Aglio nero e alici di menaica, con gli spaghetti piatto vincente

L’aglio nero è sempre più presente nelle cucine di molti ristoranti italiani. Di provenienza asiatica, l’aglio nero è un comune aglio bianco che viene fatto fermentare per circa 40 giorni in condizioni climatiche controllate, infatti, necessita di un tasso di umidità abbastanza alto e di temperatura fresca ma costante. Dopo che mi hanno regalato questo incredibile ingrediente, sto cominciando a sperimentarlo in varie ricette. Questa volta ho preparato un semplice piatto con alici di menaica e pomodorini sostituendo l’aglio bianco con questo nero fermentato, il risultato è davvero squisito.

  • Preparazione: 5 Minuti
  • Cottura: 12 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 4 porzioni
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Spaghetti N°5 400 g
  • Pomodorini 200 g
  • Alici di Menaica (sotto sale) 4-5
  • Aglio nero 2 spicchi
  • Sale rosa dell'Himalaya
  • Olio extravergine d'oliva
  • Pepe bianco

Preparazione

  1. La primissima cosa che dobbiamo fare è mettere la pentola con l’acqua dove cuociamo gli spaghetti. In una padella mettiamo 5 cucchiai di olio evo e le alici, dopo averle pulite e sciacquate abbondantemente, facciamole cuocere a fiamma bassa.

  2. Nel mentre mettiamo l’aglio nero in una ciotolina con poca  acqua bollente e con i rebbi di una forchetta schiacciamo l’aglio, facciamolo sciogliere un poco e aggiungiamo il tutto nella padella. Tagliamo i pomodorini in due e aggiungiamoli alle alici e aglio nero.

  3. Facciamo cuocere giusto il tempo di cottura degli spaghetti che nel frattempo avremo già calato nell’acqua bollente e salata. Quando gli spaghetti sono indietro di cottura di qualche minuto aggiungiamoli nella padella e finiamo aggiungendo poca acqua di cottura per volta. Assaggiamo prima di salare perché ci sono le alici che già danno molta sapidità, una spolverata di pepe bianco e possiamo servirli ben caldi.

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.