Sicilia, ma qui vengono rivisitate e complicate con ingredienti di condimento maggiori. Ad esempio a Catania mettiamo la melanzana fritta dappertutto, poi aggiungiamo 10-12 uova e per finire qualche polpetta di carne sbriciolata intrisa di ragù! Tutto questo per una domenica pomeriggio all’insegna dell’abbiocco. Chi nasce a Catania ha questo destino, non si può facilmente contraddirlo, specie se cucina la nonna.

Ma voglio rassicurarvi io non sono ancora una nonna e le mie ricette sono comunque più salubri.

SEGUIMI ANCHE SULLA MIA PAGINA FACEBOOK

Timballo di riso al ragù catanese
  • Preparazione: Minuti
  • Cottura: 30 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

Ingredienti per il risotto al ragù

  • 400 Riso (per risotti)
  • 700 ml Passata di pomodoro
  • 250 g tritato di carne di vitello
  • 1 Cipolle
  • 2 Carote
  • 1 costa Sedano
  • 1 filo Olio extravergine d'oliva
  • 1/2 bicchiere Vino bianco
  • 1 pizzico Noce moscata
  • q.b. Sale
  • q.b. Pepe nero

Ingredienti per il condimento

  • 250 g formaggio a pasta filata
  • 150 g Prosciutto cotto
  • 80 g Grana padano (grattugiato)
  • 30 g Burro
  • 2 Uova sode (facoltativo)
  • 1 melanzana fritta (facoltativo)

Preparazione

  1. Per realizzare il timballo di riso al ragù catanese dovete per prima cosa preparare il ragù. Preparate un trito di cipolle, carote e sedano e mettetelo in una pentola dai bordi alti insieme ad un filo di olio extra vergine d’oliva. Fate rosolare per 4-5 minuti, rigirando per evitare che il soffritto si attacchi, quindi unite la carne tritata. Fatela rosolare e poi sfumate con il vino bianco o rosso. Quando l’alcool sarà evaporato potrete aggiungere anche la passata di pomodoro.

    Unite gli aromi che siete soliti utilizzare quando preparate un ragù, vi consiglio alloro e noce moscata. Poi salate e pepate a vostro piacimento. Lasciate cuocere il ragù per circa un’ora a fuoco basso, controllandolo spesso.

  2. Procedete poi con la cottura del riso. Sbollentatelo in abbondante acqua salata secondo i tempi indicati in confezione, quando sarà cotto, lasciatelo al dente, scolatelo e conditelo con la metà del ragù precedentemente preparato. Aggiungete al risotto del formaggio a pasta filata a pezzettini e amalgamatelo in modo da renderlo saporito e filante.

  3. Passate adesso alla composizione del timballo di riso al ragù catanese. Disponete su una teglia da forno qualche fiocco di burro e qualche cucchiaiata di ragù.

    Distribuite uno strato di risotto e condite con altro ragù, poi aggiungete il formaggio grattugiato, il prosciutto, il formaggio a pasta filata tagliato a fette o a dadini e poi se volete eccedere qualche uovo sodo a pezzettoni e delle fettine di melanzana fritta. Ricoprite con l’altra metà di risotto, condite con il ragù rimanente, formaggio grattugiato e qualche fiocco di burro.

    Mettete il timballo di riso al ragù catanese in forno per 30 minuti circa.

    Prima di servirlo lasciatelo intiepidire.

    Se volete, potete aggiungere a questa portata delle polpette di carne da far cucinare insieme al ragù, se clicchi QUI trovi la mia ricetta delle polpette di carne morbide.

    T’invito a visitare la mia pagina Facebook dove potrai trovare tante ricette sfiziose e alla portata di tutti, lascia un like ed unisciti a noi.

    Seguimi anche sugli altri social, mi trovi su Pinterest – Instagram – Twitter

    Torna alla HOME per le altre ricette

    Leggi QUI se vuoi conoscermi meglio

Leggi anche

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da cucinaserafina

Salve mi chiamo Maria e questo blog prende il nome della mia mamma, scomparsa troppo presto, ma che spesso rivive nella mia cucina e non solo...Naturalmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.